The Global Financial Crisis: What Caused it, Where it is heading?


Ravi Batra, economista di origine indiana, della Southern Methodist University di Dallas, Texas, autore di molti libri di natura socio-economica come il best-seller “La grande depressione del 1990”, propone una analisi del crack finanziario del 2008 e le soluzioni per non averne in futuro.
Qualcuno parla di Ravi Batra come di una Cassandra che prospetta sempre il peggio… ma sfortunatamente, spesso ci azzecca.


RBatraTwo thousand eight was year extraordinaire. It started off in a rather nonchalant way, but ended with a bang. Its myriad and breathtaking events caught the world off guard, but please allow me to say, arrogant as it sounds, that they did not surprise me, including the epoch-making victory of Barack Obama in the US presidential election. I had anticipated them all in two books more than two years ago. The first, Greenspan’s Fraud, was written in 2005, and the second, The New Golden Age: The Coming Revolution against Political Corruption and Economic Chaos, was finished before October 2006. In fact, the title of the second work itself reveals that I had anticipated an Obama-like revolution in the United States.

It now appears vain to remind the people of my forecasts, but see what I had to endure after I made them. Both books had served to reinforce my reputation as a crack pot, who sought public attention with bogus claims and phony prophecies that occasionally came true. Greenspan’s Fraud was especially galling to my fellow economists, even some of my colleagues. Alan Greenspan was still the chairman of the Federal Reserve in the United States, and had been so for the past 18 years. Some people regard the Fed chairman, with his all-encompassing ability to influence interest rates globally, as the most powerful man in the world.

This is perhaps an exaggeration, but Greenspan, who had actually been in the limelight for over three decades, was more than just a Fed chairman. Investors around the world came to worship him in the 1990s, as share markets broke record after record in many nations. Best-selling author Bob Woodward, who achieved celebrity writing about the Watergate scandal, declared Greenspan as the Maestro in 2000 in a book with the same title. Others were equally euphoric about him. Some called him a rare genius, the best economist ever; even Queen Elizabeth chipped in and knighted him in 2002 as Sir Alan Greenspan. Here I was, a mere professor at Southern Methodist University, who had the temerity not just to criticize him but call his policies self-serving and fraudulent. My book’s title shocked the people, who in turn mocked me without reading my facts and arguments. But sometimes one has to bear insults to bring out the truth.

Where did I learn my economics? The question makes me nostalgic and takes me back into the 1960s, when I was a masters’ student at the Delhi School of Economics. There I studied under luminary professors such as K. N. Raj, Jagdish Bhagwati, Amartya Sen, and India’s current prime minister, Manmohan Singh. They were great teachers and taught me the fundamentals of modern economics.

However, there was one other teacher, whose theories were remarkably different and unknown. He was not even at the Delhi School. I met him in Lucknow, at the time a rather small town in India. He was Shri Prabhat Ranjan Sarkar, a wonderful man of vast knowledge in many different areas. He had written books on history, economics and philosophy among others. Two points stood out in his theories. First, the foundation of prosperity is people’s purchasing power; second, rising inequality eventually destroys any economy.

I left India for the United States in 1966 to do a Ph. D., but Sarkar’s ideas stayed with me and followed me wherever I went. I studied classical economics, Keynesian thought, and numerous other schools, but none focused on what Sarkar had stressed. Finally, I decided to write about his ideas and introduce them to the world, because few paid attention to the gems he had offered. I wrote a number of books based on his theories, starting in 1978, but here I want to emphasize how his ideas enabled me to see through the vacuity and deception of Greenspan’s policies.

The Wage-Productivity Gap

Greenspan focused on company profits and labor productivity as the main engines of economic growth and prosperity. He believed that high profits generate high employment and high wages lead to joblessness. I will now show how this view is myopic and the sole cause of most of the economic travails afflicting the world.

Let me start with a universally acceptable statement. A healthy economy requires that there is a balance between supply and demand. Here supply means the production of goods and services offered to entire society, and demand means society’s demand for such things. Thus, economic balance requires that

Supply = Demand

Without this balance, there is either high unemployment or high inflation. The main source of supply is labor productivity, whereas the main source of demand is the real wage, or people’s purchasing power in Sarkar’s nomenclature. When productivity rises, production or supply goes up and when the real wage increases, consumer spending, and hence investment spending, go up. Because of this investment and new technology, productivity grows over time, which means supply rises over the years. Therefore, demand must also grow proportionately to maintain the economic balance, implying that the real wage must rise in proportion to productivity. However, Greenspan loved to see the rise in productivity but hated the rise in the real wage. He even wanted to abolish the minimum wage, and always argued against its rise, although relentless price increases in the United States had all but demolished its purchasing power. In this respect, the maestro had a lot of company, including the support of President George W. Bush and economic establishment. As a result, the U.S. minimum wage, which peaked at $10 per hour in 1969 in terms of 2008 prices, is now less than $7. Incidentally, the unemployment rate in 1969 was just 3.5 percent, among the lowest in US history.

If the real wage fails to grow as fast as productivity, then over time, a wage-productivity gap develops and

Supply > Demand

Then how do you maintain the indispensable economic balance? This is where the special genius of Greenspan, along with that of conventional economics, came into play. This is where liberal and conservative economists alike, some of them Nobel Laureates, preached their gospel and in the process failed the world.

There is another way through which demand can be raised—new debt. It is an artificial way, and cannot be used forever, but it can postpone the problem for a long time, while the potential economic imbalance builds and cumulates. From 1981 on, U.S. budget deficits, with Greenspan and company advising President Reagan, grew apace. Economists called it fiscal policy, but in reality it was a debt-creating policy. This is how the supply-demand balance was maintained in the presence of the rising wage gap. Thus, for a while, economic balance occurs when

Productivity growth = growth of the real wage plus debt

andThe_Global_Financial_Crisis

new debt = supply – demand

 

The Profit and Stock-Market Bubbles

Once productivity outpaces the real wage and debt fills the supply-demand gap, company profits skyrocket, because the entire fruit of rising productivity goes to capital income. However, these are debt-supported profits, because without this debt goods will be unsold and profits will fail to materialize. With rocketing profits come rocketing share prices, so everybody becomes happy and begins to dance. This is how Greenspan won the world’s adulation, and no one looked at the magical role played by debt.

Once federal debt began to sore in the United States from 1981 on, it took barely a year, before the Dow Jones Index (the Dow in short) began to rise. The Dow ended the year around 800, but climbed above 2,000 by mid-1987. It had taken the ballyhooed index about 100 hundred years to go past 1,000, but the next 1,000 came in merely two years. A grateful Reagan appointed Greenspan as the Fed chairman in August 1987, but two months later the maestro had to face the music of his own handiwork. The debt-built stock market bubble, founded by that debt-built profit bubble, crashed in the month of October. Greenspan had no idea of how the rising wage gap generates the supply-demand gap. Instead of focusing on wages, he turned to the other way of creating debt. He flooded the world with money and trimmed the interest rate to lure consumers into borrowing. New debt was now created with the help of fiscal policy as well as what economists like to call monetary policy. However, such euphemisms only mask the truth, which is that these policies solve the problem only by generating new debt.

With increasing use of computers and the Internet, productivity began to rise faster than before, while government policies restrained wage growth. So the wage gap continued to rise and actually accelerated. Not surprisingly, new debt played an even larger role during the 1990s. The government did not borrow as much as before, but the public did more than its share. The mushrooming U.S. trade deficit also made a contribution in this regard, because the rest of the world bought American government bonds with its trade surplus that resulted in its dollar hoard. Consequently, American interest rates remained low for a long time and lulled Greenspan and the fawning world into believing that his policies were actually responsible for the surface prosperity.

So the debt-and-stock-market party that had been derailed by the 1987 crash returned with a gusto. This time the world got drunk on the dot.com boom that took share markets to stratosphere, with the Dow crossing 10,000 in 1999. Still no one realized the crucial role played by new debt in the ever growing mania. For a variety of reasons, the US federal government enjoyed a budget surplus in 1999. Since the wage gap continued to rise, I became convinced that the budget surplus would soon generate a supply-demand gap and hence a crash in profits and share prices. That is when I wrote my book, The Crash of the Millennium, predicting that share markets would collapse in 2000 and beyond. This is exactly what happened, because in an environment of the growing wage gap, the moment debt stops growing, supply exceeds demand, over production results, profits tumble and share prices sink. The stock-market crash of 2000-2001 was the worst since the great crash of 1929.

 

The Housing Bubble

Somehow Greenspan loves bubbles. As the stock market plummeted in 2000, he panicked and slashed interest rates to depths that had not been seen since the depression of the 1930s. He knew consumer demand was inadequate but did not attribute it to the stagnant real wage. He would rather have the public spend money through borrowing than through higher salaries. Greenspan also encouraged people to use their home equity to secure loans and asked banks to lower their lending standards. The banks dutifully followed as they and their CEOs began to make bushels of money. Add to this his deregulation spree that freed banks to trade in the stock market, and bubbles started to emerge in home prices and credit markets. Soon the new bubbles bested even the dot.com balloon of the 1990s. Greenspan still had not realized that since debt cannot grow exponentially all bubbles burst in the end, and when they do the consequences are very painful.

I have just given you a capsule of Greenspan’s follies and policies; there is much more that cannot be presented in a brief article. But the main point is that the maestro succeeded in hiding the true consequences of his actions and tailored his advice to the ideology of whoever became the American president. In the process Greenspan contradicted his earlier policies, mainly to secure his reappointment as the Fed chairman by the incoming president. Today people realize that Greenspan is mostly to blame for the global crisis. In fact, the cable television channel CNN recently included him among the top 10 culprits responsible for the spreading fiasco, but the same CNN had once idolized the maestro.

Greenspan retired in January 2006 and was replaced by Ben Bernanke, who is no different from the former chairman. Mr. Bernanke is also unaware of the role played by sufficiently high wages in restoring economic balance. So he has rehashed Greenspan’s policies at even faster place, although it must be added in his defense that the current mess is not entirely of his making.

 

Where Are We Headed?

In The New Golden Age, I predicted that economic chaos would begin in 2007 with a housing meltdown in the United States, followed by a banking crisis and share price declines in 2008 and 2009. I now foresee that this crisis would last at least till 2010, and possibly longer. This is because conventional economists still do not understand the nasty economic effects of the wage-productivity gap, which has grown enormously all over the world. If the doctor does not diagnose the sickness properly, the patient has to suffer for a long time. That is why I am afraid the global financial debacle will turn into a steep recession and be the worst since the Great Depression, even worse than the painful slump of 1980-1982 that afflicted the whole world. I have offered a number of economic reforms deriving from the theory of the wage gap in my two books explored above, and it is possible to come out of the recession within a year, but alas conventional economists would not let us escape the looming disaster so quickly.

Yet all is not lost. There is an effulgent silver lining lurking behind the pal of dark clouds. Sarkar’s historical cycles that I have repeatedly used in my forecasts also show that eventually the world will see a wonderfully prosperous era enshrined in the new golden age. This, I feel, could happen by the end of the next decade.

*Prepared for St. Stephen’s College, Delhi.

by Ravi Batra
© November 15, 2008
Professor, Department of Economics
Southern Methodist University, Dallas, Texas 75275, USA


 

 Scarica articolo in PDF

ALCUNE SPECIALITÀ DEL SISTEMA ECONOMICO PROUT


Ci sono parecchie speciali caratteristiche del sistema economico PROUT. Esse includono la garanzia delle minime necessità, l’incremento del potere d’acquisto, le cooperative, lo sviluppo industriale, la decentralizzazione e la pianificazione per lo sviluppo. PROUT ha anche una sua specialità nel campo degli scambi e del commercio.


PR-Sarkar_3Garanzia delle minime necessità

Il sistema economico PROUT garantisce le minime necessità dell’esistenza. Cioè alimenti, vestiario, cure mediche ed educazione, a ciascun individuo. Una volta che le minime necessità siano state garantite a tutti, il surplus dovra’ essere distribuito tra chi ha qualità e abilità particolari, come medici, ingegneri e scienziati, poiché queste persone rivestono un ruolo di primaria importanza nello sviluppo collettivo della società. La quantità delle minime necessità, una volta che siano state garantite, dovrebbe poi aumentare progressivamente. La quantità dei requisiti minimi poi, dovrebbe essere progressivamente aumentata cosicché lo standard di vita delle persone comuni possa sempre essere incrementato. Il concetto dell’uguale distribuzione è un’idea utopistica. Solo uno slogan furbo per imbrogliare persone semplici e ignoranti.

Il PROUT rigetta questo concetto, (di uguale distribuzione), e sostiene invece la massima utilizzazione e la distribuzione razionale delle risorse. Ciò fornirà gli incentivi necessari per aumentare la produzione.


Questo discorso è stato tenuto dall’autore nel giugno 1979. In seguito sono stati registrati molti altri discorsi, che possono essere considerati a pieno titolo, delle specialità del sistema economico PROUT. Questi discorsi includono “”dinamiche economiche”,” economia decentralizzata”,” democrazia economica”.


Aumento del potere d’acquisto

E’ il fattore di controllo l’economia proutista (non il PIL). Il potere d’acquisto delle persone comuni in molte nazioni sottosviluppate, in via di sviluppo e sviluppate è stato trascurato, per cui i sistemi economici di queste nazioni si stanno disgregando e stanno creando una crisi a livello mondiale. La prima cosa che si deve fare, per aumentare il potere di acquisto delle persone, è massimizzare la produzione di beni essenziali, e non la produzione di beni di lusso. Questo ristabilirà la parità tra produzione e consumo e assicurerà che le minime necessità siano accessibili a tutti.

 


Il sistema delle cooperative

Secondo PROUT, il sistema delle cooperative è il migliore sistema per la produzione e la distribuzione di beni.

Le cooperative, gestite da moralisti, proteggeranno le persone contro varie forme di sfruttamento economico. Agenti e intermediari non avranno spazio per interferire nel sistema cooperativistico. Una delle maggiori ragioni del fallimento del sistema delle cooperative, in diverse nazioni del mondo, è l’immoralità rampante diffusa dagli sfruttatori capitalisti per continuare la loro dominazione.

Le cooperative si sviluppano in una comunità che ha un ambiente economico integrato, necessità economiche comuni, e un mercato pronto ad assorbire i beni prodotti in maniera cooperativa.

Tutti questi fattori devono essere presenti perché le cooperative si possano evolvere. Le cooperative gestite in maniera appropriata sono libere dai difetti della proprietà individuale. Nelle cooperative la produzione può aumentare secondo richiesta grazie alla natura scientifica del loro approccio. Per il loro successo, le imprese cooperative dipendono da moralità, da una forte amministrazione e dall’accettazione piena del sistema delle cooperative da parte della popolazione. Dovunque questi tre fattori siano presenti in qualsiasi misura, le cooperative avranno un successo a loro proporzionato.

Per incoraggiare le persone a formare delle cooperative si dovrebbero implementare dei modelli di cooperative ben riusciti e le persone dovrebbero essere istruite sui benefici del sistema cooperativo. In questo sistema si dovrebbero usare le ultime tecnologie sia nella produzione che nella distribuzione.

  • Una modernizzazione appropriata porterà ad aumentare la produzione.
  • I manager delle cooperative dovrebbero essere eletti tra coloro che hanno delle partecipazioni nella cooperativa.

I soci delle cooperative agricole potranno avere dei dividendi in due modi:

  • In proporzione all’ammontare della terra che hanno messo a disposizione della cooperativa,
  • In proporzione alla quantità di lavoro manuale o intellettuale che hanno  prodotto.

 

Per pagare questo dividendo inizialmente la produzione totale dovrebbe essere divisa sulla base del 50/50. Il 50% dovrebbe essere distribuito come salari e il 50% in proporzione alla terra che i singoli hanno messo a disposizione. Le persone del posto dovrebbero avere la preferenza nella partecipazione in imprese cooperative. Si dovrebbe adottare un piano di sviluppo per portare il medesimo livello di sviluppo in tutte le regioni invece che solo in alcune. In questi piani di sviluppo si dovrebbero utilizzare le ricchezze locali e le altre risorse con tutte le loro potenzialità. Il problema delle controversie sulla proprietà della terra, può essere risolto durante la fase di socializzazione della terra attraverso il sistema delle cooperative. Il possesso cooperativistico della terra dovrebbe essere attuato gradualmente in armonia con le circostanze economiche di quell’area locale. Durante questo processo la proprietà della terra non dovrebbe rimanere nelle mani di un particolare individuo o gruppo.

 


Sviluppo industriale

Prout divide la struttura industriale in tre parti: industrie chiave gestite dal governo locale,, cooperative e industrie private. Questo sistema eliminerà la confusione riguardo al fatto che una particolare industria venga gestita privatamente o dallo stato, ed eliminerà la sovrapposizione  tra governo e imprese private. In molte nazioni sviluppate o sottosviluppate c’è una pressione eccessiva di popolazione sull’agricoltura. Non è appropriato che più dell’45% della popolazione sia impiegata nell’agricoltura. Nei villaggi e nelle piccole città si dovrebbe sviluppare un grande numero di agro-industrie e agrico-industrie, per creare nuove opportunità di impiego. Inoltre, all’agricoltura dovrebbe essere dato status di industria cosicché i lavoratori agricoli possano comprendere l’importanza e il valore del loro lavoro. Secondo la politica salariale del Prout, i salari non devono essere accettati solo in forma di denaro. Possono essere anche dati in forma di beni essenziali o di servizi. È auspicabile aumentare gradualmente questa componente dei salari rispetto alla componente monetaria. Prout appoggia la massima modernizzazione nell’industria e nell’agricoltura introducendo la più appropriata tecnologia scientifica, in modo che la modernizzazione e la razionalizzazione non portino ad un aumento della disoccupazione.

Nel sistema economico collettivo del Prout, verrà mantenuta la piena occupazione riducendo progressivamente le ore di lavoro, nel mentre si introducono tecnologie scientifiche per aumentare la produzione. Ciò non è possibile nel sistema capitalistico.

 


Decentralizzazione

Per materializzare il programma economico di cui sopra, Prout appoggia un approccio nuovo e originale alla decentralizzazione basato sulla formazione di unità socio economiche in tutto il mondo.

Le unità socio economiche dovrebbero essere formate sulla base di fattori come problemi economici comuni, potenzialità economiche uniformi, similarità etniche, caratteristiche geografiche comuni, cultura e il sentimento delle persone, che nascono da legami comuni socio culturali come il linguaggio e le espressioni culturali.

Ogni unità socio economica sarà completamente libera di tracciare i suoi piani economici e i metodi per la loro implementazione. All’interno di ogni unità socio economica ci sarà anche una pianificazione decentralizzata, che nel Prout viene chiamata pianificazione a livello di blocco (area di circa 5.000 abitanti). La commissione di pianificazione a livello di blocco sarà la più bassa tra i consigli di pianificazione.

Un’autorità politica come una federazione o uno Stato unitario può contenere un certo numero di unità socio economiche. Per esempio lo stato di Bihar in India può essere diviso in cinque unità socio economiche Angadesh, Magadh, Mithila, Bhojpuri e Nagpuri. Basandosi sui fattori di cui sopra l’intera India può essere divisa in 44 unità socio economiche. A queste unità deve essere garantita piena libertà di raggiungere l’autosufficienza economica attraverso l’attuazione dei loro piani e delle politiche economiche. Se le persone locali in queste unità organizzano programmi su larga scala per la loro liberazione economica e culturale a 360°, ci sarà un risveglio socio economico in tutta l’India. Indipendentemente dal fatto che siano ricche o povere, vecchie o giovani educate o analfabete, se le popolazioni locali sono ispirate da un sentimento anti-sfruttamento e universale, potranno iniziare dei potenti movimenti per la liberazione socio-economica. Quando le persone uniscono i propri interessi individuali socio economici con quelli collettivi, l’emorragia di capitali da una regione all’altra cesserà e lo sfruttamento verrà completamente sradicato.

Sarà garantito alle persone locali il diritto al pieno impiego e l’impiego di persone locali avrà la precedenza sulle altre. Dove non c’è un appropriato sviluppo economico, nasce un surplus di manodopera. Infatti tutte le regioni sottosviluppate economicamente soffrono di un surplus di manodopera, e quando questo surplus emigra in altre regioni, la medesima regione rimane per sempre sottosviluppata. Nelle aree dove c’è sovrabbondanza di manodopera si dovrebbero prendere delle iniziative per impiegare immediatamente le persone locali. E mentre si dà lavoro alle persone locali si dovrebbero  anche prendere in considerazione i sentimenti locali. Si dovrebbe creare il massimo numero di agro-industrie e agrico-industrie sulla base del potenziale socio economico della regione, e si dovrebbero iniziare anche vari altri tipi di industrie secondo le necessità collettive. Questo approccio creerà enormi opportunità per nuovi posti di lavoro. Attraverso questa politica di impiego sarà possibile aumentare lo standard di vita delle persone locali.

In una economia decentralizzata si può introdurre facilmente un sistema di modernizzazione dell’industria e dell’agricoltura e i beni che vengono prodotti saranno prontamente disponibili nel mercato. Mentre ciascuna unità socio-economica sviluppa il proprio potenziale economico, le differenze di reddito pro-capite nelle differenti regioni diminuiranno e la posizione economica delle regioni sottosviluppate potrà essere innalzata a livello di quelle sviluppate. Quando ogni regione diventa economicamente autosufficiente, la nazione raggiungerà rapidamente la sua autosufficienza economica. Tutti godranno della prosperità economica.

 


Piani di sviluppo

L’ economia decentralizzata PROUT prosegue una specifica linea guida. Ciò significa che una pianificazione economica efficace dovrebbe essere basata su quattro fattori fondamentali: il costo di produzione, la produttività, il potere di acquisto e le necessità collettive. Altri fattori collegati includono le risorse naturali, le caratteristiche geografiche, il clima il sistema di fiumi, i trasporti, le potenzialità industriali, l’ambiente culturale e le condizioni sociali.

A causa della mancanza di ben definiti principi di pianificazione economica e al dominio di vari sentimenti limitati (interessi particolari), l’economia indiana è stata paralizzata dall’inerzia. Sono state costruite acciaierie dove non c’era materia prima per almeno 1000 miglia tutt’intorno. Tali politiche non creano solo un grande spreco e cattiva utilizzazione di risorse, ma rendono evidente anche l’ignoranza e la mancanza di previdenza dei pianificatori indiani. Questa situazione ricorda il periodo inglese quando la juta grezza dal Bengala veniva inviata a Dundee, in Inghilterra per sviluppare le industrie di juta inglesi. Quando venne meno l’approvvigionamento di juta dal Bengala, tutte le fabbriche di juta a Dundee furono chiuse e se i prodotti finiti di juta manufatti a Dundee non fossero stati venduti nel Bengala, l’industria di juta di Dundee non avrebbe potuto sopravvivere.

Questa storia economica è rilevante per le morenti industrie di juta del Bengala di oggi. Il clima politico attuale è pieno di slogan come” nazionalizziamo le industrie di juta chiuse”, e ” basta chiudere le aziende”. I leader sindacali accumulano grandi ricchezze sfruttando queste industrie depresse, mentre migliaia di lavoratori disoccupati sono soggetti a deprivazioni, malnutrizione e indicibili sofferenze. Il Bengala non può nemmeno provvedere abbastanza juta grezza per le proprie fabbriche, cosicché deve importare juta da regioni estere per le sue fabbriche esistenti. Se le persone vogliono sanare le industrie di juta devono fare dei passi coraggiosi.

Il numero di fabbriche di juta dovrebbe essere ridotto in modo che le loro capacità produttive corrispondano alla produzione attuale di juta. Le fabbriche in eccesso dovrebbero essere chiuse o convertite alla produzione di altri beni necessari. Le fabbriche impiegate nella produzione di juta dovrebbero principalmente produrre fibra di juta piuttosto che altri prodotti e questa fibra dovrebbe essere distribuita tra gli agricoltori e i tessitori attraverso un sistema di cooperative della juta. Se viene adottata una tale politica si potrà soddisfare la grande domanda di filati del Bengala e il sovrappiù della produzione potrà essere esportato. Poiché l’industria sarà decentralizzata il benessere prodotto dalla produzione di filo di juta verrà distribuito tra le persone locali, ponendo fine allo sfruttamento su larga scala da parte dei ricchi mercanti di juta e si avrà un aumento dello standard di vita della popolazione locale.

Così sulla base dei fattori di cui sopra, ciascuna unità socio economica dovrà disegnare i suoi piani di sviluppo per l’autosufficienza socio economica. Una pianificazione di grandi o inappropriate dimensioni, per le condizioni economiche locali, non dovrebbe mai essere imposta dal di fuori, ciò non dovrà essere permesso. La pianificazione centralizzata ha fallito totalmente in tutte le nazioni del mondo, inclusa l’India. Nel sistema di pianificazione decentralizzata del Prout, ci sarà un piano coordinato per l’intera unità socio economica, sulla base della pianificazione a livello di blocco. Per esempio per tutta la regione del Rahr occidentale, incluso Bankura, Purulia, ecc, ci dovrebbe essere un sotto-programma. Similmente ci dovrebbe essere un altro piano per altri blocchi del sud. Inoltre ci dovrebbero essere appropriati piani a livello di blocco in tutta l’unità socio economica. Così saranno distrutti i semi della centralizzazione economica.

 


Scambi e commercio.

Prout ha anche le sue specialità nel campo degli scambi, del commercio, della tassazione e delle banche. La distribuzione dei beni essenziali dovrà essere fatta interamente attraverso le cooperative di consumatori non attraverso il governo, imprenditori o i vari livelli di grossisti. Ciò non creerà alcuno spazio alla manipolazione da parte degli approfittatori. Per quanto possibile il baratto dovrebbe essere alla base degli scambi tra unità socio economiche autosufficienti. I beni essenziali dovranno essere liberi da tasse. Non ci saranno tasse sul reddito. Le tasse dovranno invece essere raccolte dalla produzione. Il sistema delle banche dovrà essere gestito attraverso le cooperative, la Banca centrale o Federale sarà controllata dal governo centrale o locale. La massima dell’economia produttiva del PROUT è: ”Innanzitutto aumento del potere di acquisto delle persone.” Se questa massima viene seguita in pratica, sarà facile controllare i prezzi dei beni attraverso il sistema delle cooperative e della decentralizzazione economica.

Giugno 1979, Calcutta
Serie: PROUTIST ECONOMICS
Titolo: SOME SPECIALITIES OF PROUT’S ECONOMIC SYSTEM

INAUGURAZIONE SEDE IRP – Salsomaggiore Terme

05 OTTOBRE 2014
Occasione per ritrovare i membri dell’associazione, simpatizzanti e collaboratori/trici, non solo ma opportunità per spiegare anche gli scopi ed obiettivi di IRP. Nasce nel 1999 per realizzare ricerca socio-economico-culturale sulla base delle idee formulate da P.R. Sarkar ed espanse da molti proutisti in diverse parti del mondo, sotto l’acronimo di PROUT.


inaugurazio

Hanno partecipato come relatori:

Ac. Dhyaneshananda Avt., Monaco Ananda Marga
Franco Bressanin, Direttore di Sede
Tarcisio Bonotto, Presidente IRP
Daniele degli Innocenti, Ricercatore Università di Verona
Dante Faraoni, Consigliere IRP

 

Primavera Araba: Il Fondo Monetario Internazionale ha colpito ancora


La rivolta popolare in Tunisia è stata prevista 15 anni fa, dalle politiche di Globalizzazione, con gli accordi SAP del Fondo Monetario Internazionale, sostenute dal governo Ben Ali.


 

Le interferenze estere nella politica interna della Tunisia non sono menzionate sui giornali.
Gli aumenti dei prezzi dei generi alimentari, non sono stati ‘dettati’ dal governo Ben Alì.
Furono imposti da Wall Streat e dal Fondo Monetario Internazionale (IMF).
In La Tunisia e gli ordini del FMI: Come la Politica Macro-Economia può
Produrre Povertà Mondiale e disoccupazione

di Michel Chossudovsky

Articoli Correlati
Stop WTO: Lettera aperta al Governo Italiano

Diamo un’occhiata alla politica internazionale del FMI (Fondo Monetario Internazionale) nella ricostruzione sintetica di Ac. Krtashivananda.