La STORIA deve essere riscritta

 La STORIA dovrebbe essere riscritta 

Una registrazione fedele della vita umana

etaromana2La storia moderna si occupa di solito di alcuni eventi molto comuni, ad esempio quando un re salì al trono, o ha saccheggiato un paese vicino, o perpetrato atrocità verso i suoi sudditi, o è morto, e così via. Quali benefici potrebbe trarre la gente comune dallo studio di tali inutili informazioni? Questo è il motivo per cui non ha per nulla alcun interesse a studiare questo tipo di storia. La vera storia dovrebbe essere una registrazione fedele di tutta la vita umana.


Dovrebbe essere riscritta tenendo in considerazione l’intera vita umana che spazia dal sistema educativo diffuso, agli standard culturali, dal pensiero alle idee, al vestiario, alla condizione sociale delle donne, al ruolo delle donne in ambito sociale ed economico, alle condizioni socio-economiche delle comunità deboli e arretrate della società di una particolare era, ecc.


 di P.R. Sarkar 

In tutti e tre i mondi – mondo umano, mondo animale e mondo vegetale – ci sono alcune caratteristiche comuni che determinano le loro rispettive identità. Nonostante ciò, gli esseri viventi e le piante non sono esattamente la stessa. Gli esseri viventi hanno determinati doveri speciali e caratteristiche distinte che li distinguono dalle piante.

Se gli esseri viventi non avessero posseduto queste caratteristiche particolari, non li avremmo chiamati “esseri viventi”, ma li avremmo chiamati “piante”. Le caratteristiche comuni degli animali e delle piante sono anche insite negli esseri umani, ma gli esseri umani hanno in aggiunta altre determinate caratteristiche, senza le quali non sarebbero diversi dagli uccelli, animali, piante e rampicanti, ecc. E’ dovere di ogni essere umano di risvegliare e sviluppare le proprie uniche caratteristiche, poiché da queste dipende l’eccellenza della razza umana.

Gli esseri umani che non presentano queste caratteristiche non sono degni della denominazione di “umani” – dovrebbero essere chiamati qualcos’altro. Nessun essere umano vuole diventare degradato. Prosperare nella vita, muoversi passo dopo passo lungo la via dello sviluppo, è il naturale desiderio di tutti. E’ dovere di quelle concesse uno stato di eccellenza a muoversi insieme con il resto della società. Per alcuni ad avanzare molto più avanti, mentre altri in ritardo non è affatto desiderabile. Se una cosa del genere dovesse accadere, non sarebbe affatto glorioso per coloro che hanno avanzato.

      La storia è stata scritta ed è letta – è stato scritta in passato; sarà scritta in futuro. Ma suggerisco che nella scrittura della storia ci dovrebbe essere un cambiamento radicale. La storia scritta finora è una storia di re e monarchi. Dovrebbe essere accuratamente revisionata e riscritta completamente – riscritta nell’interesse dell’umanità e del benessere universale del genere umano. Se le cronache della storia descrivono semplicemente chi è succeduto al trono e quando, chi ha saccheggiato i paesi vicini o il regno, e chi divenne ministro, non saranno di nessuna importanza, né del resto, di qualsiasi interesse per le masse comuni. Se gli esseri umani debbono trarre profitto dallo studio degli annali della storia, questi devono riflettere il bene e il dolore, le speranze e le aspirazioni delle masse.

Gli annali della storia umana dovrebbero mostrare quale comunità abbia determinato un certo progresso e prosperità, in quale area della vita sociale e in quale parte del mondo – solo tali eventi significativi sono degni di essere registrati. La storia dovrebbe anche conservare la registrazione speciali delle prove e tribolazioni che gli esseri umani hanno attraversato, come quelle prove e tribolazioni sono state superate, come gli esseri umani hanno affrontato i numerosi ostacoli nel realizzare un maggiore sviluppo sociale, e così via. Solo tale storia potrei definirla “storia completa” o “storia culturale completa” della razza umana.

La storia della razza umana deve essere scritta in base alle caratteristiche particolari inerenti degli esseri umani. Solo allora sapremo quanto successo gli esseri umani del passato hanno avuto nello sviluppo delle loro latenti nobili qualità, e quanto hanno progredito oggi. Una manciata di persone su alcuni milioni può raggiungere l’apice del progresso e fornire ispirazione per migliaia di altri, ma questo non andrà a beneficio dell’intera razza umana.

Dovremo essere particolarmente perseveranti nel garantire che le particolari caratteristiche, cioè il Dharma innato, di tutte le persone siano sviluppate appieno. Alcune persone potranno non essere soddisfatte di una tale riscrittura della storia, ma da questo tipo di analisi storica tali persone potranno trarre ispirazione e grande forza per andare avanti.

Alcuni dicono che siano necessarie, per il buon funzionamento della società, sia i sannyasin (monaci/che) sia le persone di famiglia. Ora la domanda è: “il loro Dharma è diverso?”. Ci sarà una storia separata per ciascuno di essi? La mia risposta è enfatico, “NO!”, perché il manava dharma quadri-dimensionale (dharma umano) è uno ed è lo stesso. Esso comprende: Vistara (espansione), Rasa (flusso), Seva ‘(servizio) e Moks’a (emancipazione spirituale). Il rispetto del Manava (Bhagavad) Dharma è ugualmente obbligatorio sia per i sannyasin sia per i capifamiglia?

L’unica differenza tra i due è la seguente: i capifamiglia devono prendersi cura di due famiglie, mentre i rinuncianti devono prendersi cura di una sola. Le due famiglie per i capofamiglia sono “la loro piccola famiglia composta da padre, madre, fratelli, sorelle, il marito o la moglie, i figli, le figlie, ecc.” e la famiglia umana più grande, che è, l’intero universo. I padroni di casa dovranno mantenere un equilibrio tra queste due famiglie.

I capifamiglia dovranno occuparsi pure della famiglia più grande, ma per questo possono essere assistiti dai sannyasin. I Sannyasin non hanno una loro piccola famiglia – la loro famiglia è l’intero universo. Al fine di mantenere quella famiglia, a loro volta, potranno contare sull’aiuto dei capifamiglia. Quindi è chiaro che il Manava Dharma è lo stesso per entrambi sia padroni di casa sia rinuncianti.

Quando scriviamo la Storia di un autentico progresso umano, il ruolo glorioso sia dei capifamiglia sia dei rinuncianti sarà scritto a lettere d’oro. Solo scrivendo la Storia in questo modo, un giorno, gli esseri umani potranno dimostrare non solo a questo mondo, ma a tutto l’universo, che Parama Purus’a (l’Entità Suprema)  è giustificato nell’aver creato gli esseri umani.

29 gennaio 1980, Patna

 

Come dovrebbe essere scritta la STORIA?

fonte ufficiale: “A Few Problems Solved – Part 4”

Ieri ho detto qualcosa sulla storia; ho detto che la storia moderna si occupa di solito di alcuni eventi molto comuni, ad esempio quando un re salì al trono, o ha saccheggiato un paese vicino, o perpetrato atrocità verso i suoi sudditi, o è morto, e così via. Quali benefici potrebbe trarre la gente comune dallo studio di tali inutili informazioni? Questo è il motivo per cui non ha per nulla alcun interesse a studiare questo tipo di storia. La vera storia dovrebbe essere una registrazione fedele di tutta la vita umana.

terra-scrigno2La definizione riconosciuta del termine Storia è:

“Iti hasati ityarthe itiha’sah.”

Cioè, la storia è uno splendente riflesso della vita collettiva, il cui studio sarà di grande ispirazione per le generazioni future. “Iti hasati” significa letteralmente “l’esempio luminoso della gloriosa dignità umana”.

Gli esseri umani non dovrebbero essere paragonati ai singoli fiori, ma a un intero giardino fiorito. Un giardino floreale è composto da innumerevoli varietà di fiori, ciascuno con la propria fragranza e colori. La storia umana è come questo: la bellezza della storia sta nelle variazioni caleidoscopiche dei fattori spaziali, temporali e personali. Non possiamo permetterci di rovinare le sue caratteristiche; né possiamo imporre a forza un particolare tipo di storia ad una determinata comunità.

      Ogni individuo o una comunità avanzerà in virtù della propria vitalità interiore e contribuirà alla realizzazione collettiva di tutta l’umanità. Questo è il vero spirito della storia.

Durante la scrittura della storia dovremo prendere in considerazione le varie sfere della vita umana e garantire che siano date le indicazioni corrette per lo sviluppo di ogni settore. Ad esempio, la storia dovrebbe concentrarsi sul sistema educativo diffuso, sugli standard culturali, il pensiero e le idee, il vestiario, la condizione sociale delle donne, il ruolo delle donne in ambito sociale ed economico, le condizioni socio-economiche delle comunità deboli e arretrate della società di una particolare era, ecc. Se qualcuno di questi aspetti sarà omesso durante la scrittura della storia, essa risulterà incompleta.

C’è ancora un’altra definizione popolare della Storia:

Dharma’rtha ka’ma moks’a’rtham
Niiti va’kya samanvitam ‘
Pura’vrta katha’yuktam’itiha’sah pracaks’ate

Cioè, solamente quel Trattato che aumenta l’arena di consapevolezza spirituale degli esseri umani e, quindi, rende l’intelletto più sottile, che aumenta la conoscenza nei vari rami dell’arte e della scienza – come letteratura, arte, scienza pura, tecnologia, scienze sociali , ecc. – e che offre agli esseri umani solide fondamenta su cui poggiare, merita di essere chiamato Storia genuina.

Vediamo come le persone scrivono la storia o la fanno scrivere. Nella maggior parte dei casi la storia è scritta nell’interesse di un particolare gruppo sociale. I libri di storia sono selezionati al fine di stabilire la gloria di una determinata epoca. Ad esempio, i racconti eroici di cavalleria dell’epoca Ks’attriyas (guerriera), le loro strategie di guerra, ecc., costituiscono il principale fondamento per la scrittura della storia dell’epoca Ks’attriya. I libri di storia sono pieni di elogi del coraggio e della cavalleria dei governanti Ks’attriyan. Allo stesso modo, la storia dell’epoca Vipra (intellettuale: della Chiesa, etc.), è piena di lodi per le gesta gloriose dei leader Vipra, e la storia dell’epoca Vaeshya (Affarista), contiene un’abbondanza di episodi sulle glorie del Vaeshyas. Studiando tale storia di parte, i lettori perdono sia l’interesse sia la pazienza. Oltre a ciò, lo studio di questo tipo di cosiddetta ‘storia’ inietta una sorta di dogma nella mente dei lettori, e di conseguenza blocca lo sviluppo di una mente umana spontanea.

E’ necessario dare delle disposizioni adeguate per lo studio della storia. Ma la storia deve essere quella reale, non la storia di una classe particolare, o di un re o di un ministro.

Purtroppo, la storia di parte è sempre scritta secondo i dettami della classe dirigente dei diversi paesi. Lo studio di questa storia di parte è dannosa per la società. Non dovrebbe accadere.

Voi, persone di oggi siete più illuminate. La vostra capacità intellettuale non è inferiore a quella di nessun altro. Per questo voi dovreste, con un vostro impegno collettivo, scrivere una nuova storia della razza umana. La storia che si scriverà in futuro dovrà riflettere in modo inequivocabile i fattori importanti come il modo in cui la società umana si è evoluta attraverso prove e tribolazioni; quali difficoltà sono state affrontate e come gli esseri umani le hanno superate e si sono mossi verso il loro obiettivo ultimo con passo fermo; e di come anche oggi essi stiano avanzando risolvendo numerosi problemi.

28 febbraio 1980