A Transluminal Energy Quantum Model Of The Cosmic Quantum

Richard Gauthier
Santa Rosa Junior College,
1501 Mendocino Ave., Santa Rosa CA 95401, U.S.A.
E-mail: richgauthier@gmail.com


An internally transluminal model of the hypothesized unique cosmic quantum of the very early universe is proposed. It consists of a closed-loop photon model, which has the total mass-energy of the atomic matter and dark matter of our observable universe that will develop from it. The closed-loop photon model is composed of a rapidly circulating point-like transluminal energy quantum (TEQ).
This TEQ circulates in a closed helical path with a maximum speed of c and a minimum speed of around the photon model’s one-wavelength closed circular axis. The transluminal energy quantum model of the cosmic quantum is a boson.

The cosmic quantum
Model may help shed some light on several fundamental issues in cosmology, such as the nature of the cosmic quantum, the predominance of matter over antimatter in our universe, the possible particles of dark matter, the quantum interconnectedness of the universe, and the very low entropy of the very early universe. The cosmic quantum may be the first particle of dark matter, from which all other particles are derived.

Keywords: Cosmogony; Big Bang; Quantum; Dark Matter; Superluminal

1. Introduction
In 1931 Lemaître1 hypothesized that a single quantum particle (primeval atom) composed the universe at the beginning stage: “If we go back in the course of time we must find fewer and fewer quanta, until we find all the energy of the universe packed in a few or even in a unique quantum.” (p. 706)

According to this hypothesis the primeval atom transformed into many other particles. The system of particles and the volume of space expanded according to Einstein’s general theory of relativity to produce our current universe. This hypothesis later came to be known as the Big Bang theory of the universe. In 1956 Goldhaber2 built on Lemaître’s hypothesis in an attempt to explain why anti-matter is much less abundant in our universe than matter. He proposed that
a single particle, a “universon”, existed before the Big Bang. The universon decayed into a “cosmon” and “anti-cosmon”.

The cosmon then decayed to produce our universe whose atomic matter is ordinary matter (as opposed to anti-matter).
In 1975, Tryon3 proposed that the universe could have resulted from a quantum fluctuation (in the sense of quantum field theory) from the vacuum state of space. This could have happened without violating the conventional laws of physics, such as conservation of energy and conservation of electron and baryon number. The universe formed would have to be on the border of being open or closed (because the quantity of negative gravitational potential energy would exactly
balance the quantity of positive mass energy) and also contain an equal amount of matter and anti-matter.
Tryon does not give a model of the quantum fluctuation that produced the universe.

In 1989 Dehmelt4 built on Lemaître’s hypothesis. He suggested that a “cosmon, an immensely heavy lower layer subquark, is the elementary particle. The world-atom, a tightly bound cosmon/anticosmon pair of zero relativistic total mass, arose from the nothing state in a quantum jump. Rapid decay of the pair launched the big bang and created the universe.”
The recent Wilkinson Microwave Anisotropy Probe’s (WMAP)5 detailed measurements of the very nearly uniform (to about 1 part in 100,000) cosmic microwave background radiation (CMBR) coming from all directions in space, with a black body radiation temperature of 2.725 Kelvin, have yielded strong support for what has become the Standard Model of
cosmology, the Lambda Cold Dark Matter ( ! CDM) with Inflation model. To briefly summarize this model, the very early universe was a rapidly expanding hot, dense physical state (the Big Bang). This was followed very quickly by a period of extremely rapid inflationary expansion, followed by normal expansion. This inflationary period is supposed to have wiped out all physical evidence of particles that existed before it.
There are however physical models for the preinflationary era that try to describe this era and explain
the cause of inflation.

After the inflationary period there were small variations in mass/energy densities in the universe produced by quantum fluctuations of energy during the inflationary period. The post-inflationary matter and energy evolved into an extremely hot concentration of elementary particles, which later formed atomic nuclei of hydrogen, helium and lithium. Later hydrogen,
helium and lithium atoms formed, and still later stars and galaxies formed in the regions of greater mass densities caused by the quantum fluctuations of the inflationary period. The universe continued to evolve into our current universe. According to the WMAP data, our universe now consists of about 4.6% atomic matter, 22.7% dark matter composed of relatively slow (cold) unknown particles, and 72.8% dark energy also of an unknown nature. Currently our universe appears to be geometrically flat and has an accelerated spatial expansion (related to Lambda or the cosmological
constant of Einstein’s equations of general relativity) that may be caused by the dark energy.

There is an active search for a theory of quantum  gravity to describe the very early universe, where the micro-scale realm of quantum physics and macro-scale realm of general relativity converge. A leading approach to the development of quantum gravity is Hawking’s6 “no boundary condition” of the very early universe. The expansion of the universe would have begun from a state that was very smooth and ordered.
“There had to be small fluctuations in the density and velocity of particles. The no boundary condition, however, implied that these fluctuations were as small as they could be, consistent with the uncertainty principle.” (p.148) In 2010 Wayte7 proposed that a single particle, with its internal material circulating coherently at speed c, formed the primeval particle of our universe. That first particle transformed into the energy configuration known as the hot big bang of cosmological theory.

The present article, based on the author’s8 work on internally transluminal models of the photon and the
electron, proposes that the hypothetical first particle of our universe may have been an internally transluminal single quantum particle—a closed-looped photon. This article also proposes two varieties of the internally transluminal closed photon model as candidates for particles of dark matter.

2. Previous Work on Transluminal Energy Quantum Particle Models…

To be continue…

  Download the Complete English Article  

Matter is an energy container composed of microvita




Matter is an Energy Container Composed of Microvita

Richard Gauthier
Santa Rosa Junior College
Santa Rosa, California
Article · July 2016



In “Microvita and Cosmology” P. R. Sarkar proposed that matter is the container of energy and not energy itself. The present author proposes that the material containers of energy are composed of microvita—sub-atomic living entities proposed by Sarkar that give form to energy and create matter and minds. These hypotheses may shed new light on the relationship of matter to energy, and may lead to the discovery of a new formative force of nature—microvita.

Key words: cosmology, energy, matter, form, life, mind, consciousness, microvita


Eastern introversial philosophy has traditionally focused on the experiential understanding of mind and consciousness. Western extroversial science has focused on the observational and experimental understanding of matter and energy and their various expressions. Now there is a new hypothesis about matter and energy that may bring together Eastern philosophy and Western science.

In 1986, P. R. Sarkar (1) first introduced the concept of microvita – subtle sub-atomic living entities responsible for originating and spreading life in the universe and maintaining balance in different areas of life. Readers may learn more about microvita from references (1-4). As well as describing microvita, Sarkar introduced what he called “a new line of thinking—a new philosophical approach” which integrates relations between the formative principles of matter and energy. He summarized this new approach in a discourse “Microvita and Cosmology”, which is included at the end of this article.

Matter is the Container of Energy, not Energy Itself

This “new line of thinking”, though focused on general hierarchial relationships between matter and energy, touches all areas of science and life. Below, two passages from “Microvita and Cosmology” specifically relate matter to the formation and containment of energy, and will be briefly explored here. By looking at the relationships between matter and energy in the light of Sarkar’s “new line of thinking”, new scientific understandings about the nature of matter and energy, as well as the evolution of life and minds, may emerge.

  1. “By splitting up the atom immense energy is released. This is due to the fact that the energy which is packaged up in matter comes out. To claim that energy is obtained due to the destruction of matter is theoretical and not physically proven.
    In fact, the energy comes out from within the store of the atom. Energy always requires a material shelter – a container. After the destruction of the container, the immense released energy moves very fast with tremendous speed in all
    directions in search of some or other material shelter. Finally, it finds a way in some country, in some human physical body, in structures and other material objects scattered around, or in the ocean, etc.”
  2. Microvita are the “Doing principle or supra-mundane seed of the actional principle, ready for being sprouted. Microvita (are) of different characters, either of positive or negative nature, collectively maintaining the balance of the actional universe, creating initial forms of carbon atoms that help macro- and micro-propensities in having their pure physical auxiliary media with mass and wonts.”
    In the first passage, which does not directly mention microvita, Sarkar proposes that matter is a container for energy, and not energy itself. Energy is “packaged-up” in matter. Matter is not converted into energy in atomic explosions, but can release its contained energy through the destruction of its material container. In the second passage Sarkar proposes that microvita create the “initial forms of carbon atoms”, and provide atoms with their masses and other characteristics (“wonts”).

Based on these two passages, I propose that microvita compose the material containers of energy called matter. The amount and nature of the energy stored in different elementary particles and atoms is determined by the nature of their microvita-composed containers. These microvita-composed containers store energy to form atoms and subatomic
particles with their various properties. It is the microvita-composed containers and not the energy contained that gives the elementary particles and atoms their properties such as mass and shape.

The Physical Force That Contains an Electron’s Energy

  Download the Complete English Article  

Matter is an energy container composed of microvita


Proposta PROUT per la rinascita dell’agricoltura e del lavoro

Proposta PROUT per la rinascita dell’agricoltura e del lavoro


 Colonizzazione Economica 

La condizione odierna dell’Italia? Possiamo definirci un paese colonizzato economicamente: sempre più aziende in mano a capitali esteri e sempre più prodotti di importazione che scalzano le nostre produzioni, tolgono lavoro, reddito, consumi ed entrate fiscali.

Nel campo dell’agricoltura stiamo attraversando una crisi senza precedenti dal dopoguerra, migliaia di imprese agricole hanno chiuso: circa 270.000 dal 2001.

 Le piccole aziende soffrono 

In Italia il 95% circa delle aziende agricole ha un’area coltivabile inferiore ai 10 ettari. In Europa la media si attesta sui 20 ettari. Se fino a qualche anno fa ‘piccolo era bello’, si diceva che sono state le piccole imprese a fare grande l’Italia, tuttavia per molte ragioni oggi non lo sono più: costi eccessivi, reddito ridotto, produzioni specializzate a rischio.

Oggi in un momento in cui si richiede maggiore efficienza produttiva per sfamare un numero sempre più crescente di popolazione mondiale queste piccole aziende vanno strette, non sono più economicamente sostenibili. Con 10 ettari di terreno ci si deve equipaggiare con 1 o due trattori, dei macchinari, ma non sempre i guadagni sono sufficienti a meccanizzare adeguatamente l’azienda per ricavarne un reddito adeguato.

Un cane che si morde la coda, e la prospettiva che ci si presenta è la vendita dell’azienda ai grandi latifondisti, fondi di investimento o l’abbandono della terra. Ma potrebbe esserci una terza soluzione.


 Nuove prospettive in Agricoltura 

Nella teoria economica PROUT si prospettano tre idee chiave per risollevarsi dalla crisi produttiva e ripartire con il piede giusto: il primo concetto è “Autosufficienza economica” e il secondo è: “Cooperativismo nel campo agricolo“, il terzo è la determinazione di “Aree agricole Economicamente Sostenibili“.


 Autosufficienza economica 

Sono molti gli economisti che sostengono come l’Autosufficienza economica porti alla “massima occupazione”. Nel periodo del protezionismo americano l’economica si è risollevata, dopo la fase di depressione economica. Oggi lo stesso Trump sta ‘tirando i remi in barca’ pretendendo che si produca negli USA, che i lavoratori siano locali, per difendere l’economia americana…

Da quando la UE  ha imposto l’importazione di olive dalla Grecia, agrumi dalla Spagna, il latte da Germania e Francia abbiamo perso molti posti di lavoro.

Se ogni paese diventasse economicamente autosufficiente potrebbe avere stabilità economica e piena occupazione. Insomma bisognerebbe fare il contrario di quello che la Globalizzazione Economica ha sempre predicato.

Con questo concetto a mente dovremmo lavorare per rendere più efficiente, sicura la produzione agricola.


 Area agricola Economicamente Sostenibile 

Che cosa si intende per Area agricola Economicamente Sostenibile?

E’ un’area agricola che in base alla fertilità, e alla estensione può dare da vivere a chi vi lavora, tolti tutti i costi come investimenti, ammortamenti etc.

Facciamo un esempio: vi sono 10 agricoltori che lavorano ciascuno un’area agricola dai 10 ai 30 ettari. Ognuno di questi possiede un trattore e dei macchinari. Tutti più o meno producono le stesse materie prime: Uva, Ortaggi, Frumento, Soia, etc.

Se questi agricoltori decidessero di unire i propri terreni formerebbero un’unica grande area produttiva, se lavorassero assieme, e producessero in modo pianificato risparmierebbero certamente sui costi dei macchinari, sui fertilizzanti, amplierebbero il terreno coltivabile, poiché si eliminerebbero le zone non utilizzate dei confini, avrebbero competenze diverse e perciò altamente utili ad una maggiore efficienza produttiva.

Potrebbero anche differenziare le produzioni in modo tale che se una produzione va male quest’anno, il reddito comunque è assicurato dal buon andamento delle altre produzioni. Problema che attualmente hanno molti agricoltori o allevatori.

Oggi da soli non si va da nessuna parte, è necessario risolvere tutti i nostri problemi in modo collettivo, quindi anche la produzione agricola e industriale per quanto possibile.

Nella società cooperativa, o altre forme societarie in attesa della riforma dello statuto delle Cooperative Italiane*:

  • si mettono assieme i terreni
  • ognuno rimane proprietario degli stessi.

La distribuzione del reddito avviene, secondo la teoria PROUT, in questo modo: 50% dei guadagni vengono suddivisi in modo proporzionale alla estensione del terreno messo in comune, il 50% diviso tra i proprietari e non che vi lavorano. In tal modo se un proprietario non lavora, comunque ha la sua parte di rendita dalla terra messa in comune.


 Applicazione dell’agricoltura integrata 

In questo sistema di messa in comune delle terre, o definizione di un’Area Economicamente sostenibile, è possibile introdurre un’altro aspetto concettualmente e praticamente rivoluzionario: la realizzazione di un’agricoltura INTEGRATA.

In pratica all’interno di questa Area economicamente sostenibile si introdurranno:

  • Produzioni estensive, cerealicole, leguminose
  • Orticoltura, Frutticoltura
  • Floricoltura, Apicoltura, Piscicoltura, Sericoltura, Allevamento
  • anticrittogamici, fertilizzanti naturali, ricerca su utilizzo fertilizzanti chimici
  • centri di ricerca e un progetto per la conservazione dell’acqua
  • industrie artigianali, produzione di energia, legname

Ma anche progetti di trasformazione delle materie prime prodotte:

  • Prodotti della soia, olii da piante oleose
  • Latte e prodotti caseari, …
  • Succhi di frutta, etc

Vi sono circa 70 tipologie di aziende di trasformazione associabili all’impresa agricola. Questo approccio renderà l’agricoltura autosufficiente e dovrebbe essere adottato per uscire dall’impasse in cui si trova il nostro paese.


 Le materie prime non devono essere esportate 

Il quarto punto non meno importante della Riforma Agraria proutista, è essenziale per garantire lo sviluppo:

  • Le materie prime non devono essere esportate, ma lavorate in loco per dare reddito e lavoro

Pensiamo a quanto ammonta il danno per tutte le materie prime che vengono consegnate a prezzi stracciati alla grande distribuzione, o alle aziende di trasformazione, non legate al territorio. Le risorse appartengono al territorio e devono essere trasformate in loco per avere un valore aggiunto adeguato al sostentamento della popolazione locale.

Questa è la rivoluzione industriale e la Riforma Agraria che il PROUT vorrebbe portare nel nostro paese.


 Fidelizzare la popolazione al consumo locale 

Il quinto punto è relativo alla disponibilità di mercato per i prodotti locali. E’ un ‘sine qua non’ per il successo del sistema cooperativo in agricoltura: trovare sbocco ai prodotti delle aziende agricole.

Per questo motivo creare eventi pubblici con la popolazione locale, offrire una percentuale dei profitti netti a scopi sociali, scuole, asili etc., creare opportunità per contatti tra aziende e popolazione locale, pianificare lo sviluppo con tutti gli agenti sociali, economici, culturali.

La popolazione avrebbe molti benefici nel supportare le produzioni locali: i giovani potrebbero facilmente trovare lavoro nelle aziende locali, potrebbe essere più semplice controllare la bontà dei prodotti. In qualche modo si chiuderebbe il cerchio di Produzione-Lavoro-Reddito-Consumi-EntrateFiscali, che potrebbe portare alla stabilità economica e al progresso sociale.

* Sembra che quelle italiane non possano considerarsi a tutti gli effetti delle cooperative, dove i membri dell’amministrazione non sono nemmeno soci della cooperativa stessa, dove li amministratori delegati vengono imposti da altre cooperative madri…

Tarcisio Bonotto – Gennaio 2017

Broccoli e mozzarella dall’estero, ecco i cibi più tossici

Coldiretti: “Broccoli cinesi e prezzemolo del Vietnam, ecco la lista nera”

Riportiamo dal sito de La Repubblica:


La lista nera di Coldiretti che scende in piazza per chiedere l’etichetta trasparente sulle materie prime. Dal prezzemolo vietnamita al basilico indiano sulle nostre tavole un concentrato di residui chimici.

di Cristina Nadotti
20 Aprile 2016

NAPOLI – Sono scesi in piazza in oltre diecimila per dire basta alla mozzarella che si chiama “Capri”, ma è prodotta negli Stati Uniti, e all’olio d’oliva “Vesuvio” che viene dai frantoi del Sudafrica. Oggi a Napoli la Coldiretti ha organizzato una manifestazione in difesa dei prodotti alimentari italiani e della dieta mediterranea, per denunciare che molti degli alimenti che finiscono sia sulle nostre tavole, sia su quelle estere, non sono soltanto contraffatti, ma spesso nocivi.

La manifestazione. Gli agricoltori si sono dati appuntamento al Palabarbuto e mentre all’interno si alternavano le dichiarazioni, fuori c’erano i pizzaioli acrobatici e i casari che preparavano la mozzarella, mentre i banchi esponevano i prodotti più contraffatti. La Campania è infatti  la regione i cui alimenti di qualità sono più spesso copiati e immessi sui mercati nazionali ed esteri da produttori che nulla hanno a che vedere con la Regione o con i protocolli di Dop e Igp. I manifestanti chiedono infatti  l’etichetta di origine, la salvaguardia di prodotti come il pomodoro San Marzano e, appunto, la mozzarella, in assoluto due tra i cibi più copiati e contaminati.


I cibi più tossici. A preoccupare gli agricoltori non è soltanto la concorrenza sleale, ma anche il danno che viene alla nostra salute, perché molti dei cibi contraffatti non perdono soltanto in sapore e valori nutrizionali, ma poiché prodotti in condizioni non controllate possono essere dannosi per la salute.

Che c’è di più salutare dei broccoli, pensiamo nel metterli nel carrello della spesa, da tempo indicati come protettori contro il cancro, e non sappiamo che in realtà mangeremo un concentrato di residui chimici, visto che la verdura proviene non dalle nostre campagne ma dalla Cina. Proprio i broccoli sono in testa alla black list di Coldiretti per irregolarità riscontrate, seguiti dal prezzemolo vietnamita, il basilico indiano, le melegrane egiziane, il peperoncino thailandese. Inquieta davvero vedere come i prodotti incriminati siano di largo consumo sulle nostre tavole. E mentre i fruttivendoli sono obbligati a indicare la provenienza delle merci, questo non accade per i prodotti lavorati, per cui se si acquista un vasetto di basilico l’etichetta non è tenuta a precisare da dove proviene l’ingrediente principale.

Il dossier. Con la quasi totalità (92%) dei campioni risultati irregolari per la presenza di residui chimici, come detto sono i broccoli provenienti dalla Cina il prodotto alimentare meno sicuro, ma a preoccupare è anche il prezzemolo del Vietnam con il 78% di irregolarità e il basilico dall’India che è fuori norma in ben 6 casi su 10. La “Black list dei cibi più contaminati” presentata dalla Coldiretti è stata stilata sulla base delle analisi condotte dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nel “Rapporto 2015” sui Residui dei Fitosanitari in Europa. Il primato negativo della Cina non è una novità, anche nel 2015 da lì proveniva il maggior numero di prodotti irregolari, contaminati da micotossine, additivi e coloranti fuori legge.



Alimenti contaminati. Se nella maggioranza dei broccoli cinesi è stata trovata la presenza in eccesso di Acetamiprid, Chlorfenapyr, Carbendazim, Flusilazole e Pyridaben, nel prezzemolo vietnamita – sottolinea la Coldiretti – i problemi derivano da Chlorpyrifos, Profenofos, Hexaconazole, Phentoate, Flubendiamide mentre il basilico indiano contiene Carbendazim, che è vietato in Italia perché ritenuto cancerogeno.Nella classifica dei prodotti più contaminati elaborata alla Coldiretti ci sono però anche le melagrane dall’Egitto che superano i limiti in un caso su tre (33%), ma fuori norma dal Paese africano sono anche l’11% delle fragole e il 5% delle arance, che arrivano peraltro in Italia grazie alle agevolazioni all’importazione concesse dall’Unione Europea. Con una presenza di residui chimici irregolari del 21% i pericoli – continua la Coldiretti – vengono anche dal peperoncino della Thailandia e dai piselli del Kenia contaminati in un caso su dieci (10%). I problemi riguardano anche la frutta dal Sud America, come i meloni e i cocomeri importati dalla Repubblica Dominicana che sono fuori norma nel 14% dei casi per l’impiego di Spinosad e Cypermethrin e il 15% della menta del Marocco.


L’eccellenza italiana. “L’agricoltura italiana- sostiene la Coldiretti – è la più green d’Europa con 281 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp), il divieto all’utilizzo degli ogm e il maggior numero di aziende biologiche, ma è anche al vertice della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,4%), quota inferiore di quasi 4 volte rispetto alla media europea (1,4%) e di quasi 20 volte quella dei prodotti extracomunitari (7,5%)”. Un’eccellenza che viene spesso messa in difficoltà dalla concorrenza sleale di produttori non altrettanto trasparenti: “Non c’è più tempo da perdere e occorre rendere finalmente pubblici i flussi commerciali delle materie prime provenienti dall’estero per far conoscere anche ai consumatori i nomi delle aziende che usano ingredienti stranieri”, ha sottolineato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “bisogna liberare le imprese italiane dalla concorrenza sleale delle produzioni straniere realizzate in condizioni di dumping sociale, ambientale con rischi concreti per la sicurezza alimentare dei cittadini”.

Pizze taroccate. Dalla mozzarella lituana al concentrato di pomodoro cinese, passando per l’olio tunisino e il grano canadese, quasi due pizze su tre servite in Italia sono ottenute da un mix di ingredienti provenienti da migliaia di chilometri di distanza, senza alcuna indicazione per i consumatori. Nel 2015 – emerge dal dossier – sono infatti aumentate del 379% le importazioni di concentrato di pomodoro dalla Cina, che hanno raggiunto circa 67 milioni di chili nel 2015, pari a circa il 10% della produzione nazionale in pomodoro fresco equivalente, ma a crescere del 279% sono state anche le importazioni di olio di oliva dalla Tunisia mentre c’è stato un incremento del 17% dei prodotti caseari destinati alla trasformazione industriale e, tra queste, soprattutto le cagliate provenienti dalla Lituania e destinate a produrre mozzarelle senza alcuna indicazione sulla reale origine in etichetta.

E i primi dati del gennaio 2016 non sono incoraggianti neanche sul fronte delle importazioni di grano tenero, con l’aumento di mille tonnellate delle importazioni dall’estero.

La pizza sviluppa un fatturato di 10 miliardi di euro in Italia, dove ogni giorno si sfornano circa 5 milioni di pizze per un totale di 1,8 miliardi all’anno.

In termini di ingredienti significa – stima la Coldiretti – 200 milioni di chili di farina, 225 milioni di chili di mozzarella, 30 milioni di chili di olio di oliva e 260 milioni di chili di salsa di pomodoro. Che molto spesso non sono italiani, con buona pace del nostro prodotto simbolo.


La prima casa non si tocca


 la prima casa non si tocca 

La casa fa parte delle Minime Necessità o Bisogni Primari che un Governo, in carica, dovrebbe garantire attraverso un lavoro o una rendita, per coloro che non possono lavorare. E’ proprio sul lavoro che il Governo dovrebbe puntare. Il Governo è responsabile della povertà o del benessere dei propri cittadini. Nessuno viene da Marte o dalla Luna per risoverci questi problemi. Il Governo, che gestisce il paese, e ha la possibilità di legiferare e di prendere qualsiasi decisione in merito.

di Tarcisio Bonotto

casaQuando parliamo di Società come organizzazione degli individui, con un suo dinamismo, caratteristiche culturali e il livello di civiltà, vien da chiedersi se la nostra sia una Società nel vero senso del termine.

Il motivo è presto detto. La mancanza di lavoro, il tentativo di pignorare la casa in caso di mancato pagamento del mutuo, la perdita di potere di acquisto del 35%, il cambio Lira-Euro ad un terzo in più del suo valore nominale, etc. descrive una situazione in cui il Governo sembra ‘costretto da forze estranee’ a decidere e che le colpe, per la condizione in cui versiamo, siano da imputare esclusivamente alle regole imposte a livello internazionale e ai cittadini stessi. 

Nella teoria economica PROUT (Teoria della Utilizzazione PROgressiva, del 1967) di P.R. Sarkar e nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, del 1948 sono descritti dei principi fondamentali per l’esistenza degli individui e della società stessa.

Nel Prout: “Ad ogni individuo devono essere garantire le Minime Necessità: Alimenti, Vestiario, Abitazione, Cure Mediche e Istruzione”, come diritto di nascita, attraverso un lavoro o una rendita per chi non è in grado di lavorare.

Nella Dichiarazione Universale troviamo agli articoli economici 25 e 26: “A tutti dovrebbero essere garantiti: Alimenti, Vestiario, Abitazione, Cure mediche e Istruzione, oltre a Trasporti e Comunicazioni, in una società avanzata”.

La nostra Costituzione afferma all’ART. 36 che “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”, ma non specifica gli elementi chiave di tale esistenza libera e dignitosa. L’ISTAT ha creato un paniere che non riflette pienamente tali bisogni primari.

Ebbene la casa costituisce uno dei cardini di un’esistenza umana dignitosa.Tali Minime Necessità, che soddisfano i Bisogni Primari, devono essere inserite nella Costituzione in aggiunta al presente Art. 36, in modo che i cittadini possono citare in giudizio il Governo in carica, se tale principio non fosse rispettato.

Il motivo è che, per P.R. Sarkar, il Governo è il solo e ultimo RESPONSABILE della povertà o del benessere dei propri cittadini e nessun altro. Nessuno viene da Marte o dalla Luna a risolvere questi problemi, essi sono in capo al Governo che ha la piena facoltà di legiferare e operare in tale direzione.

C’è l’impressione invece che la mancanza di lavoro e quindi l’impossibilità di far fronte alle spese per le necessità primarie, sia solamente dei cittadini.

Siamo qui a stabilire invece che il GOVERNO è il RESPONSABILE ULTIMO della garanzia di tali Minime Necessità attraverso un LAVORO o una RENDITA e il relativo POTERE DI ACQUISTO, necessario a procurarsi le Minime Necessità.

La situazione è drammatica: abbiamo firmato molti trattati (WTO, UE…) che hanno portato alla chiusura di 600.000 aziende e 270.000 attività agricole, ma potevamo non farlo. Potevamo non inserire in Costituzione il 3% rapporto deficit/PIL, potevano non firmare per le quote latte, potevamo non firmare per l’eliminazione della produzione di zucchero a favore della Germania, etc. Queste decisioni non sono state responsabilità dei cittadini, ma degli stessi Governi.

La casa è un diritto primario. Il Governo dovrebbe creare le condizioni perché ogni cittadino possa avere la possibilità, attraverso un lavoro significativo e dignitoso, di procurarsi le Minime Necessità e soddisfare i bisogni primari. Solo allora potremmo definire la nostra una vera società umana.


Una riforma Agraria per l’Italia?

cooperare per salvare l’agricoltura italiana

Definizione degli Appezzamenti Agricoli Sostenibili.



Da un po’ di tempo ormai l’Europa sta giocando al ribasso su tutte le norme sociali, economiche, alimentari, ambientali etc. che hanno regolato una collettività sufficientemente civilizzata.

Sappiamo pure che per i forti interessi economici in gioco, i poteri forti stanno facendo quadrato per ricavare sempre più linfa vitale dalla società, hanno sparso ai quattro angoli della terra i loro tentacoli velenosi, per ottenere la supremazia socio-economica.

L’Europa ha accettato e ogni paese ha firmato i Trattati WTO (TRIM, TRIP, GAT), sviluppati in 27.000 pagine, redatti da circa 400 multinazionali, spesso senza conoscere a fondo il loro contenuto. Infatti per l’Italia ha firmato Piero Fassino il quale, alla domanda perché avesse firmato per noi senza leggere nemmeno una riga, rispose: “Era un atto dovuto”. Di solito chi firma dal notaio legge bene il testo prima di accettare qualsiasi clausola.

Sta di fatto che tutti i cambiamenti visti finora: privatizzazioni Acqua, Poste, ENI etc., eliminazione dell’articolo 18, importazioni selvagge anche dalla Cina di prodotti alimentari, delocalizzazioni, sono il frutto di questi trattati che stanno letteralmente mettendo in ginocchio il tessuto produttivo italiano e la sua popolazione.

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e il WTO lavorano in tandem: per entrare nel WTO ogni paese deve accettare le 160 regole del FMI, definite SAP (Programma di Adeguamento Strutturale). Se un paese vuole avere dei prestiti dalla Banca Mondiale, deve sottoscrivere le 160 regole del FMI. Questi organismi sono rappresentati della grosse banche mondiali, in particolari americane.

Gli strumenti adottati dal FMI e gli eventuali risultati sono ben evidenziati dal FMI stesso e li vediamo in queste due diapositive.




Il problema che si pone perciò è come sopravvivere alla destrutturazione sociale ed economica del nostro paese e degli altri paesi. Qualche cosa la Lega della Terra ha messo in campo: il De.CO, vale a dire la denominazione Comunale di ogni prodotto. Questo credo a significare che vi è la necessità impellente di proteggere le nostre risorse locali dalla speculazione e la necessità di favorire uno sviluppo che parta da vicino per rimettere la barra dell’economia a dritta.

Nella teoria economica PROUT, si insiste sullo sviluppo locale con una strategia adeguata a fronteggiare le multinazionali: la creazione di “Zone Socio-Economiche Autosufficienti”. Delle aree definite in base ad alcuni parametri essenziali: “la produttività della terra, risorse presenti, clima, topografia, sentimento di appartenenza  sociale, livello di sviluppo economico”, che diventino autosufficienti nella produzione delle necessità basilari all’esistenza, che soddisfino i bisogni primari, senza dipendere da terzi. Certamente una autosufficienza aperta alle esportazioni del surplus, ma non all’importazione di beni e servizi che possono essere prodotti o essere presenti in loco. Questa è la stortura presente nell’attuale meccanismo del WTO.

Queste aree dovrebbero fare sistema e includere:

  • “Appezzamenti Agricoli Sostenibili”, somma di più proprietà agricole piccole, che lavoreranno col sistema di cooperazione–coordinata e dove si possa realizzare l’agricoltura integrata, vale a dire: colture estensive, orticoltura, frutticoltura, floricoltura, apicoltura, sericoltura, piscicoltura, erbe medicinali, allevamento, prodotti caseari, anticrittogamici, industrie artigianali di trasformazione e macchinari, produzione di energia, legna, centri di ricerca e progetti per la conservazione dell’acqua.
  • Scuole di ogni grado e ordine
  • Attività per la salute, attività culturali …


L’agricoltura integrata, favorita dalla cooperazione di molti addetti ai lavori, renderebbe il settore altamente meccanizzabile, competitivo, efficiente,  autosufficiente e sostenibile dal punto di vista economico. In effetti se un’annata per uno dei su menzionati settori andasse male, il sistema sosterrebbe comunque i lavoratori/trici componenti il progetto, attraverso la rendita degli altri settori.

Inoltre si acquisterebbero ad es. 1 solo trattore invece di 10, 1 sola macchina operatrice invece di alcune etc. Si avrebbe più peso nella contrattazione sui fertilizzanti, e maggiori ricavi nelle vendite ai consumatori locali. Infatti è la grande distribuzione a strozzare i piccoli produttori

Nella UE in effetti il 95% circa delle aziende agricole, possiedono da 1 a 10 ettari di terreno agricolo coltivabile. Troppo piccole per avere una buona meccanizzazione e una sostenibilità economica. Il loro destino è di essere fagocitate dai grossi capitali o multinazionali. In India in circa 10 anni, vi sono stati 250.000 suicidi di agricoltori a causa sia degli OGM, sia dell’insostenibilità economica della propria attività. Gran parte delle loro attività sono state vendute.

Questa è una proposta strutturale e pratica per unire le forze, in modo tale che i piccoli e produttivi appezzamenti agricoli non vadano nelle mani di grossi gruppi industriali, il che potrebbe dare il colpo di grazia al settore primario da sempre colonna portante dello sviluppo socio-economico italiano.

Tarcisio Bonotto


Ecco la nostra alternativa al capitalismo

capitalism-crisisEquità, sostenibilità, solidarietà. Scelte ovvie? Nient’affatto. Basta guardare in che direzione sta andando il mondo. Eppure c’è un sistema, che si propone come alternativo al capitalismo dominante, fondato proprio con l’obiettivo di «garantire a tutti le minime necessità per l’esistenza e favorire lo sviluppo equilibrato di ogni essere umano, dal punto di vista fisico, mentale e spirituale, in armonia con la natura» dicono dall’Istituto italiano di Ricerca Prout.

di Giovanni Fez – 22 Gennaio 2014