Predictions & Revolutions: A Conversation with Ravi Batra

 Predictions & Revolutions: a Conversation about Electronics & Economics with Ravi Batra 

Apek Mulay, CEO, Mulay’s Consultancy Services
12/28/2016


Dr. Ravi Batra, a professor of economics at Southern Methodist University in Dallas, has made a great career from his uncanny forecasts. He started making predictions in 1978 when he wrote a book called The Downfall of Capitalism and Communism, which predicted the fall of Soviet Communism by the end of the century, and the demise of monopoly capitalism around 2010.


No one took the book seriously until the Berlin Wall fell in 1989 and the Soviet Union collapsed soon thereafter. So stunning and swift was the fall of the Russian empire that Italy awarded Dr. Batra a medal of the Italian Senate for his accurate prediction. He updated his book in 2006 in another work titled The New Golden Age: The Coming Revolution in Political Corruption and Economic Chaos.

Forecasts he made in this book were as breathtaking at those in his earlier work. Again, he foresaw a variety of revolutions beginning in 2009 and going all the way to 2019. As with his earlier work, this one also is a mixture of history and economics.

Prof. Ravi Batra, Southern Methodist University, Dallas, Texas (USA)

He predicted a big recession starting in 2008 from a major rise in wealth concentration and the price of oil, which you may recall peaked at $147 per barrel. He also foresaw a collapse in the oil price after 2011.  Regarding politics, he predicted a revolution in 2009 and then again in 2016.

Since many of his forecasts have been accurate, I caught up with Dr. Batra just before Christmas and interviewed him about his predictions, focusing on the role of technology in the economy and history. He was gracious enough to spend a few hours with me and later offered written answers to my questions, explaining why and how he saw what no one else did. Here is an account of that interview.

Mulay: Thank you Dr. Batra for agreeing to explain the nature of your work. My first question is about the role of technology in your economic and historical analysis. I have heard from many economists that a good deal of American unemployment arises from the use of new technology that makes labor redundant. What do you think?

Batra: Let me start by thanking you for offering to air my views. Modern economists have a myopic view of technology, because they have failed to look at history. New inventions are nothing new; they have been occurring from the very birth of the American Republic. First came horse-driven carriages, then came railroads, then automobiles, and now airplanes, computers, cellphones, robotics and so on. The list of new inventions is endless. Yet for much of US history there has been full employment. So new technology is not the cause of unemployment, at least from a study of history.

Mulay: But you have to agree the use of computers etc. has sharply increased labor productivity and indeed led to some unemployment.

Batra: “Let me tell you why technology is not the culprit here. It is the government policy which is at fault. You see, there are two types of technologies: labor replacing and job creating. Computers indeed are labor replacing, but building those computers creates new and more lucrative jobs. In the past, we had foreign trade but no outsourcing, which today’s economists believe works like foreign trade. This, however, is wrong and has destroyed the positive effects of new technology.

On the one hand, new inventions make labor redundant, but they generate new products on the other. In the past, when labor became redundant from innovations, the displaced workers found high-paying jobs in industries that built new products. But now new inventions still occur in the labs of universities like MIT, but new products are produced abroad because of outsourcing. Like, Apple discovered a wonderful product as the smartphone, but its production occurs in China. So nowadays, new technologies only displace labor in America while creating jobs in other countries. Thus, the fault lies not with technology but with government policy that permits outsourcing.

Mulay: So we had full employment for much of our history, while our living standard kept rising because new products were built in the U.S., and they raised our productivity as well.

Batra: Yes, you got it.

Mulay: But outsourcing alone cannot generate so much unemployment that we still have? Our own labor department tells us that if we count the long-term unemployed and part-time workers who want to work full time then the unemployment rate is still more than 9%. Furthermore, there is tremendous poverty in America today.

Batra: Here again my answer is the same. Modern economists just don’t know economics, or else after adding $18 trillion to federal debt since 1981, you would think both unemployment and poverty would have vanished completely. 1972 is an important year in American history, because that is when the real wage peaked and has been gradually declining ever since. That is also the year when economists began to adopt deficit financing to cure any economic problem. When oil price skyrocketed in 1973, the government raised the budget deficit to fight the rising unemployment, while the Federal Reserve (the Fed) dutifully printed more money to finance the rocketing deficit. This is what deficit financing is. By 1979 inflation was so bad that joblessness soared; then the Fed cut down on money supply to bring inflation under control. This made unemployment even worse and by 1981 we had a mega recession, almost as bad as the recession of 2007. My point is that economists don’t believe in free markets anymore; so we keep hopping from one crisis to another. In the process poverty keeps rising.

Mulay: I think you are onto something. Recent budget deficits have been higher than ever since 2008 and the Fed has continued to print money. I have heard about Helicopter Ben, as Ben Bernanke was the Fed chairman when the Great Recession hit us, and he is said to have had a helicopter printing press for money to fight unemployment. 

Batra: I have also heard about this, though it may be a joke. The private sector is the main job creator, and if this sector continues to malfunction, the government money works only as a band aid and problems fester.

Mulay: Then what is the real cause of poverty and unemployment?

Batra: The true cause is a rise in the gap between the real wage and productivity. If productivity rises faster than wages, then both unemployment and poverty go up; this is purely a matter of supply and demand. Productivity is the main source of production or supply and real wages are the main source of demand. If productivity rises faster than the real wage, supply increases faster than demand, and overproduction occurs, which in turn results in layoffs and poverty. We need to ban the export of new technology, which raises productivity, but its export through outsourcing does not create jobs in America. So this is double whammy. While productivity rises the real wage may actually fall, as has been happening since 1973.

Mulay: What do you think of Mr. Trump, the president-elect and his policies. He seems to be against the kind of outsourcing you have just described.

Batra: Mr. Trump is certainly doing the right thing in this matter. However, he also intends to raise the budget deficit sharply, and that will hurt the nation in the same way it has been hurting us ever since 1973. By the way in The New Golden Age, on page 174, I had predicted the rise of a personality like Mr. Trump to defeat the rule of money in politics, at least presidential politics.

Mulay: What? I have read that book and I know you predicted revolutions in America for 2009 and 2016. That book was written in 2006; how could you make earth-shaking prophecies ten years ago?

Batra: Mr. Obama became president in 2009 and Mr. Trump was elected in 2016. I  had selected these years as years of revolutions. Since I foresaw the start of a huge recession in 2007, it was easy to forecast its political consequences, because in every election a bad economy means a loss for the incumbent in the White House. Mr. Obama did not lose but his protégé did.

Mulay: But presidents change every four or eight years, whereas revolutions occur once in a century. How did you know that the incoming presidential changes would be revolutions?

Batra: Well, this is not the first time I predicted revolutions. I foresaw the fall of the Soviet Union in my 1978 work and the Ayatollahs replacing the Shah of Iran in my 1980 work. It is possible to forecast revolutions by examining the patterns of history that I have described in my books.

Mulay: So you also predicted the rise of Ayatollahs in Iran. Anyway, what Mr. Trump has done astonished everyone and is indeed a revolution. Did Mr. Obama achieve the same thing?

Batra: Yes, of course. First, both had an anti-establishment message that focused on the vanishing middle class. Then Mr. Obama did what no one has done in 5,000 years of recorded history. To my knowledge, he is the first black man to head a nation that arguably was, and perhaps is, the richest and militarily the most powerful. Nothing like this ever happened at any other place on earth.

Mulay: What do you foresee now?

Batra: I think Mr. Trump’s presidency would be like that of Mr. Reagan—two bad years followed by wide-spread prosperity. 2017 could open up as a bad dream resulting from a mismanaged economy since 1981. While Mr. Trump has a good policy on international commerce, his other ideas remind you of deficit financing, which to me is likely to create really bad problems for the world.

Mulay: What then is the right thing to do?

Batra: The nation, indeed the world, needs free-market reforms that I have described in detail in my new book, End Unemployment Now: How to Eliminate Joblessness, Debt and Poverty Despite Congress.

Mulay: Have you sent this book to Mr. Trump.

Batra: I have sent it to his campaign manager.

Mulay: What is her response?

Batra: No reply yet.

http://www.ebnonline.com/author.asp?section_id=3315&doc_id=282269&

Ritorno del Protezionismo

 ritorno del protezionismo: la germania ha deciso di limitare l’acquisto di aziende tedesche da parte di stranieri 

ottobre 17, 2016 by Fabio Lugano

Come riportato da Reuters, che potete leggere QUI, la Germania starebbe studiando delle forme legislative atte a difendere la proprietà delle proprie aziende di punta, soprattutto nel settore delle tecnologie avanzate, da parte delle acquisizioni di gruppi stranieri, soprattutto extra europei.

La notizia giunge dopo che, durante questa settimana, l’azienda cinese di attrezzature per la casa Midea ha comprato la tedesca KuKa, e che l’azienda, sempre cinese, di microcircuiti Sanan ha acquistato la Osram.

aziende_tedesche

La volontà è di proteggere le aziende da acquisti finalizzati all’esportazioni di alta tecnologia o alla creazione di gruppi di dubbio controllo, soprattutto in un momento in cui il basso rendimento marginale dei capitali interni cinesi spinge le aziende dell’estremo oriente ad acquistare in occidente, dove I prezzi delle società  sono più  contenuti.  Inoltre si teme che questo processo possa coinvolgere fondi di provenienza illecita. Del resto, come mostra la successiva immagine, la penetrazione cinese in Europa è fortissima.

Mentre quindi la Germania pone dei limiti alla proprietà estera delle proprie aziende strategiche, l’Italia invece da un lato sembra impaziente di regalare le proprie aziende strategiche nel settore energia e difesa, dall’altro saluta come un successo ogni caso di shopping foresto nel nostro paese….

http://scenarieconomici.it/ritorno-del-protezionismo-la-germania-ha-deciso-di-limitare-lacquisto-di-stranieri-di-aziende-tedesche/?ref=digest

I Poli Terrestri spostano le loro rispettive posizioni

 i poli terrestri spostano le loro rispettive posizioni

P.R. Sarkar

Il soggetto del discorso di oggi è, “I Poli spostano le proprie rispettive posizioni”. I Principi Umani Cardinali sono quasi immutabili. Dico quasi immutabili perché essi mantengono sempre una relazione tattile con l’ordine cosmologico e così i principi umani cardinali, o punti cardinali dell’esistenza umana, non subiscono alcun cambiamento o trasformazione fisica.

nuovo_asse_rotazione2Ma non è il caso del corpi fisici. Tali cambiamenti possono avvenire nel regno fisico, nell’arena delle emanazioni fisiche, e nel passato successero molte volte, sia nella storia di questo pianeta Terra sia nella storia di molti altri pianeti, stelle, satelliti, nebulose ecc. Nella sfera fisica il cambiamento è la regola esistenziale. Nella sfera psichica, c’è cambiamento nella struttura collettiva, ma poiché quel cambiamento mantiene un collegamento con l’ordine cosmologico, con l’espressione cosmica, esso non è così prominente come quello che avviene nella sfera fisica.

Prendiamo il caso dei nostri poli: le posizioni dei poli potranno spostarsi. Nel passato, tale cambiamento avvenne molte volte – negli annali di questo pianeta e anche nella storia di molti altri pianeti. Di conseguenza a questo spostamento, come risultato di questo cambiamento, molte persone affermano che dei satelliti si aggiunsero alla terra e si produssero da essa quando la sua crosta esterna, il suo corpo litosferico non era così solido come lo è ora. E alcuni sono dell’opinione che l’Oceano Pacifico si creò come risultato di questa emergenza occorsa alla litosfera terrestre. Secondo la vecchia astronomia e l’astrologia, anche Marte si produsse da questa Terra, ma non si mosse attorno alla Terra come un suo satellite. E questo è il motivo per cui un nome di Marte è Kuja: Shani Raja Kuja mantrii (Saturno è il re, Marte è il ministro). Ku significa terra e Kuja vuol dire nato da ku. Così nella sfera fisica tali cambiamenti sono avvenuti nel passato e succederanno nel futuro.


I poli spostano le loro rispettive posizioni.
Ora come risultato di questo cambiamento avvenuto molte volte, nel passato, il tempo impiegato dalla Terra per muoversi attorno al proprio asse è variato ed è cambiato anche il tempo impiegato dalla Terra per muoversi attorno al sole – ovvero, l’anno solare. Giorno e notte non erano, assieme, di 24 ore, e l’anno non era di 365/366 giorni. Come risultato del cambiamento delle posizioni dei Poli cambiò l’ordine stagionale e la sua relazione con Marte variò molte volte. L’ordine del nostro calendario, il sistema del nostro calendario nel passato dovette essere cambiato. Se i poli cambiano le loro posizioni, il tempo impiegato dalla Terra per muoversi attorno al proprio asse certamente potrà essere minore o maggiore. E similmente il tempo impiegato dalla Terra per muoversi attorno al sole aumenterà o diminuirà. Questo è il motivo per cui qualche volta vediamo che l’ordine stagionale non mantiene un adeguato parallelismo con i mesi: Questo dimostra che il cambiamento sta avvenendo velocemente. Come risultato di questo cambiamento, non solo si perderà il parallelismo tra i mesi e le stagioni, ma sarà disturbato anche l’ordine ambientale e l’equilibrio ecologico della Terra. Di conseguenza a questa disgregazione avverranno dei cambiamenti fisici e biologici nelle strutture di tutti i corpi viventi, di tutte le creature viventi, incluse le piante. Le piante del Terziario non si ritrovarono nel Cretaceo. Le piante e gli animali del Cretaceo non poterono essere ritrovati nelle ere più tarde, nel Pliocene, Miocene, Oligocene, Mesozoico e Cenozoico perché la loro esistenza, la loro nascita e morte dipendono anche dall’equilibrio ecologico. Alcuni affermano che come risultato del cambiamento della posizione dei poli, nell’emisfero orientale, il Polo Nord si sta muovendo da nord a sud, e nell’emisfero occidentale, il Polo Sud si muove da sud a nord, e non si può assicurare che la loro distanza relativa rimarrà immutata. Così dovremmo essere preparati per il futuro; dovremmo essere preparati ad affrontare le conseguenze dei cambiamenti delle posizioni polari, dell’ordine ambientale e anche della struttura ecologica.

Come risultato di questo cambiamento, muterà la struttura magnetica di questa Terra, e di conseguenza altri pianeti e satelliti del sistema solare subiranno una rimarchevole metamorfosi . E se l’ordine magnetico è cambiato, allora avverrannoterra-terra anche delle rimarchevoli metamorfosi nelle vibrazioni elettromagnetiche di questa Terra e dell’intero sistema solare. Come risultato di questo tipo di cambiamento nelle vibrazioni elettromagnetiche, le onde pensiero umane subiranno certamente delle influenze.

Il nostro progresso nell’arena della scienza dipende molto dal progresso della nostra conoscenza dell’elettromagnetismo, delle emanazioni elettromagnetiche. Il nostro progresso nei campi umano e scientifico, ne soffriranno molto; come risultato di questo cambiamento saranno oggetto di grossi metamorfosi . Dovremmo essere preparati per una tale trasformazione, e questi cambiamenti potranno avvenire in un futuro molto vicino.

Si sa, l’esistenza umana è non solo un’esistenza fisica, un’esistenza in una struttura fisica, è una rete di vibrazioni di moltissime lunghezze d’onda. Così se il cambiamento delle onde fisiche e se le condizioni climatiche subiscono una trasformazione gigantesca, certamente cambieranno e saranno sconvolte le emanazioni e le percezioni delle cellule nervose e delle fibre nervose. Può essere in bene o in male, ma il cambiamento è d’obbligo. Nel caso di un cambiamento dell’ordine fisico e dell’ordine fisico-psichico, è sicuro che il cambiamento avverrà anche nel regno della spiritualità. Speriamo che il movimento – ovvero, il movimento dell’umanità, di ognuno e ogni essere vivente – sia dalla materia alla coscienza, dall’estroversione all’introversione. Così le onde pensiero degli esseri umani saranno più di natura spirituale di quello che sono attualmente. Ovvero, l’umanità in quella sviluppata condizione sarà più spirituale di quello che è attualmente.

L’Entità Cosmica, la Facoltà Cognitiva Suprema, non ferma mai le Sue emanazioni nel campo fisico, metafisico, superfisico e spirituale. Nel caso del microcosmo, se il cambiamento è neurologico, come risultato del cambiamento fisico, allora certamente le cellule e le fibre nervose funzioneranno in modo diverso dal presente. Poi le onde pensiero del Grande, le onde pensiero della Facoltà Cognitiva Suprema, è sicuro che subiranno una trasmutazione quando passeranno attraverso la struttura umana. E ci si aspetta che, in tali circostanze, il progresso degli esseri umani nel regno della introversione saranno accelerati più che nel presente. Se i Poli di un particolare pianeta piccolo, come la Terra spostano le loro rispettive posizioni, può essere che ciò porti dei benefici agli esseri umani o che non porti benefici agli esseri umani, ma è certo che le onde pensiero del Supremo faranno il proprio dovere in tali mutate circostanze. L’umanità sarà più meditativa e accetterà Parama Purus’a, la Facoltà Cognitiva Cosmica, come il proprio oggetto di ideazione in modo migliore e più scientifico. Non si dovrebbe pensare che tutto è statico e fisso in questo universo. Tutti si muovono – certamente i Poli si muovono – e hanno già cominciato la loro funzione di cambiamento delle loro rispettive posizioni. E vedrete apparire, come risultato di tale cambiamento, specialmente se il cambiamento avviene in modo repentino, un’altra era glaciale su questa Terra. Ci può essere un lungo lasso di tempo tra le pre-condizioni e post-condizioni dell’era glaciale – ovvero, la pre-età e la post-età avranno un ampio gap tra loro. Ma abbiamo molte aspettative dall’intelletto umano; in esso riponiamo molte speranze, speriamo che, se avverrà una catastrofe, l’intelletto umano potrà superare tale catastrofe e organizzare lo spostamento della popolazione in un altro pianeta in cui vi siano condizioni ambientali appropriate e un migliore ordine ecologico. Facciamo in modo che l’umanità si risvegli e che questo sviluppo dell’umanità sia più orientato spiritualmente!

31 Maggio 1986, Calcutta
A Few Problems Solved Part 7
Ananda Marga Pubblicazioni 2004 – proprietà letteraria riservata

L’avvento della prossima Era Glaciale

l’avvento della prossima Era Glaciale

di P.R. Sarkar

La storia si muove in forma ritmica – in un flusso sistaltico [ondulatorio ndt.]. Procede e va avanti, poi c’è un grande salto. Di nuovo si muove e procede, poi c’è un altro salto gigantesco, e così via. Tutto d’un tratto vi sono dei salti epocali – delle ere storiche. Siamo ora sulla soglia di questo salto. Siamo non solo sulla soglia, ma abbiamo appena attraversato la soglia di un’era nuova. Siamo ora sulla soglia di qualche cosa nuovo – di un’età nuova – e stiamo passando ora attraverso tale età. Riuscite a comprendere? Non siamo più sulla soglia. Dovreste essere pronti per dei grandi cambiamenti, altrimenti l’equilibrio [biologico e psichico] sarà perduto.

Nel processo del movimento, non ci può essere un andamento rettilineo. Ci deve essere accelerazione – accelerazione continua o accelerazione accelerata – o ritardo – ritardo continuo o ritardo ritardato. Con questa accelerazione o ritardazione c’è anche un grande salto epocale. Prima e dopo questo salto, avvengono cambiamenti biologici, cambiamenti storici, cambiamenti agricoli e cambiamenti della psiche umana.

La terra nel plieistocene durante l'ultima era glaciale, courtesy Ron Blakey

La terra nel plieistocene durante l’ultima era glaciale, courtesy Ron Blakey

Nella storia del mondo ci sono state due ere glaciali significative dal punto di vista dello sviluppo della vita. Prima della prima era ghiacciale esisteva qualche animale sviluppato, gran parte dei rimanenti animali non erano  sviluppati. C’erano neve e ghiaccio. Dopo la prima era glaciale ci furono molti avanzamenti e molte nuove ere. Gli animali divennero giganteschi. Dopo la seconda significativa era glaciale gli animali giganteschi scomparvero – e arrivarono animali più piccoli. Arrivarono le ere del Paleocene, Eocene, Oligocene, Miocene.

Sappiamo che un’altra era glaciale sta arrivando sulla terra. Porterà un cambiamento globale nella struttura della terra. Prima della prossima era glaciale, negli esseri umani e negli animali – in ogni entità, animata e inanimata – ci saranno cambiamenti a livello intellettuale e grandi cambiamenti biologici. Troverete cambiamenti nell’ordine stagionale, nell’arena psichica, nelle sfere socio-economico-politiche e culturali, nella struttura biologica. Tutto sta subendo una trasformazione. I poli terrestri hanno cominciato a spostarsi. Siete pronti?

Ci saranno cambiamenti nelle regioni tropicali, cambiamenti biologici enormi e dopo la prossima era glaciale, sarà creato uno speciale ordine biologico. Sentite che l’ordine stagionale sta cambiando ed è stato disturbato? Il Polo Nord si sta muovendo più vicino alle regioni tropicali e il Polo Sud si sta avvicinando sempre più vicino all’emisfero occidentale sul lato opposto dell’area tropicale. Se nell’emisfero orientale il Polo Nord si muove da nord a sud e nell’emisfero occidentale il Polo Sud si muove da sud a nord, quale sarà l’effetto sulla idrosfera terrestre? I ghiacci del polo si scioglieranno e il livello degli oceani si alzerà. Ciò avrà un impatto sulla dimensione delle onde marine in tutto il globo. L’Oceano Pacifico diverrà più freddo e poi gelerà. Molti dei porti esistenti chiuderanno. I modelli stagionali cambieranno. Le piogge e le variazione climatiche avranno un grosso impatto sulla flora e sulla fauna. Tutti questi eventi assieme avranno un loro impatto sui processi di pensiero. Il numero dei giorni dell’anno solare è già cambiato da 365 a 366, ma l’anno lunare è immutato dai 354 ai 355 giorni.

Come persone dotate di intelletto dovreste essere pronti per una tale eventualità, per far fronte a dei cambiamenti giganteschi. In precedenza il momento dei temporali a Calcutta (India) era di sera dalle 18.00 alle 21.00. Ora sono le 4.15 del pomeriggio e sta infuriando la tempesta. La stagione sta cambiando – stanno avvenendo dei grandi mutamenti climatici.

Una volta le persone dimenticate del mondo ebbero l’impressione che il comunismo fosse la panacea per i loro problemi. Ma dopo che i leader comunisti agirono contro umanità, la razionalità e la psicologia umana, ipotecando i veri fondamenti della civiltà umana, le masse sfidarono i propri leader per aver ucciso milioni di persone innocenti. Si è creato dalla loro caduta un vuoto di potere. Questo vuoto dovrebbe essere riempito dal vostro intelletto e ideologia – da voi ragazzi e ragazze e dal nostro PROUT. Tutto questo sarà realizzato in un futuro molto vicino. Non sono possibili dei ritardi. Non c’è alternativa.

Perché il Marxismo sta subendo dei cambiamenti? La metamorfosi avviene in tutte le aree dell’esistenza. Sta avvenendo una trasformazione non solo nel regno fisico ma anche nel regno della struttura psichica. Stanno avvenendo dei cambiamenti molto veloci nell’arena psichica e in tutte le altre sfere dell’espressione umana. Non solo stanno avvenendo, sono già avvenuti. Abbiamo oltrepassato la soglia di una nuova era. Nell’era Paleozoica non c’erano piogge – non vi era acqua piovana. L’ambiente era gassoso e non vi erano piante. Non vi erano regioni come la Sarkar Samaj, nessuna Royalseema Samaj, nessuna Andhra Pradesh (regioni dell’India ndt.). Più tardi vennero alla luce una porzione dell’Andhra e dei piccoli animali, e addirittura non c’era nessuna area litoranea e nessun Vishakapatnam, ma l’area Medak era già presente. Di seguito ci furono intensissime pioggie. Le colline erano coperte di neve e i fiumi erano alimentati dai ghiacciai. I fiumi Godavari, Krsna e Kaveri erano alimentati dai ghiacciai. I fiumi erano una fonte perenne di acqua, ma non c’erano creature umane. Questo è uno scorcio della storia archeologica dell’Andhra Pradesh. Poi vennero molti grossi animali, dinosauri, brontosauri ecc. Si giunse alle ere dell’Oligocene e del Miocene. Dopodiché, nella tarda porzione del Pliocene apparvero gli antenati degli esseri umani. Gli esseri umani sono nati circa un milione di anni fa. Tra circa un milione di anni non vi saranno più esseri umani su questo pianeta e le generazioni future vedranno solamente gli scheletri fossilizzati delle generazioni presenti.

In questo mondo ogni cosa cambia attraverso mutazione e trasmutazione. Mutazioni e tramutazioni avvengono non solo nel piano fisico ma anche nella sfera psichica degli esseri viventi e pure nella sfera psichica inattiva degli oggetti inanimati che attendono un risveglio. Gli oggetti animati e inanimati stanno attendendo espressione. Dopo la prima era glaciale avvennero dei cambiamenti giganteschi nella sfera psichica. Apparvero i grandi animali. Dopo la seconda era glaciale ci fu un altro grande cambiamento e nessun grande animale resistette. C’erano animali più piccoli. I mammut divennero elefanti. Questa età attuale non è l’età dei grandi animali e dei piccoli paesi, perché è difficile approvvigionarli. È difficile per paesi piccoli mantenere la propria integrità. Dopo la seconda era glaciale i mammut scomparvero e arrivarono gli elefanti. I fiumi Krsna, Kaveri e Tungabhadra ora sono parte della penisola indiana, ma circa 300 milioni di anni fa facevano parte della terra denominata Gondwana. Gli esseri umani apparvero circa un milione di anni fa. Questi sono esempi di mutazioni e tramutazioni.

Nell’età presente il comunismo è scomparso lasciando il campo a pensieri più elevati e conseguimenti psichici più elevati. Questo è un cambiamento naturale, non una catastrofe. E’ sicuro che anche le altre filosofie saranno sconfitte. Anni fa quando stavo camminando lungo il muro di Berlino dissi che il comunismo se ne doveva andare, era un sogno, ma ora quel sogno è stato trasformato in cruda realtà. Questo è un cambiamento naturale, non una catastrofe. Siate pronti per i prossimi cambiamenti; sia preparati ad affrontarli. Essi sono qualche cosa naturale. Non sono una calamità senza precedenti o una catastrofe, o una grande avversità.

24 il 1990 Marzo, Calcutta
fonte ufficiale: Prout in Nutshell Part 17

Unctad: cambiare paradigma della globalizzazione, aumentare i salari dei poveri per “dopare” la crescita mondiale

26 ottobre 2010 alle ore 13.45

E’ “stranamente” passato quasi sotto silenzio in Occidente il rapporto dell’United Nation Conference on Trade and Development (Unctad) pubblicato il 19 ottobre 2010. Mette in discussione l’attuale paradigma economico della globalizzazione che basa la competitività di un Paese sulle esportazioni e la produttività (che si traducono in bassi salari). Infatti secondo l’Unctad “L’aumento dei salari sarebbe in grado di dinamicizzare la crescita mondiale”.

Il rapporto Unctad 2010 sul commercio e lo sviluppo sottolinea che «Quest’aumento passa però per un riorientamento delle politiche macroeconomiche ed un rafforzamento delle istituzioni che permetteranno di far aumentare i redditi».

AfricaSecondo il documento al centro del nuovo paradigma deve esserci la creazione di nuovi posti di lavoro: «E questo è ancora più importante perché, in numerosi Paesi, la crisi finanziaria ed economica ha provocato un aumento della disoccupazione che raggiunge livelli ineguali».

Ma gli economisti che l’Unctad ha chiamato a stilare il documento sfatano un’altro tabù economico che sentiamo ripetere come un mantra anche dagli imprenditori e dai politici italiani: «Le prospettive di una crescita trainata dalle esportazioni diminuiscono, perché gli Stati Uniti non saranno più il principale mercato di esportazioni e ci sono poche possibilità che le altre potenze economiche prendano rapidamente il loro posto». Ma il coltello nella piaga della politica economica tradizionale (sia capitalista che del socialismo reale) il rapporto dell’Unctad lo mette quando dice: «Nelle strategie di sviluppo che hanno dominato gli ultimi 30 anni limitare la pressione salariale è stato il principale modo di procurare un vantaggio concorrenziale nei differenti settori dell’esportazione sui mercati internazionali. Questo approccio dimentica il ruolo macroeconomico del rialzo dei salari che possono stimolare la domanda interna e dinamizzare il lavoro».

Come se ne esce da questo gatto che si morde la coda (ci vogliono più consumi ma la base dei consumatori guadagna poco per sostenere il mercato o sono disoccupati)? Lo spiega nell’introduzione del rapporto il segretario generale dell’Unctad, Supachai Panitchpakdi:«Una strategia promettente per creare rapidamente dei posti di lavoro potrebbe consistere nel privilegiare maggiormente la dinamica degli investimenti e fare in modo che i guadagni di produttività così ottenuti vengano ripartiti tra il lavoro e il capitale in maniera da “dopare” la domanda interna, Tutte questi misure applicate insieme, offrirebbero grandi possibilità di gestire la domanda facendo in modo di combattere la disoccupazione, gestendo intanto l’inflazione e riducendo la dipendenza di fronte alle esportazioni».

Sembrerebbe che il turbo-capitalismo globalizzato abbia bisogno di una specie di droga socialdemocratica che per alcuni versi somiglia al riassestamento che sta mettendo in atto il Partito comunista cinese in Cina con il nuovo piano quinquennale. Ma sembra una ricetta per i Paesi emergenti e in via di sviluppo più che per il satollo Occidente dove sembra problematico garantire l’espansione regolare della domanda interna. Sembra invece destinata anche a noi un’altra delle raccomandazioni: «Rafforzare il potere d’acquisto collettivo, stimolando gli investimenti in capitale fisso e nell’innovazione tecnologica».

Infatti il rapporto fa il bilancio di 30 anni di globalizzazione e sviluppo partendo dal vero teatro nel quale si è svolta la battaglia economica e sociale planetaria:: i mercati del lavorio dei Paesi in via di sviluppo e le loro risorse. Paesi che non sono in grado di assorbire un eccesso di manodopera eppure sempre più dipendenti dalle esportazioni verso i Paesi sviluppati. «Ma tutto questo non può proseguire allo stesso tempo con le strategie di sviluppo e riuscire – dice l’Unctad – Bisogna quindi concentrarsi maggiormente sulle forze interne che sono la crescita e la creazione di posti di lavoro».

UNCTADInfatti, se il rapporto Unctad è stato praticamente ignorato in Europa (per non parlare dell’Italia), sta invece facendo molto discutere in Africa, c visto che è in quel continente che ci sono i più poveri dei Paesi in via di sviluppo e dove i programmi pubblici per il lavoro sarebbero più utili per lottare contro disoccupazione e miseria. Programmi che secondo il rapporto «Non solo hanno un effetto diretto sulla riduzione della disooccupazione, ma creano potere di acquisto che avrà degli effetti indiretti sui posti di lavoro in tutta l’economia e fissano una soglia di remunerazione e condizioni di lavoro minime».

Dopo una contrazione di circa il 2% nel 2009 (la prima dalla seconda guerra mondiale) il Pil mondiale dovrebbe crescere del 3,5% nel 2010, ma nello stesso tempo il valore del commercio mondiale è precipitato del 23% nel primo trimestre del 2009, iniziando a riprendersi d solo alla fine dell’anno. Ma mentre i prezzi dei prodotti di base aumentano velocemente rispetto al primo trimestre del 2009 non fanno altrettanto le entrate fiscali degli Stati, in parte a causa della forte domanda dei Paesi emergenti in rapida industrializzazione, ma anche per il riapparire della speculazione finanziaria nelle sue forme peggiori.

«La ripresa è fragile ed ineguale – avverte l’Unctad – I Paesi africani, meno direttamente toccati dalla tormenta finanziaria perché sono molto meno integrati di altre regioni in via di sviluppo nei mercati finanziari internazionali, dovrebbero conoscere una crescita del 5% nel 2010. In Africa sub sahariana (non compreso il Sudafrica) la crescita sarà più vicina al 6%. Ma la creazione di posti di lavoro e particolarmente di impieghi ad alta produttività e ben remunerati resta difficile».

Le decantate riforme politiche liberiste applicate per più di 20 anni hanno prodotto risultati limitati: «Molti Paesi africani negli anni ’80 e ’90 hanno registrato una contrazione del Pil per abitante e delle attività manifatturiere – spiega l’Unctad – Alla fine degli anni ’90, la struttura produttiva ricordava quella del periodo coloniale, con un posto preponderante dell’agricoltura e delle attività estrattive».

Questo ha prodotto l’ampliamento del debito, l’aumento del costo del cibo e una serie di conflitti interni, solo la fine di queste turbolenze a permesso il recupero del trend della crescita e l’aumento delle entrate a partire dal 2003, crescita che è proseguita negli anni successivi nonostante la crisi mondiale. «Ma niente indica fino ad ora che la struttura del lavoro sia realmente evoluta – sostiene il rapporto – Il tasso di impiego ufficiale resta elevato nell’Africa subsahariana, il che conferma che il problema in termini assoluti non riguarda una penuria di posti di lavoro, ma l’assenza di posti di lavoro accettabili e produttivi».

Il lavoro agricolo, essenzialmente informale, è diminuito con il progredire dell’urbanizzazione, ma in Africa rappresenta ancora il 60% del totale. Intanto aumenta il lavoro nero e informale nei servizi urbani e nel piccolo commercio. Nell’Africa sub sahariana, se si esclude il Sudafrica i salariati in settori “strutturati” sono solo il 13% dei lavoratori e il 60% della forza lavoro sono “lavoratori poveri”, cioè che b non riescono con il loro salario a soddisfare i bisogni primari di sussistenza delle loro famiglie. L’Unctad conclude: «Perché la situazione del lavoro possa migliorare grazie ad una crescita più rapida del Pil, bisogna quindi che l’aumento dei redditi nelle industrie dell’esportazione abbia delle ricadute benefiche per iol resto dell’economia. Ma questo poi dipenderà dalla domanda produttiva delle imprese, dalla crescita dei consumi di beni e prodotti nel Paese e dall’aumento delle spese pubbliche grazie alle tasse più elevate pagate dagli esportatori».

Peccato che fino ad ora la globalizzazione imprenditoriale guidata dalle multinazionali si sia basata proprio sul sogno di trovare sempre un Paese dove si pagano meno gli operai e non si pagano tasse. Forse siamo arrivati alla fine della corsa e tutte le caselle della scacchiera sono state percorse e occupate e bisognerà pensare alla redistribuzione e del benessere globale. E per l’occidente saranno dolori.


 Questo articolo: http://www.greenreport.it/_new/index.php?page=default&id=7279 

 UNCTAD Report 2010, pag IX-X: http://unctad.org/en/Docs/tdr2010_en.pdf 

 

Le cause della disoccupazione – Ravi Batra


Qual è la maggior fonte di offerta? La produttività. Qual è la principale fonte di domanda? I salari. Se, attraverso l’educazione o l’uso di migliori tecnologie, diventate più efficienti, produrrete o offrirete più beni. Se il vostro salario aumenta, allora voi consumerete o chiederete più beni. Perché l’economia sia in salute e sia libera da disoccupazione, l’offerta deve uguagliare la domanda:

OFFERTA = DOMANDA
questa è una semplice equazione, che però ci aiuterà a capire le ragioni per cui si ha la disoccupazione. Se l’offerta e la domanda non sono uguali, allora, come un aeroplano con ali molto diverse, l’economia a un certo momento si schianterà.


 

Una nuova teoria in Macroeconomia

cosa causa veramente la disoccupazione?

ravi-batraIl Prof. Ravi Batra parla così della crisi economica americana:

Secondo le statistiche nel 2013 la povertà americana e’ stata la peggiore in 50 anni. Come può succedere questo, quando i profitti delle multinazionali e la borsa stavano fiorendo e il l governo stava  facendo il meglio dall’inizio della recessione per sradicare la povertà? Sia l’amministrazione che la Federal Reserve hanno speso trilioni di dollari per trattare la malattia, ma con poco successo.

Come entrammo nel 2014, i rapporti sulla povertà divennero ancora più tristi, dato che il record dei passati cinquant’anni viene battuto. Questo è ciò che accade quando la disoccupazione persiste nonostante si dichiari che la recessione è passata. Per eliminare la povertà, dobbiamo eliminare la disoccupazione, e questo ci porta ad esaminarne la causa. Questo ci porta anche a pensare alle ragioni per cui si ha una recessione.

Molti pensano che solamente le industrie creino posti di lavoro, ma ciò è vero solo in parte. In realtà, la creazione di posti di lavoro avviene per effetto dell’azione combinata di industrie e di consumatori. Le industrie da sole provvedono ai mezzi per fare dei prodotti e assumono lavoratori, ma se i loro prodotti rimangono invenduti e perdono denaro, licenziano i lavoratori. Per iniziare un’attività sono necessari sia il lavoro che il capitale. Inoltre, grossa parte della domanda, per beni e servizi, viene dai lavoratori. Ciò significa che le industrie offrono dei beni e i lavoratori ne acquistano la maggior parte. Sono sicuro che tutti avete sentito parlare della legge della domanda e dell’offerta, anche se non avete mai studiato economia. L’offerta e la domanda sono come le due ali di un aeroplano: devono essere ugualmente forti e pesanti, altrimenti l’aereo si schianterà. Allo stesso modo, offerta e domanda devono essere in equilibrio per conservare i posti di lavoro.

Qual è la maggior fonte di offerta? La produttività. Qual è la principale fonte di domanda? I salari.

Se, attraverso l’educazione o l’uso di migliori tecnologie, diventate più efficienti, produrrete o offrirete più beni. Se il vostro salario aumenta, allora voi consumerete o chiederete più beni. Perché l’economia sia in salute e sia libera da disoccupazione, l’offerta deve uguagliare la domanda:

OFFERTA = DOMANDA

questa è una semplice equazione, che però ci aiuterà a capire le ragioni per cui si ha la disoccupazione. Se l’offerta e la domanda non sono uguali, allora, come un aeroplano con ali molto diverse, l’economia a un certo momento si schianterà.

Per chiarire i termini:

offerta significa il valore di tutti i beni prodotti in una economia,

domanda significa tutto ciò che viene speso dai consumatori e investitori su beni prodotti in una certa nazione.

Accade poi che, a causa di investimenti e nuove tecnologie, la produttività e quindi l’offerta cresca di anno in anno. Questo significa che i salari, e quindi la domanda, devono anche crescere di anno in anno, e nella stessa proporzione. Altrimenti lo squilibrio che ne risulta creerà problemi inaspettati. Se i salari reali restano indietro rispetto alla crescita di produttività, l’offerta supererà la domanda, provocando una sovrapproduzione. Le industrie non potranno vendere tutto quello che producono nelle loro fabbriche e si avranno licenziamenti. Perciò la sola causa di disoccupazione, in una economia sviluppata, è l’aumento del divario tra quello che voi producete e quello che il vostro datore di lavoro vi paga. Nelle economie in via di sviluppo, la mancanza di lavoro si ha a causa di una offerta insufficiente; in poche parole non ci sono abbastanza fabbriche per dare lavoro a chi lo cerca.

Invece, in una economia sviluppata ci sono molte fabbriche, ma alcune di esse rimangono inattive a causa di una domanda inadeguata che è conseguenza di salari bloccati.

La domanda che ci poniamo ora è: chi sbaglia quando in una economia si ha disoccupazione? Alcuni luminari, credeteci o no, pensano che la disoccupazione sia volontaria. In passato questi vennero chiamati gli economisti classici. Oggi sono conosciuti come economisti neo-classici. Dal loro punto di vista nessuno viene licenziato, i lavoratori semplicemente lasciano il lavoro per godersi il far nulla. Questo non è solo assurdo è palesemente illogico e  falso. La disoccupazione c’e’ solo se il vostro capo non vi paga abbastanza da equilibrare la vostra produttività dovuta a duro lavoro, educazione e abilità, così a livello nazionale la domanda è minore dell’offerta. Quando la produzione totale dei lavoratori eccede la spesa totale di quei lavoratori a causa di bassi salari, allora ci sarà sovrapproduzione e quindi licenziamenti nell’economia.

Se voi siete lavoratori onesti e diligenti e nonostante questo venite licenziati, allora questo è un errore del datore di lavoro non il vostro. Se state facendo il vostro lavoro di essere produttivi da un lato e dall’altro create domanda con il vostro salario, allora non c’è ragione perché voi siate licenziati. Se le vostre spese diminuiscono oppure non crescono abbastanza, è perché il vostro capo non vi ha dato un aumento o addirittura ha tagliato il vostro salario.


A livello macro economico una spesa insufficiente significa che dei lavoratori come voi hanno prodotto così tanto per le loro aziende che l’offerta eccede la domanda, così alcune persone devono essere lasciate a casa per eccesso di produzione. Dov’è in tutto questo lo sbaglio del lavoratore? È l’ingordigia dei datori di lavoro, e niente altro, che genera disoccupazione.


robert_lucasGli economisti neoclassici danno la colpa della disoccupazione ai lavoratori, che secondo loro lasciano il lavoro quando i salari si abbassano, o scelgono di divertirsi e spassarsela piuttosto che lavorare in condizioni disagiate. Uno dei maggiori oppositori di questa idea è un  premio Nobel, professor Robert Lukas. Nonostante questa idea possa sembrare assurda, gli esperti neoclassici l’hanno difesa per più di 200 anni.

Invece, come abbiamo detto prima, è l’ingordigia del  datore di lavoro che genera estesa disoccupazione. Questa teoria deriva semplicemente dai concetti di domanda e offerta, e anche i non addetti ai lavori possono capire che una sovrapproduzione deve condurre a licenziamenti.

La disoccupazione crea problemi non solo a chi è senza lavoro ma anche agli amministratori che sono stati eletti, perché chi è disoccupato ha pur sempre il diritto di votare. I politici cercano di essere rieletti rendendo felici i loro elettori. Ad essi non piace la disoccupazione meno di quanto piaccia a me, il che significa che devono trovare metodi creativi per innalzare la spesa nazionale o la domanda al livello dell’offerta. In questo hanno due scelte: o scelgono di alzare i salari reali finché sono proporzionati al livello della produttività – cosa etica e giusta – oppure possono scegliere di adottare misure per indurre la gente a fare più debiti, in modo che i consumatori spendano di più, non attraverso un aumento salariale, ma un aumento dei prestiti. In questo modo le politiche ufficiali alzano la domanda al livello dell’offerta generando una spesa artificiale.


Indurre il pubblico a indebitarsi per essere rieletti, è pura corruzione, io penso. Questa corruzione c’è perché i politici, che cercano sempre finanziatori per la  loro campagna elettorale, non vogliono toccare gli interessi degli industriali che amano i bassi salari.


Con gli stipendi che rimangono indietro rispetto alla produttività dal 1981, alcuni esperti incaricati dagli amministratori eletti hanno applicato quella che si chiama politica monetaria, che induce la gente a fare debiti sempre più grandi. Ciò elimina la disoccupazione dato che la spesa aumenta al livello dell’offerta, perché ora:

OFFERTA = DOMANDA + DEBITI DEI CONSUMATORI

con questa politica monetaria, la Federal Reserve stampa più moneta per abbassare gli interessi, cosa che poi spinge le persone a chiedere più prestiti, generando nuovo debito. L’interesse è il costo del denaro, e quando l’offerta di qualcosa cresce il suo prezzo cala. Perciò quando la Federal Reserve aumenta l’offerta di denaro, il costo del credito diminuisce. Però la distanza salario-produttività è cresciuta così rapidamente che il governo ha dovuto aumentare le sue spese e il suo debito costantemente, in modo che la spesa totale bilanci l’offerta di beni. In questo caso:

OFFERTA = DOMANDA + DEBITI DEI CONSUMATORI + DEFICIT DEL  GOVERNO

questo fatto di aumentare il debito del governo in modo da posporre il problema della disoccupazione si chiama politica fiscale espansionista.


Adesso capite perché la nostra nazione è annegata nel debito. Molti governi con le loro leggi hanno frequentemente usato la creazione di debito per essere rieletti, cercando però di dare l’impressione che stavano facendo qualcosa a favore dei lavoratori, preservando loro i posti di lavoro. In realtà questi politici stavano preservando i loro posti di lavoro e, in questo modo, arricchendo ulteriormente chi era già ricco, come vedremo nella successiva analisi.


Finora ho dato  una semplice idea della ragione per cui vengono persi posti di lavoro. Ora vedremo qualche esempio numerico che illustrerà i punti di cui sopra. Anche se questi dati si riferiscono all’economia statunitense, il loro andamento è pur sempre simile in ogni nazione, secondo la teoria che stiamo illustrando.

Ci sono due teorie popolari riguardo alla disoccupazione–quella classica e quella Keynesiana. Ambedue si sono dimostrate inadeguate, altrimenti i loro proponenti  avrebbero fermato la disoccupazione da molto tempo.

  • keynesLa teoria classica dice che la perdita di posti di lavoro avviene se i salari reali sono troppo alti, cosicché,  se il livello dei salari si abbassa, il problema verrà risolto.
  • Per contrasto l’economia keynesiana attribuisce il problema alla domanda che è minore dell’offerta, e ciò ha senso ma John Maynard Keynes, il fondatore di questa scuola di pensiero, non ci disse qual è la ragione che tiene la domanda bassa per molto tempo.

Facciamo ora un esempio: supponiamo che la Fiat costruisca 20 automobili e le metta in vendita. Se ne vende solo 15, allora la Fiat rimane con cinque macchine invendute, e quindi dovrà licenziare degli operai. In altre parole, se un’industria non può vendere tutto il suo prodotto, deve licenziare dei lavoratori e produrre solo fino al livello della domanda relativa al suo prodotto.

Estendiamo ora questo esempio alla macro economia. Come detto prima, se l’offerta eccede la domanda, ne conseguono dei licenziamenti.

Offerta macro significa il valore dei beni e dei servizi prodotti da una nazione nel suo complesso, e macro domanda significa il livello di spesa dei consumatori e investitori in quei prodotti. Ambedue questi fattori sono misurati in una valuta, dollari o euro o altro. Per ora ignoriamo il ruolo del governo nel generare della domanda attraverso la spesa e la tassazione. Abbiamo visto che:

OFFERTA = DOMANDA

dove l’offerta è semplicemente il Pil, cioè il valore del prodotto di una nazione in un anno, mentre la domanda ha due componenti. Una è il denaro speso dai consumatori, che proviene dalle loro entrate, l’altra è l’investimento, cioè il denaro speso dalle compagnie e dalle persone per ciò che si conosce come beni di investimento, macchinari e immobili.

Perciò

domanda = spesa dei consumatori + investimenti

supponiamo che per ora non ci sia nessun prestito di alcun genere. Supponiamo che l’offerta ai prezzi correnti sia € 1000, la domanda dei consumatori sia € 800 e gli investimenti € 200. Allora:

domanda = € 800 più € 200 = € 1000 = offerta

 

qui abbiamo un’economia in equilibrio, in cui l’offerta è uguale alla domanda, così non ci sono licenziamenti. Supponiamo ora che i salari diminuiscano secondo le prescrizioni della teoria classica. Allora la spesa dei consumatori scenderà, perché il vostro salario è la maggior componente della vostra spesa. Supponiamo che la spesa diminuisca di € 200, così adesso:

domanda = € 600+ € 200= € 800 < Offerta = € 1000

poiché l’offerta eccede la domanda, allora ci saranno licenziamenti; così vedete che la teoria classica è totalmente falsa. Invece di risolvere i problemi, questo approccio li peggiora. In realtà poi, pure l’investimento diminuirà a causa di una diminuzione della spesa dei consumatori e si avranno ulteriori licenziamenti.

Cosa dire ora sul punto di vista Keyensiano? Esso è certamente valido, ma non  dice perché la domanda può rimanere scarsa per lungo tempo, come  durante la grande depressione e ancora oggi dal 2007.

Definiamo ora il concetto di gap (divario) salario-produttività, o più semplicemente gap salariale:

gap salariale = produttività / salario reale

in questa formula il salario reale è il potere di acquisto del salario di un lavoratore, e la produttività è quanto produce il lavoratore. Se questa produttività aumenta più in fretta del salario reale, il gap salariale aumenta. Abbiamo esplorato il caso classico, nel quale il salario reale diminuisce e aumenta questo gap salariale. Esaminiamo ora l’altro caso dove solo la produttività aumenta, per esempio del 10%, l’offerta allora aumenterà del 10% ai prezzi correnti. Ora l’offerta è € 1100. Se i salari restano costanti, anche la spesa dei consumatori e la domanda rimarrà costante. Ricordiamo che inizialmente l’economia era in equilibrio, con la domanda di € 1000. Dopo l’aumento di produttività, si avrà:

offerta = € 1100 > domanda = € 1000

di nuovo avremo licenziamenti a causa di sovrapproduzione. Ora diventa chiara la vera causa della disoccupazione: Ogni qual volta il divario salariale aumenta, diventano inevitabili i licenziamenti. Ciò perché la produttività è la maggior fonte di offerta e i salari sono la maggior fonte di domanda, e se i salari restano indietro rispetto alla produttività, allora la domanda rimane indietro rispetto all’offerta, e alcuni lavoratori vanno in sovrannumero.

Questa teoria non dipende da ciò che succede ai prezzi, che in qualche modo diminuiscono mentre l’offerta cresce e il valore dei beni prodotti cresce di meno del 10%. Qualcuno può obiettare che la diminuzione dei prezzi dovrebbe alzare la domanda al livello dell’offerta. Però, con i salari fermi, l’offerta continuerà ad eccedere la domanda, culminando in licenziamenti. Se i prezzi dovessero cadere in maniera sostanziale, allora ci sarebbe disoccupazione su larga scala, come avvenne durante la grande depressione, per la ragione che una caduta dei prezzi decima i profitti e causa una diffusa perdita di posti di lavoro.

– Possiamo ancora osservare che i prezzi possono anche non cadere per niente se il pubblico e il privato, con i prestiti, alzano la domanda al livello della maggior offerta -.

L’idea appena espressa spiega la ragione per cui la domanda può essere insufficiente rispetto all’offerta per lungo tempo. Se la produttività continua ad aumentare e i salari rimangono stagnanti per lungo tempo, com’è stato nel 2007, allora l’offerta rimarrà più alta della domanda, cosicché ci sarà o il persistere dei licenziamenti o pochi nuovi posti di lavoro. Finché il gap salariale non si chiude, finché non si ritorna ai livelli precedenti la recessione, la disoccupazione non se ne andrà.

La teoria del gap salariale presentata qui spiega molti dei fenomeni osservati nell’economia americana (ma anche di altre nazioni) dal 1980. Come spiegato sopra, l’aumento del gap salariale fa anche salire il deficit corrente, specialmente in una democrazia dove ogni due o quattro anni vi sono elezioni. Nessun politico desidera confrontarsi con un elettorato travolto da una disoccupazione galoppante. Così mentre il gap salariale cresce e cominciano i licenziamenti, i politici devono fare una scelta dolorosa: o seguono una politica che aumenta il salari e quindi diminuisce il divario salariale, o scontentano i loro elettori e perdono le loro poltrone.

Possiamo anche calcolare quale livello di deficit di bilancio serve per evitare i licenziamenti. Se l’offerta = € 1100 e la domanda è di € 1000, allora ci sono beni invenduti per € 100. Se nessun consumatore prende a prestito il denaro, allora il deficit di bilancio deve essere uguale al valore dei beni invenduti, cioè € 100, per ridurre il divario tra domanda e offerta. D’altra parte, se il deficit di bilancio non può aumentare fino a quel livello, allora sono necessari anche i prestiti ai consumatori in modo da preservare l’equilibrio economico. Cioè ora:

valore dei beni invenduti = deficit di budget + prestiti ai consumatori

a questo punto dobbiamo riformulare la nostra teoria:

quando il divario salariale aumenta, o si hanno licenziamenti oppure il debito deve aumentare o dalla parte dei consumatori e/o da quella  del governo per conservare i posti di lavoro.

Se la produttività continua ad aumentare e il salari rimangono fermi per molti anni, allora il debito dei consumatori e del governo deve aumentare di anno in anno per conservare i posti di lavoro. Questo è successo nel 1980 negli Stati Uniti, quando le politiche del governo hanno stimolato la produttività da una parte e condotto a salari bassi dall’altra.


 

Altri temi dell’articolo, li trovate nell’articolo completo che potete scaricare più sotto:

Concentrazione della ricchezza

Bolle speculative e Gap-Salariale


Articolo completo: 

Le cause della disoccupazione

Rivoluzione in Macroeconomia – oltre le teorie classiche della disoccupazione

La nostra conclusione principale è che l’aumento del differenziale salario-produttività, a causa delle politiche del governo, è la causa primaria, se non l’unica, delle recessioni, della disoccupazione, degli enormi profitti e, di conseguenza, dell’eccessiva concentrazione della ricchezza. Questo capitolo individua i maggiori difetti del pensiero convenzionale, che ha bisogno di cambiare, se il mondo vuole sfuggire al collo di bottiglia della stagnazione e della povertà.

 

ravi-batra

“Il Gap-Salariale – Causa principale della disoccupazione e recessioni” Scarica l’opuscolo completo

Tratto dal nuovo libro di Ravi Batra:
“End unemployment now”
Palgrave-Mcmillan, USA

Per una spiegazione semplice della
Teoria del GAP-SALARIALE, vedere la pagina

 “Le cause della Disoccupazione” 

 

 La Globalizzazione e il Gap Salario-Produttività 

Il professor Robert Shiller, premio Nobel e best-seller, ha sottolineato in un recente articolo: “E’ un grande imbarazzo, per la teoria macroeconomica moderna, il non aver mai raggiunto alcun consenso sulle questioni fondamentali: ciò che crea l’ascesa o la caduta del mercato azionario e ciò che provoca, in ultima analisi, le recessioni. . . non siamo stati in grado di individuare in ultima analisi, le cause delle recessioni.”[1]

Queste parole sono sorprendenti, ma molto credibili. Sono sorprendenti perché dopo tutto ciò che è stato scritto in macroeconomia negli ultimi 200 anni, si potrebbe pensare che avremmo ormai compreso la causa principale della disoccupazione o delle recessioni.

Sono anche credibili perché una profonda crisi iniziata in tutto il mondo nel 2007 e, ancora presente sette anni più tardi, con i suoi effetti negativi di alta povertà e disoccupazione, ha continuato ad affliggere il pianeta. Se davvero ne conoscevamo la causa ultima, la disoccupazione doveva scomparire subito dopo che il NBER[2] proclamò, nel 2010, la fine della recessione.

Invece, nel 2012 il tasso di disoccupazione ufficiale negli Stati Uniti, ha superato l’8 per cento e se si includono anche i lavoratori a tempo parziale e i lavoratori scoraggiati, si supera il 16 per cento. Nel 2014 il livello di occupazione a malapena corrispondeva al livello raggiunto nel 2007.

La situazione non è risultata per nulla brillante nel resto del mondo. In realtà, l’Europa era di nuovo in recessione nel 2011, anche se per un breve periodo, con un tasso di disoccupazione che superava 11 per cento, il più alto record da quando è nata, nel 1995. Nel 2014 il tasso di disoccupazione fu ancora più elevato.

Il professore Paul Krugman, un altro premio Nobel, altrettanto schietto come Shiller scrisse, “Pochi economisti hanno visto arrivare la nostra attuale crisi, ma questo fallimento predittivo era l’ultimo dei problemi del settore economico. Più importante era la cecità dei professionisti per la stessa possibilità di terremoti catastrofici in un’economia di mercato”.[3]

Ammettiamolo: le teorie popolari di macroeconomia, sia classiche sia keynesiane, ci dicono molto poco su ciò che provoca in ultima analisi, una recessione o un alto tasso di disoccupazione, altrimenti il pianeta sarebbe stato libero da questo flagello subito dopo la proclamazione della fine della recessione.


 …I capitoli precedenti hanno già dimostrato che la disoccupazione o le recessioni si verificano quando c’è un aumento persistente del divario salario-produttività. 


In altre parole, quando la produttività del lavoro aumenta più velocemente del salario reale per un certo periodo, si sviluppa un divario salario-produttività che alla fine porta a licenziamenti e un balzo nel tasso di disoccupazione.

Ma non è ciò che le teorie popolari asseriscono. In realtà esse sostengono, a volte assumono, che in un’economia di mercato i salari reali sono proporzionali alla produttività, ma non è stato così per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani dal 1981.

 Teorie popolari e la Grande Recessione 

Sapete già che la recessione americana, iniziata nel 2007, è ora chiamata la Grande Recessione e fu la peggiore crisi economica dai tempi della Grande Depressione. Milioni di lavoratori sono stati licenziati, e altri milioni hanno subito perdite salariali e povertà, e continuano a subirle. Il tasso di disoccupazione è passato da meno del 5 per cento nel 2006 al 10 per cento nel 2009. Naturalmente, una domanda sorge spontanea: qualcuno ha previsto una tale calamità? Dopo tutto, una crisi non avviene dal nulla.

C’erano tutti i tipi di premonizioni di cose a venire. C’era una bolla immobiliare e una bolla petrolifera, con un mercato azionario torrido tra il 2003 e il 2007.

Il punto di vista generale, incoraggiato da politici e dal mondo accademico, è che nessuno aveva previsto il prossimo crollo. Ma questo non è vero. Alcuni di coloro che basano il loro pensiero su modelli e ipotesi empiriche, piuttosto che su convinzioni puramente teoriche e spesso ipotetiche relative ai fondamenti microeconomici, senza mezzi termini hanno avvertito il mondo della crisi incombente.

Secondo l’economista Dirk Bezemer, “Non è difficile trovare le previsioni di una crisi del  credito o del debito nei mesi e negli anni precedenti ad esso, e del grave impatto sull’economia che questo avrebbe, non solo da parte di esperti e blogger, ma da seri analisti, dal mondo accademico, istituti politici, gruppi di ricerca e della finanza.”[4]

Il professor Roubini, il professor Shiller e il sottoscritto, tra una dozzina di scrittori, abbiamo previsto l’inizio di una recessione ben prima del suo arrivo. In realtà, in un libro stampato alla fine del 2006 e rilasciato il 9 gennaio 2007, ho anche individuato l’anno in cui ciò poteva accadere. Alcune delle mie parole nel libro The New Golden Age erano:

  • L’economia peggiorerà progressivamente con i prezzi delle case in calo e licenziamenti in aumento. . . (p. 173)
  • La bolla immobiliare sembra essere un evento importante, che un tempo aveva una forte espansione, e ora sta iniziando a diminuire.
  • Il suo punto di partenza era il 2001, quando il tasso di interesse ha iniziato una caduta da panico. E ‘probabile che scoppi nel 2008, anno più o anno.
  • Lo scoppio potrebbe iniziare nel 2007 e continuerà fino al 2009. (p. 175) L’economia potrebbe ancora affrontare una forte recessione a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio, ma evitare la calamità di una depressione.
  • La disoccupazione potrebbe salire al livello del 10 percento o più. (p. 179)[5]

Il resto è storia. La bolla immobiliare scoppiò a metà del 2007, mentre, secondo il NBER, la recessione è iniziata nel dicembre 2007 e si è conclusa nel mese di luglio 2009. Inoltre, i mercati azionari si sono schiantati tra ottobre 2007 e marzo 2009, mentre la disoccupazione si avvicinava al 10 per cento nel novembre 2010 . Così, alcuni economisti hanno previsto l’arrivo della Grande Recessione, ma alcuni esperti di macroeconomia e politici non hanno prestato attenzione.

Perché la maggior parte degli esperti non riescono a prestare attenzione alle avvisaglie anticipate che erano ovvie per alcuni? Perché, come osserva il professor Shiller, le teorie popolari ancora “non sono state in grado di individuare ciò che in ultima analisi, provoca una recessione“.

Concentriamoci sulla parola”individuare“, che suggerisce che ci può essere solo una causa di fondo di una recessione.

 La sola causa della recessione 

 Questo è esattamente ciò che ho sostenuto. Il capitalismo monopolistico, con conseguente aumento del differenziale salariale e/o dei prezzi del petrolio, è l’unica e la sola causa di una recessione. 

Mentre non vi è una sola causa principale, ci sono un sacco di sintomi che mascherano le cause nei modelli macroeconomici diffusi. I teorici classici e neoclassici sostengono che la rigidità dei salari reali, indotta da potenti sindacati o la legislazione sul salario minimo, ha come risultato una disoccupazione di lunga durata.

Pochi politici prendono questa idea sul serio, supportata anche da molti economisti. Inoltre, gli esperti classici sostengono che il salario reale è uguale al prodotto marginale del lavoro, che è il prodotto dell’ultimo lavoratore assunto. Tuttavia, è la media del prodotto, vale a dire, la produttività del lavoro, che, in relazione al salario reale, spiega che cosa provoca recessione e disoccupazione.

Il punto è che, anche se il salario reale è flessibile, come ipotizzato dai classicisti, ed è uguale al prodotto marginale del lavoro, cosa che non si verifica nei mercati oligopolistici, i licenziamenti comunque aumentano se il salario reale non cresce velocemente come la media del lavoro prodotto, a meno che, naturalmente, il debito dell’economia salga sufficientemente per assorbire le merci invendute.

Tuttavia, la crescita del debito non garantisce la prosperità per il grande pubblico.

Dall’altra parte dello spettro, l’economia keynesiana, nella sua teoria della disoccupazione, soffre dello stesso difetto, perché ritiene, inoltre, che il salario reale è determinato dal prodotto marginale del lavoro e presta poca attenzione al ruolo della media del prodotto.

E ‘vero che vi è normalmente un legame positivo tra il prodotto medio e marginale, e il loro collegamento è esatto nei termini della funzione di produzione Cobb-Douglas. Ma allora dobbiamo presumere l’esistenza di una funzione di produzione, e alcuni economisti, in particolare la mitica Joan Robinson della Gran Bretagna, hanno messo in dubbio questa ipotesi.

 La teoria del gap-salariale, non riguarda la questione di ciò che determina il salario reale negli equilibri del mercato del lavoro; si concentra solo sul motivo per cui il tasso salariale segue la crescita della produttività e di come questo provoca inevitabilmente licenziamenti nel lungo periodo, quando il debito non sale a sufficienza per aumentare la domanda aggregata a livello di offerta aggregata. 

La teoria ha anche bisogno di alcune funzioni di produzione per la sua validità. Inoltre, anche se i prodotti marginali e medi si muovono in stretta collaborazione, nel capitalismo monopolistico il salario reale è inferiore al prodotto marginale del lavoro.

 La scuola keynesiana 

I keynesiani e neo-keynesiani danno la colpa delle recessioni, alla domanda aggregata insufficiente e vedono le politiche monetarie e fiscali espansive come panacee per la crisi. Tali politiche hanno davvero successo per lungo tempo nel porre fine recessione, ma, come avete visto, hanno rinviato solo i problemi.

Inoltre, le nuove recessioni di solito richiedono un dosaggio maggiore di misure espansive. Ora i rimedi keynesiani o non funzionano o funzionano molto lentamente, nonostante la massiccia dose somministrata al paziente malato chiamato Economia Globale.

Essi possono stabilizzare la malattia del paziente, ma non lo faranno, e non possono ripristinare il paziente al suo stato di robusta e sana costituzione.

Inoltre, il modello keynesiano non riesce a spiegare il motivo per cui la domanda aggregata può rimanere bassa per lungo tempo, come è avvenuto durante la Grande Depressione e ora fin dal 2007.

Questo è un grande difetto, perché senza una comprensione della ragione di una carenza di domanda, la creazione di debito diventa l’unica opzione politica della teoria keynesiana. Tuttavia, la tesi del gap salariale, sviluppata qui, offre una varietà di opzioni per aumentare consumi e, di conseguenza, la spesa per gli investimenti.

La generazione di debito diventa allora una soluzione minore e temporanea per aumentare la domanda nazionale, da utilizzare solo come ultima risorsa.

 La scuola austriaca 

Un’altra teoria popolare è offerta dalla scuola austriaca, che incolpa delle recessioni l’eccessiva espansione della moneta e del credito da parte delle istituzioni finanziarie e il pesante debito dei consumatori prima della crisi.

Anche questo punto di vista si concentra sui sintomi. La grande domanda è: perché i consumatori vengono enormemente indebitati prima del crollo?.

Non c’è dubbio che i prestiti bancari e il debito dei consumatori siano saliti vertiginosamente negli Stati Uniti durante gli anni che hanno preceduto la recessione.

 Ma la domanda è: perché? La mia risposta sta nel divario salariale in aumento e, infine, nel capitalismo di monopolio. 

Un altro difetto principale delle vedute convenzionali è che non si è in grado di spiegare l’ascesa delle bolle del mercato azionario e del loro scoppio.

Robert Hall, un professore della Stanford University e presidente della American Economic Association nel 2010, una volta disse: “Gli economisti sono perplessi, come chiunque, dal comportamento del mercato azionario”.[6]

Egli è un economista di macroeconomia, il suo popolare libro di testo riconosce un grave difetto delle idee tradizionali. Questo difetto è più grave di quanto possa apparire. Dopo tutto, la stragrande maggioranza degli americani, con i loro piani pensionistici, sono collegati al mercato azionario.

Inoltre, la comprensione dei mercati azionari è cruciale per preservare la prosperità di una nazione, perché i loro incidenti hanno spesso preceduto debilitanti recessioni e depressioni. La teoria del gap salariale, è in grado di fornire risposte a tutte le domande che oggi lasciano perplessi gli economisti.

 Conclusione 

La nostra conclusione principale è che l’aumento del differenziale salario-produttività, a causa delle politiche del governo, è la causa primaria, se non l’unica, delle recessioni, della disoccupazione, degli enormi profitti e, di conseguenza, dell’eccessiva concentrazione della ricchezza.

Le idee espresse sono le stesse di quelle descritte nei capitoli precedenti, ma questa appendice aggiunge chiarezza e li rafforza in termini di quello che gli economisti chiamano teoria rigorosa.

Questo capitolo individua inoltre i maggiori difetti del pensiero convenzionale, che ha bisogno di cambiare, se il mondo vuole sfuggire al collo di bottiglia della stagnazione e della povertà.


 Downloads 

 Scarica l’articolo che spiega in modo semplice il GAP-SALARIALE 
 Intervista di Andrew Mazzone a Ravi Batra sul GAP-Salariale 
 Recensione del libro di Ravi Batra, di Apek Mulay

Intervista a Ravi Batra: L’Economia Americana e la Sua Rinascita.  

A new Theory of Unemployment: Globalisazion and the wage-productivity gap


BIBLIOGRAFIA 

[1] Robert Shiller, “The Mystery of Economic Recessions,” New York Times, February 14, 2001, p. 17.

[2] The National Bureau of Economic Research

[3] Paul Krugman, “How Did Economists Get It So Wrong?” New York Times, September 2, 2009, p. 18.

[4] Dirk Bezemer, “No One Saw This Coming: Understanding Financial Crisis through Accounting Models,” MPRA paper, University of Groningen, Groningen, The Netherlands, 2009, p. 2.

[5] Ravi Batra, The New Golden Age: The Coming Revolution against PoliticalCorruption and Economic Chaos (New York: Palgrave Macmillan, 2007), pp. 173–179; Emma Brockes, “Nouriel Roubini, The Economist Who Predicted a Worldwide Recession,” The Guardian, Friday 23 January 2009; A. Pierce, “The Queen Asks Why No One Saw The Credit Crunch Coming,” The Telegraph, November, 5, 2008.

[6] Robert Hall, “Struggling to Understand the Stock Market,” American Economic Review Papers and Proceedings, 91 (2): 1–11.


Dr. Ravi Batra, professore di economia presso la Southern Methodist University, Dallas, è l’autore di cinque best seller internazionali. E ‘stato Direttore del suo dipartimento dal 1977 al 1980. Nel mese di ottobre del 1978, a seguito di decine di pubblicazioni nelle migliori riviste come l’American Economic Review, Journal of Political Economy, Econometrica, Journal of Economic Theory, Review of Economic Studies, tra gli altri, Batra è risultato terzo nella classifica di un gruppo di economisti “superstar”, selezionati tra tutte le università americane e canadesi inserita in un articolo della rinomata rivista Economic Enquiry. Nel 1990, il primo ministro italiano gli ha conferito la Medaglia del Senato italiano per un libro che correttamente ha previsto il crollo del comunismo sovietico, quindici anni prima che accadesse, ed altre 18 previsioni avveratesi.

From Energy War to Currency War

From Energy War to Currency War: America’s Attack on the Russian Ruble

Global Research, December 26, 2014

A multi-spectrum war is being waged against Moscow by Washington. If there are any doubts about this, they should be put to rest. Geopolitics, science and technology, speculation, financial markets, information streams, large business conglomerates, intelligentsia, mass communication, social media, the internet, popular culture, news networks, international institutions, sanctions, audiences, public opinion, nationalism, different governmental bodies and agencies, identity politics, proxy wars, diplomacy, countervailing international alliances, major business agreements, non-governmental organizations (NGOs), human rights, prestige, military personnel, capital, and psychological tactics are all involved in this multi-spectrum war. On a daily basis this struggle can be seen playing out on the airwaves, in the war theaters in Ukraine and the Middle East, through the statements and accusations of diplomats, and in the economic sphere.

Additionally, the debates and questions on whether a new cold war—a post-Cold War cold war—has emerged or if the Cold War never ended should be put to rest too. The mentality of the Cold War never died in the Washington Beltway. From the perspective of Russian officials, it is clear that the US never put down its war mace and continued the offensive. The dissolution of the Warsaw Pact, defeating the Soviets and Eastern Bloc, and seeing the Soviet Union dismantled into fifteen republics was not enough for the Cold War warriors in the US. The newly emergent Russian Federation had to be placated in their views.

Petro-politics have been a major feature of this multi-spectrum war too. [1] Not only have energy prices been a factor in this struggle, but so are financial markets and national currencies. The manipulated decline in the price of energy, which has been driven by the flooding of the global market with oil, is now being augmented by a siege on the value of the Russian ruble. This is part of what appears to be a deliberate two-pronged attack on the Russian Federation that seeks to cut Russia’s revenues through market manipulation via economic sanctions and price drops. It is what you would call a «double whammy». While sanctions have been imposed on the Russian economy by the US and its allies, including Australia, Canada, the European Union, and Japan, offensives on Russia’s main source of revenue — energy — and its national currency have taken place.

Currency Warfare and Inflation

The price of the Russian ruble begun to drop in December 2014 as a consequence of the economic siege on the Russian Federation, the drop in global energy prices, and speculation. «Judging by the situation in the country, we are in the midst of a deep currency crisis, one that even Central Bank employees say they could not have foreseen in their worst nightmares», Interfax’s Vyacheslav Terekhov commented on the currency crisis while talking to Russian President Vladimir Putin during a Kremlin press conference on December 18, 2014. [2] Putin himself admitted this too at the press conference. While answering Terekhov, Putin explained that «the situation has changed under the influence of certain foreign economic factors, primarily the price of energy resources, of oil and consequently of gas as well». [3]

Some may think that the drop in the Russian ruble’s value is a result of the market acting on its own while others who recognize that there is market manipulation involved may turn around and blame it on the Russian government and Vladimir Putin. This process, however, has been guided by US machinations. It is simply not a result of the market acting on its own or the result of Kremlin policies. It is the result of US objectives and policy that deliberately targets Russia for destabilization and devastation. This is why Putin answered Terekhov’s question by saying that the drop in the value of the Russian ruble «was obviously provoked primarily by external factors». [4]

Both US Assistant-Secretary of State Victoria Nuland — the wife of the Project for the New American Century (PNAC) co-founder and neo-conservative advocate for empire Robert Kagan — and US Assistant-Secretary of the Treasury Daniel Glaser told the Foreign Affairs Committee of the US House of Representatives in May 2014 that the objectives of the US economic sanctions strategy against the Russian Federation was not only to damage the trade ties and business between Russia and the EU, but to also bring about economic instability in Russia and to create currency instability and inflation. [5] In other words, the US government was targeting the Russian ruble for devaluation and the Russian economy for inflation since at least May 2014.

It appears that the US is trying to manipulate the Kremlin into spending Russia’s resources and fiscal reserves to fight the inflation of the Russian ruble that Washington has engineered. The Kremlin, however, will not take the bait and be goaded into depleting the approximately $419 billion (US) foreign currency reserves and gold holdings of the Russian Federation or any of Russia’s approximately 8.4 trillion ruble reserves in an effort to prop the declining value of the Russian ruble. In this regard, while holding a press conference, President Putin stated the following on December 18, 2014: «The Central Bank does not intend to ‘burn’ them all senselessly, which is right». [6] Putin emphasized this again when answering Vyacheslav Terekhov’s question by saying that the Russian government and Russian Central Bank «should not hand out our gold and foreign currency reserves or burn them on the market, but provide lending resources». [7]

The Kremlin understands what Washington is trying to do. The US is replaying old game plans against Russia. The energy price manipulation, the currency devaluation, and even US attempts to entrap Russia in a conflict with its sister-republic Ukraine are all replays of US tactics that have been used before during the Cold War and after 1991. For example, dragging Russia into Ukraine would be a replay of how the US dragged the Soviet Union into Afghanistan whereas the manipulation of energy prices and currency markets would parallel the US strategy used to weaken and destabilize Baathist Iraq, Iran, and the Soviet Union during the Afghan-Soviet War and Iran-Iran War.

Instead of trying to stop the value of the ruble from dropping, the Kremlin appears to have decided to strategically invest in Russia’s human capital. Russia’s national reserve funds will be used to diversify the national economy and strengthen the social and public sectors. Despite the economic warfare against Russia, this is exactly why the wages of teachers in schools, professors in post-secondary institutions of learning and training, employees of cultural institutions, doctors in hospitals and clinics, paramedics, and nurses — the most important sectors for developing Russia’s human capital and capacity — have all been raised.

The Russian Bear Courts the Turkish Grey Wolf

The Kremlin, however, has an entire list of options at its disposal for countering the US offensive against Russia. One of them involves the courting of Turkey. The Russian courtship of Turkey has involved the Russian move away from the construction of the South Stream natural gas pipeline from Russia across the Black Sea to Bulgaria.

Putin announced that Russia has cancelled the South Stream project on December 1, 2014. Instead the South Stream pipeline project has been replaced by a natural gas pipeline that goes across the Black Sea to Turkey from the Russian Federation’s South Federal District. This alternative pipeline has been popularly billed the «Turk Stream» and partners Russian energy giant Gazprom with Turkey’s Botas. Moreover, Gazprom will start giving Turkey discounts in the purchase of Russian natural gas that will increase with the intensification of Russo-Turkish cooperation.

The natural gas deal between Ankara and Moscow creates a win-win situation for both the Turkish and Russian sides. Not only will Ankara get a discount on energy supplies, but Turk Stream gives the Turkish government what it has wanted and desired for years. The Turk Stream pipeline will make Turkey an important energy corridor and transit point, complete with transit revenues. In this case Turkey becomes the corridor between energy supplier Russia and European Union and non-EU energy customers in southeastern Europe. Ankara will gain some leverage over the European Union and have an extra negotiating card with the EU too, because the EU will have to deal with it as an energy broker.

For its part, Russia has reduced the risks that it faced in building the South Stream by cancelling the project. Moscow could have wasted resources and time building the South Stream to see the project sanctioned or obstructed in the Balkans by Washington and Brussels. If the European Union really wants Russian natural gas then the Turk Stream pipeline can be expanded from Turkey to Greece, the former Yugoslav Republic (FYR) of Macedonia, Serbia, Hungary, Slovenia, Italy, Austria, and other European countries that want to be integrated into the energy project.

The cancellation of South Stream also means that there will be one less alternative energy corridor from Russia to the European Union for some time. This has positive implications for a settlement in Ukraine, which is an important transit route for Russian natural gas to the European Union. As a means of securing the flow of natural gas across Ukrainian territory from Russia, the European Union will be more prone to push the authorities in Kiev to end the conflict in East Ukraine.

In more ways than one the Turk Stream pipeline can be viewed as a reconfigured of the failed Nabucco natural gas pipeline. Not only will Turk Stream court Turkey and give Moscow leverage against the European Union, instead of reducing Russian influence as Nabucco was originally intended to do, the new pipeline to Turkey also coaxes Ankara to align its economic and strategic interests with those of Russian interests. This is why, when addressing Nabucco and the rivalries for establishing alternate energy corridors, this author pointed out in 2007 that «the creation of these energy corridors and networks is like a two-edged sword. These geo-strategic fulcrums or energy pivots can also switch their directions of leverage. The integration of infrastructure also leads towards economic integration». [8]

The creation of Turk Stream and the strengthening of Russo-Turkish ties may even help placate the gory conflict in Syria. If Iranian natural gas is integrated into the mainframe of Turk Stream through another energy corridor entering Anatolia from Iranian territory, then Turkish interests would be even more tightly aligned with both Moscow and Tehran. Turkey will save itself from the defeats of its neo-Ottoman policies and be able to withdraw from the Syrian crisis. This will allow Ankara to politically realign itself with two of its most important trading partners, Iran and Russia.

It is because of the importance of Irano-Turkish and Russo-Turkish trade and energy ties that Ankara has had an understanding with both Russia and Iran not to let politics and their differences over the Syrian crisis get in the way of their economic ties and business relationships while Washington has tried to disrupt Irano-Turkish and Russo-Turkish trade and energy ties like it has disrupted trade ties between Russia and the EU. [9] Ankara, however, realizes that if it lets politics disrupt its economic ties with Iran and Russia that Turkey itself will become weakened and lose whatever independence it enjoys

Masterfully announcing the Russian move while in Ankara, Putin also took the opportunity to ensure that there would be heated conversation inside the EU. Some would call this rubbing salt on the wounds. Knowing that profit and opportunity costs would create internal debate within Bulgaria and the EU, Putin rhetorically asked if Bulgaria was going to be economically compensated by the European Commission for the loss.

The Russian Bear and the Chinese Dragon

It is clear that Russian business and trade ties have been redirected to the People’s Republic of China and East Asia. On the occasion of the Sino-Russian mega natural gas deal, this author pointed out that this was not as much a Russian countermove to US economic pressure as it was really a long-term Russian strategy that seeks an increase in trade and ties with East Asia. [10] Vladimir Putin himself also corroborated this standpoint during the December 18 press conference mentioned earlier when he dismissed — like this author — the notion that the so-called «Russian turn to the East» was mainly the result of the crisis in Ukraine.

In President Putin’s own words, the process of increasing business ties with the Chinese and East Asia «stems from the globaleconomic processes, because the East – that is, the Asia-Pacific Region – shows faster growth than the rest of the world». [11] If this is not convincing enough that the turn towards East Asia was already in the works for Russia, then Putin makes it categorically clear as he proceeds talking at the December 18 press conference. In reference to the Sino-Russian gas deal and other Russian projects in East Asia, Putin explained the following: «The projects we are working on were planned long ago, even before the most recent problems occurred in the global or Russian economy. We are simply implementing our long-time plans». [12]

From the perspective of Russian Presidential Advisor Sergey Glazyev, the US is waging its multi-spectrum war against Russia to ultimately challenge Moscow’s Chinese partners. In an insightful interview, Glazyev explained the following points to the Ukrainian journalist Alyona Berezovskaya — working for a Rossiya Segodnya subsidiary focusing on information involving Ukraine — about the basis for US hostility towards Russia: the bankruptcy of the US, its decline in competitiveness on global markets, and Washington’s inability to ultimately save its financial system by servicing its foreign debt or getting enough investments to establish some sort of innovative economic breakthrough are the reasons why Washington has been going after the Russian Federation. [13] In Glazyev’s own words, the US wants «a new world war». [14] The US needs conflict and confrontation, in other words. This is what the crisis in Ukraine is nurturing in Europe.

Sergey Glazyev reiterates the same points months down the road on September 23, 2014 in an article he authors for the magazine Russia in Global Affairs, which is sponsored by the Russian International Affairs Council — a think-tank founded by the Russian Foreign Ministry and Russian Ministry of Education 2010 — and the US journal Foreign Affairs — which is the magazine published by the Council on Foreign Relation in the US. In his article, Glazyev adds that the war Washington is inciting against Russia in Europe may ultimately benefit the Chinese, because the struggle being waged will weaken the US, Russia, and the European Union to the advantage of China. [15] The point of explaining all this is to explain that Russia wants a balanced strategic partnership with China. Glazyev himself even told Berezovskaya in their interview that Russia wants a mutually beneficial relationship with China that does reduce it to becoming a subordinate to Beijing. [16]

Without question, the US wants to disrupt the strategic partnership between Beijing and Moscow. Moscow’s strategic long-term planning and Sino-Russian cooperation has provided the Russia Federation with an important degree of economic and strategic insulation from the economic warfare being waged against the Russian national economy. Washington, however, may also be trying to entice the Chinese to overplay their hand as Russia is economically attacked. In this context, the price drops in the energy market may also be geared at creating friction between Beijing and Moscow. In part, the manipulation of the energy market and the price drops could seek to weaken and erode Sino-Russian relations by coaxing the Chinese into taking steps that would tarnish their excellent ties with their Russian partners. The currency war against the Russian ruble may also be geared towards this too. In other words, Washington may be hoping that China becomes greedy and shortsighted enough to make an attempt to take advantage of the price drop in energy prices in the devaluation of the Russian ruble.

Whatever Washington’s intentions are, every step that the US takes to target Russia economically will eventually hurt the US economy too. It is also highly unlikely that the policy mandarins in Beijing are unaware of what the US may try to be doing. The Chinese are aware that ultimately it is China and not Russia that is the target of the United States.

Economic Terrorism: An Argentina versus the Vulture Funds Scenario?

The United States is waging a fully fledged economic war against the Russian Federations and its national economy. Ultimately, all Russians are collectively the target. The economic sanctions are nothing more than economic warfare. If the crisis in Ukraine did not happen, another pretext would have been found for assaulting Russia.

Both US Assistant-Secretary of State Victoria Nuland and US Assistant-Secretary of the Treasury Daniel Glaser even told the Foreign Affairs Committee of the US House of Representatives in May 2014 that the ultimate objectives of the US economic sanctions against Russia are to make the Russian population so miserable and desperate that they would eventually demand that the Kremlin surrender to the US and bring about «political change». «Political change» can mean many things, but what it most probably implies here is regime change in Moscow. In fact, the aims of the US do not even appear to be geared at coercing the Russian government to change its foreign policy, but to incite regime change in Moscow and to cripple the Russian Federation entirely through the instigation of internal divisions. This is why maps of a divided Russia are being circulated by Radio Free Europe. [17]

According to Presidential Advisor Sergey Glazyev, Washington is «trying to destroy and weaken Russia, causing it to fragment, as they need this territory and want to establish control over this entire space». [18] «We have offered cooperation from Lisbon to Vladivostok, whereas they need control to maintain their geopolitical leadership in a competition with China,» he has explained, pointing out that the US wants lordship and is not interested in cooperation. [19] Alluding to former US top diplomat Madeline Albright’s sentiments that Russia was unfairly endowed with vast territory and resources, Putin also spoke along similar lines at his December 18 press conference, explaining how the US wanted to divide Russia and control the abundant natural resources in Russian territory.

It is of little wonder that in 2014 a record number of Russian citizens have negative attitudes about relations between their country and the United States. A survey conducted by the Russian Public Opinion Research Center has shown that of 39% of Russian respondents viewed relations with the US as «mostly bad» and 27% as «very bad». [20] This means 66% of Russian respondents have negative views about relations with Washington. This is an inference of the entire Russian population’s views. Moreover, this is the highest rise in negative perceptions about the US since 2008 when the US supported Georgian President Mikheil Saakashvili in Tbilisi’s war against Russia and the breakaway republic of South Ossetia; 40% viewed them as «mostly bad» and 25% of Russians viewed relations as «very bad» and at the time. [21]

Russia can address the economic warfare being directed against its national economy and society as a form of «economic terrorism». If Russia’s banks and financial institutions are weakened with the aim of creating financial collapse in the Russian Federation, Moscow can introduce fiscal measures to help its banks and financial sector that could create economic shockwaves in the European Union and North America. Speaking in hypothetical terms, Russia has lots of options for a financial defensive or counter-offensive that can be compared to its scorched earth policies against Western European invaders during the Napoleonic Wars, the First World War, and the Second World War. If Russian banks and institutions default and do not pay or delay payment of their derivative debts and justify it on the basis of the economic warfare and economic terrorism, there would be a financial shock and tsunami that would vertebrate from the European Union to North America. This scenario has some parallels to the steps that Argentina is taken to sidestep the vulture funds.

The currency war eventually will rebound on Washington and Wall Street. The energy war will also reverse directions. Already, the Kremlin has made it clear that it and a coalition of other countries will de-claw the US in the currency market through a response that will neutralize US financial manipulation and the petro-dollar. In the words of Sergey Glazyev, Moscow is thinking of a «systemic and comprehensive» response «aimed at exposing and ending US political domination, and, most importantly, at undermining US military-political power based on the printing of dollars as a global currency». [22] His solution includes the creation of «a coalition of sound forces advocating stability — in essence, a global anti-war coalition with a positive plan for rearranging the international financial and economic architecture on the principles of mutual benefit, fairness, and respect for national sovereignty». [23]

The coming century will not be the «American Century» as the neo-conservatives in Washington think. It will be a «Eurasian Century». Washington has taken on more than it can handle, this may be why the US government has announced an end to its sanctions regime against Cuba and why the US is trying to rekindle trade ties with Iran. Despite this, the architecture of the post-Second World War or post-1945 global order is now in its death bed and finished. This is what the Kremlin and Putin’s presidential spokesman and press secretary Dmitry Peskov mean when they impart—as Peskov stated to Rossiya-24 in a December 17, 2014 interview — that the year 2014 has finally led to «a paradigm shift in the international system».

NOTES

[1] Mahdi Darius Nazemroaya, «Oil Prices and Energy Wars: The Empire of Frack versus Russia,» Strategic Culture Foundation, December 5, 2014.
[2] Official Kremlin version of the transcribed press conference — titled «News conference of Vladimir Putin» (December 18, 2014)—has been used in quoting Vladimir Putin.
[3] Ibid.
[4] Ibid.
[5] Mahdi Darius Nazemroaya, «Psychological War In The Financial Markets And The Sino-Russian Gas Deal,» Mint Press News, May 29, 2014.
[6] Supra. n.2.
[7] Ibid.
[8] Mahdi Darius Nazemroaya, «The ‘Great Game’ Enters the Mediterranean: Gas, Oil, War, and Geo-Politics,» GlobalResearch, October 14, 2007.
[9] Mahdi Darius Nazemroaya, «Oil Prices and Energy Wars,» op. cit.; Mahdi Darius Nazemroaya, «Turkey & Iran: More than meets the eye»RT, January 20, 2014.
[10] Mahdi Darius Nazemroaya, «Psychological War In The Financial Markets,» op. cit.
[11] Supra. n.2.
[12] Ibid.
[13] Sergey Glazyev, «Alyona Berezovskaya interviews Sergei Glazyev,» Interview with Alyona Berezovskaya, Ukraine.ru, July 17, 2014: .
[14] Ibid.
[15] Sergey Glazyev, «The Threat of War and the Russian Response,» Russia in Global Affairs, September 24, 2014.
[16] Sergey Glazyev, «Alyona Berezovskaya interviews,» op. cit.
[17] Mahdi Darius Nazemroaya, «WWIII aimed to redraw map of Russia?» Strategic Culture Foundation, September 10, 2014.
[18] Sergey Glazyev, «Alyona Berezovskaya interviews,» op. cit.
[19] Ibid.
[20] Всероссийский центр изучения общественного мнения [Russian Public Opinion Research Center], «Россия-США отношенияв точке замерзания» [«Russia-US Relations at Freezing Point»], Press release 2729, December 4, 2014: .
[21] Ibid.
[22] Sergey Glazyev, «The Threat of War,» op. cit.
[23] Ibid.
Copyright © 2014 Global Research

2015: “Year of the Militaristic Neocons”

2015: “Year of the Militaristic Neocons”: Looming Global Financial Crisis and Wars?

Global Research, December 31, 2014

The dangerous patriot: The one who drifts into chauvinism and exhibits blind enthusiasm for military actions. He is a defender of militarism and its ideals of war and glory. Chauvinism is a proud and bellicose form of patriotism, … which identifies numerous enemies who can only be dealt with through military power and which equates the national honor with military victory.” – James A. Donovan (1916-1970), American lawyer and Commander in the United States Navy Reserve


 

“Where you have a concentration of power in a few hands, all too frequently men with the mentality of gangsters get control.”Lord Acton (1834-1902) (John E. Dalberg), English Catholic historian, politician, and writer

“If you want war, nourish a doctrine. Doctrines are the most frightful tyrants to which men ever are subject… ” – William Graham Sumner (1840-1910), American academic

“The great rule of conduct for us in regard to foreign nations is in extending our commercial relations, to have with them as little political connection as possible. … It is our true [foreign] policy to steer clear of permanent alliances with any portion of the foreign world.” – George Washington (1732-1799), First President of the United States, (1789-1797), Farewell Address, 1796

These days, militaristic Neoconservatives, or Neocons, have near complete control of the American government under the façade of whoever is president at the time. They direct U.S. policies at the State Department, at the Pentagon, at the U.S. Treasury and at the Fed central bank. They are thus in position to influence and frame American foreign policy, military policy, economic and financial policies and monetary policy.

This was not the case before the Ronald Reagan administration (1981-1989) when the latter adopted a neocon-inspired “muscular foreign policy” based on military intervention abroad, perpetual war, arbitrary regime changes, and imperial worldwide governance in any matters deemed to be in American interests and of that of its close allies. Even though they fared less well under the George H. Bush administration (1989-1993), when they were considered the “crazies in the basement”, they resumed their ascendance within the American government under the Bill Clinton administration (1993-2001) with the U.S.-led Kosovo war and with the irresponsible dismantling of the Glass-Steagall Act, thus paving the way for the 2008 worldwide financial crisis.

The Neocons’ greatest success, however, came with the George W. Bush and Dick Cheney administration (2001-2009) when they persuaded the latter to launch the (illegal) 2003 U.S.-led invasion of Iraq, a war still with us and expanding today, twelve years later. They also drafted the so-called “Bush Doctrine” of (illegal) preemptive wars and of forced political regime changes in other countries.

This was an ideology that the Neocons had long advanced, both when Paul Wolfowitz was Deputy Secretary of Defense for policy in the George H. Bush administration (1989-1993), even though the latter publicly repudiated it, and in various essays published by a neocon think-tank dubbed “The Project for the New American Century (PNAC)” and founded by William Kristol and Robert Kagan.

After the fall of the Soviet empire in 1991, the warmongering Neocons argued that there should not be any “Peace dividend” for American taxpayers but rather that the United States should seize the opportunity to become the sole world military superpower and should therefore increase and not decrease its military spending. The intention was to establish a military New American Empire for the 21st Century, along the lines of the British Empire in the 19th Century.

Indeed, after the events of 9/11 and the arrival of George W. Bush in the White House in 2001, Paul Wolfowitz, as U.S. Deputy Secretary of Defense under Donald Rumsfeld, was in a better position to push for increased U.S. military spending and for the adoption of a new aggressive U.S. foreign policy. What was most troubling is the fact that the PNAC produced a paper in 2000, titled “Rebuilding America’s Defenses”, (of which Paul Wolfowitz was a signatory), which enigmatically noted that only a “new Pearl Harbor” would make Americans accept the military and defense policy transformations that the neocon group was proposing. Then, in September 2001, the “new Pearl Harbor” coincidentally and conveniently morphed into the 9/11 attacks.

The war against Afghanistan, where the 9/11 terrorists had trained (and who came from Saudi Arabia and a few other countries), and the war against Iraq, a country not even remotely connected with the events of 9/11, followed.

At the beginning of 2015, Neocons occupy key positions within the Barack Obama administration and it should be no surprise that U.S. foreign policy is hardly any different than it was under the George W. Bush administration. They are constantly pushing for provocations, confrontations, conflicts and wars. In fact, the year 2015 could be the year when many of the fires they have lit could turn into conflagrations.

Let us look at a few of them.

1. The danger of another major financial and economic crisis

On July 21, 2010, President Obama signed an already watered down version of the Dodd–Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act to reign in financial corruption that brought about the 2008 financial crisis. The new law was supposed to re-establish part of the provisions of the 1933 Glass-Steagall Act gutted out by the Clinton administration in 1999, in order to prevent megabanks and insurance companies from using government-insured deposits to build for themselves a pyramid of risky bets on the derivatives market (credit default swaps, commodity swaps, collateralized-debt obligations and other risky derivative financial products, etc.).

But guess what! Only four years later, on December 16, 2014, lobbyists and lawyers working full time for the megabanks persuaded President Obama to sign a massive $1.1 trillion omnibus bill disguised as a Budget Bill and which contains a provision to remove a rule known as the ‘swaps push-out’ rule, the latter requiring insured banks to establish uninsured subsidiaries to conduct their speculative derivatives trading activities.

As a consequence, American megabanks are now back in business speculating with government-insured deposits. When the entire financial house of cards will blow out again is unknown, but you can be sure that it will, especially if a serious political or economic shock hits the economy.

I would call that ‘financial brinkmanship’ and I would call Obama’s caving in to the megabanks ‘political cowardice’. And who do you think will pay in various ways for the economic mess when it occurs? Certainly not the megabanks that transformed their insolvent asset-backed securities into newly printed cold cash after the 2008 financial crisis, but ordinary people.

The U.S. economy and many other economies are still reeling from the 2008 financial crisis brought about by corrupted politicians and bankers with their lax or nonexistent regulations and excessive speculation schemes. Such economies are vulnerable and sensitive to unforeseen financial shocks because debt-to-income ratios are still high in many countries, including in the U.S. where the indebtedness ratio reached a peak of 177 percent just before the 2008-09 economic recession and still now stands at a lofty 152 percent. (Historically, the debt-to-income ratio has remained well below 90 percent.) A sudden rise in interest rates could therefore wreak havoc with many economies.

For one, the European Union (EU), the largest world economy, is teetering on the brink of recession, suffering from various government-imposed austerity programs, from an overvalued euro currency (for those countries in the euro zone) and from the economic blowback of its conflicts with Russia over including Ukraine into NATO. Europe is indeed in the midst of a lost decade of high unemployment, low economic growth and deteriorating social conditions. And, there is no light at the end of the tunnel.

China’s economy, the third largest world economy, is also slowing down fast, with excess manufacturing capacity while its exports are suffering from a 25 percent appreciation of the Chinese renminbi since 2004 and from weak world demand. Moreover, its financial sector is also vulnerable to the fact that China’s debt level is now at a lofty 176 percent of its Gross Domestic Product (GDP). The Chinese economy is also going through structural changes as the Chinese government pursues policies to reduce the country’s reliance on foreign markets and to shift from an export-oriented model to more domestic sources of growth.

As for the U.S. economy, it is still weak and unable to generate enough new jobs, despite a rebound during the last few months, while the labor force participation rate has declined from 66.5 percent before the 2008-09 recession to 62.7 percent today. The fact that millions of Americans have part-time jobs and would like to have full-time jobs, and that real wages of those who work are stagnant or falling are also indicators that things have not come back to normal.

Since there is no fiscal policy and no industrial policy originating from the U.S. government, the Fed central bank has been obliged to step in with the most aggressive monetary policy in its history. Indeed, the Fed has quadrupled its bank lending to $4.5 trillion since 2008 and it has pursued a policy of risky zero-rate and low-rate policies.

As a consequence, the Fed has created a gigantic financial asset bubble. The unwinding of such monetary prodigiousness won’t be an easy task. What’s more, the U.S. government will be paralyzed by a political gridlock over the coming two years, a republican-controlled Congress being pitted against a lame-duck Democratic president, thus making it difficult for the U.S. government to respond adequately to a new financial crisis.

Another ominous sign is the collapse of the velocity of money in the U.S., just as during the late 1920s, right before the start of the Great Depression, and it is now at a nearly 20 year low. That both the American political and financial sectors are unhealthy should be worrisome for the coming years.

2. The real danger of a nuclear war with the rekindling of the old Cold War with Russia

Brinkmanship in financial matters is one thing; brinkmanship with nuclear war is another. Sadly, the neocon-inspired U.S. government is today involved in both.

Indeed, for many years now, the U.S. government has been engaged in an aggressive geopolitical warfare against Russia, first in pursuing a policy of geopolitical and military encirclement of Russia by expanding NATO to its borders with the integration ofUkraine, and second, by implementing a policy of economic warfare against Russia in order to undermine its economy and, eventually, to provoke a regime change in that country. It’s a game of “dare you?”

Some of the more lunatic Neocons openly call for a new World War III, presumably with Russia a country against which they seem to have personal animosities. These are some of the lunatics President Barack Obama listens to.

Oil as a geopolitical tool

The 50 percent drop of oil price in 2014 may be part of a wider U.S.-led economic warfare plan to destabilize the Russian economy and provoke an Oil Slump, knowing full well that 50 percent of Russian state revenue comes from its export sales of oil and gas. Above all, policy-makers in Washington D.C. want to break the Gazprom-E.U. supply dependency to weaken Russia and keep control over the E.U. via American allies such as Saudi Arabia and Qatar.

Such an artificial drop in oil price appears to be a complement to the already known decisions to saddle Russia with stiff American-led economic and financial sanctions designed by the U.S. Treasury’s Office of Terrorism and Financial Intelligence, (an outfit created in 2004 after intensive lobbying by AIPAC) and other attempts by the U.S. government to reduce Europe’s reliance on Russian oil and gas.

Since September, Saudi Arabia, a country with excess oil capacity and low-cost production, (and in a position to manipulate the international price for oil), has suddenly and dramatically decided to sell crude oil at deeply discounted prices and to maintain its oil production at high levels in face of a declining world oil demand.

This is a reversal of what Saudi Arabia and the OPEC countries did in the fall of 1973 when they suddenly quadrupled the price for oil and provoked a global economic recession.

This is, however, a strategy similar to what Saudi Arabia adopted in 1986 when it flooded the world with cheap Saudi oil, thus collapsing the international price of oil to below $10 a barrel, after an agreement with the U.S. government. The objective then was to undermine the economies of the Soviet Union and its then Iraq ally, even though other economies such as the Canadian economy suffered greatly from such a gambit.

This time, there seems to be a convergence of interests between the U.S. government and the Saudi kingdom. From a U.S. government’s point of view, the main objective is to hurt the Russian and Iranian energy sectors and damage the finances of President Vladimir Putin’s Russian government, while securing Saudi Arabia’s assistance in fighting the Islamist State (IS) in Iraq and in Syria.

From a Saudi point of view, a world oil price war meets its regional and global objectives in three ways. First, it is well known that the Saudi government wants to dominate oil and gas production in the entire Middle East region and is in opposition to Iran and Syria for securing the rich European market. Second, the Saudi government would also like to pressure Russia to end its support for the Syrian al-Assad government. Third, Saudi Arabia also wishes to regain market shares that it lost to more costly oil from shale oil and oil sands. By lowering oil prices, Saudi Arabia hopes to reduce or even put such competing oil production out of business by making their production less profitable.

However, such a move is bound to severely damage oil production from oil shale in North Dakota in the USA and oil-producing states like Texas may fall into recession, even though the overall U.S. economy will benefit from cheaper oil. Oil production from tar sands in Alberta, Canada will also badly suffer and this means a drop in the Canadian dollar, and possibly a Canadian recession. The shale and tar sands oil industries will be the main innocent victims of the overall geopolitical policy pursued by the U.S. government and its Middle East allies.

Indeed, since the kingdom of Saudi Arabia is an American client state, it is most unlikely that such a move to flood oil markets and precipitate a stiff drop in oil price was decided without a tacit, if not an overt, approval by the U.S. government. In fact, there is wide speculation that when U.S. secretary of state John Kerry met with King Abdullah in September 2014, they allegedly struck an overall deal to that effect.

Ukraine as a geopolitical pawn

As to the destabilization of Russia’s neighboring Ukraine, Assistant Secretary of State Victoria Nuland has pretty much confirmed that the U.S. government was deeply involved in overthrowing the legitimate elected Ukrainian government last February, with the avowed objective of installing a U.S.puppet government in that country. This makes a mockery of democracy and only demonstrates how deeply the U.S. government is involved abroad in power politics and in aggressive interference in the domestic affairs of other countries.

Neoconservative Victoria Nuland, appointed Assistant Secretary of State by President Barack Obama, has publicly confirmed that the U.S. government has “invested” $5 billion to destabilize Ukraine and create a conflict between the latter country and Russia. It is hard not to conclude that the Ukrainian crisis is a made-in-Washington crisis. Her famous and insulting remark about Europe [“f*** the E.U.”] is another clear indication that the U.S. government wished to provoke a crisis with Russian not to help Europeans but to serve its own narrow imperial objectives, whatever the costs to the Russian people and to Europeans.

What is most disturbing is the irresponsibility with which the U.S. House of Representatives passed Resolution 758, on December 4, 2014, that is tantamount for all practical purposes to a declaration of war against Russia, based on false premises, distorted facts and false accusations. With that kind of irresponsible leadership, the world is presently in very bad hands.

The truth is that if Soviet missiles in Cuba, 90 miles from U.S. territory, were unacceptable to the U.S. government in 1962, American missiles in Ukraine, on the Russian borders, are unacceptable to the Russian government in 2015. What’s good for the goose is good for the gander. For whoever knows history, that should not be too difficult to understand.

Conclusion

If world affairs take a turn for the worse in 2015, the world should know where to point the finger at the culprits. Some people think that world events occur by pure chance and there is no planning behind them. They are wrong. Dead wrong. Bad government policies, misdeeds, false flag operations or simple miscalculations are often at the heart of many geopolitical crises, be they financial, economic or military. Sometimes, it just happens that the “crazies in the basement” are in charge.

It is becoming clearer and clearer, even for the uninformed and the misinformed among us, that the resurgence of the Cold War confrontation with Russia has been engineered in Washington D.C. and that Russia has not been the aggressor, (as the official propaganda wants us to believe), but has rather reacted to a whole series of U.S. – led provocations.

Why have there been so many destabilizing interventions by the U.S. government around the world and who profit the most from this man-made instability? This is a good question that ordinary Americans should ask themselves.

Domestically, should the U.S. economy continue to be run by bankers? Internationally, should the U.S. government pursue its policy of deliberately attempting to drive the Russian government into a corner and takes measures to destroy the Russian economy? These are acts of war. Are ordinary Americans in agreement with such policies? Who will profit the most and who will loose the most if there were to be a nuclear war with Russia? Since Europeans would be at the forefront of such a conflict, this is a question that has also to be answered in Europe.

What the world desperately needs now is a law-governed international environment, not a jingoistic and chauvinistic world empire that looks only after its narrow self-interests.

More fundamentally maybe, we should reject the false ideology of clash between nations. It is a grave and dangerous fallacy that can only lead the world to disaster.

To write to the author:
rodrigue.tremblay1@gmail.com


 

Disclaimer: All quotes mentioned above are believed in good faith to be accurately attributed, but no guarantees are made that some may not be correctly attributed.

Copyright © 2014 Global Research

Diabetes, Stress and Meditation


Today, the 14th November 2014, is World Diabetes Day as in previous years. The World Health Organisation reported that non communicable diseases, viz., diabetes, cardiovascular diseases (hypertension, atherosclerosis and cardiac/cerebral strokes), cancer, etc. account for more than 60% of deaths in India at present.


bolivian_police

Above: Bolivian police officers during a meditation session

DHojaiBy Dr. Dhruba Hojai

Today, the 14th November 2014, is World Diabetes Day as in previous years. The World Health Organisation reported that non communicable diseases, viz., diabetes, cardiovascular diseases (hypertension, atherosclerosis and cardiac/cerebral strokes), cancer, etc. account for more than 60% of deaths in India at present. The non-communicable diseases are related to stress. Although some main forms of cancer are directly related to the use of tobacco in both smoking and non smoking forms, they are also indirectly related to stress.

“Stress = diabetes”

Stress causes our bodies to release stress hormones. Hormones are normally secreted by the endocrine or the ductless glands for the biochemical function of the body. However, during stressful conditions, all the hormones of the body, except insulin (which is required for utilisation of sugar in the body), are secreted in excess. Therefore, those hormones secreted in excess amount during stressful conditions (except Insulin) are referred to as the stress hormones.

Now, how do the stress hormones change the biochemistry of the body? One molecule of stress hormone has the capacity to release one million molecules of sugar in the blood. Sugar is normally stored in the body in the form of glycogen in our muscles, liver and spleen. The stress hormones release sugar (glucose) from the stores during periods of stress and the level of sugar in blood rises very high in states of extreme stress. Therefore, extrinsic sugar is not responsible for diabetes. Our brain is the manufacturer of intrinsic sugar in the body. That is to say we don’t have to take sugar from outside our bodies to get diabetes. It’s stress which give us diabetes.

“Meditation will teach us to sublimate stress into it’s natural course out of our minds”

Now how to deal with stress? Acharya Haratmananda Avt., Proutist, during one of his discourses at Haflong, India a few years back gave wonderful demonstrations of the ways of dealing stress. Everybody has stress. However, stress is required for our development. But, the problem is that we absorb stress. Even, the sanyasis/sanyasinis (the moncs and nuns) have stress but they know how to play with stress. Therefore, the science of spiritual sadhana (meditation) or yoga is the only cure for stress. Medicines can only supplement in the cure of diabetes but the cure lies in practising spiritual sadhana.

Sadhana will teach us to sublimate stress into it’s natural course out of our minds. Moreover, meditation will help in the secretion of ‘melatonin’ from the pineal gland situated in front of the brain in the position at level between the two eyebrows. Melatonin is an over the counter drug in the United States and other western countries but abuse of the drug can be very harmful. Therefore, it’s much better to generate melaton in the natural way. All day animals and birds including humans secrete melatonin when dusk and darkness set in. That’s why birds and animals return to their homes and nests during dusk by instinct. But, humans have practically lost this instinct because of the impact of overload of work for survival in the mundane world, we are presently living in.

Shrii Prabhat Rainjan Sarkar described “Ego”, referred to as one of the ten ‘vrittis’ or ‘tendency’ that human beings have in the mundane mind, as one of the main stumbling blocks in one’s spiritual progress. Ego is the result of negative microvita [life force] just like a rotten apple is a result of negative microvita. P.R. Sarkar advised his disciples to form the habit of doing sadhana (meditation) at least twice a day.

From: PROUTGLOBE.ORG

Dr Dhruba Hojai,
Director of Health Services, Assam.(Retd.)
House # 24(Prashantika),
Sankar Nagar,
Lakhami Path,
Beltola Tiniali,
Guwahati-781028.