Predictions & Revolutions: A Conversation with Ravi Batra

 Predictions & Revolutions: a Conversation about Electronics & Economics with Ravi Batra 

Apek Mulay, CEO, Mulay’s Consultancy Services
12/28/2016


Dr. Ravi Batra, a professor of economics at Southern Methodist University in Dallas, has made a great career from his uncanny forecasts. He started making predictions in 1978 when he wrote a book called The Downfall of Capitalism and Communism, which predicted the fall of Soviet Communism by the end of the century, and the demise of monopoly capitalism around 2010.


No one took the book seriously until the Berlin Wall fell in 1989 and the Soviet Union collapsed soon thereafter. So stunning and swift was the fall of the Russian empire that Italy awarded Dr. Batra a medal of the Italian Senate for his accurate prediction. He updated his book in 2006 in another work titled The New Golden Age: The Coming Revolution in Political Corruption and Economic Chaos.

Forecasts he made in this book were as breathtaking at those in his earlier work. Again, he foresaw a variety of revolutions beginning in 2009 and going all the way to 2019. As with his earlier work, this one also is a mixture of history and economics.

Prof. Ravi Batra, Southern Methodist University, Dallas, Texas (USA)

He predicted a big recession starting in 2008 from a major rise in wealth concentration and the price of oil, which you may recall peaked at $147 per barrel. He also foresaw a collapse in the oil price after 2011.  Regarding politics, he predicted a revolution in 2009 and then again in 2016.

Since many of his forecasts have been accurate, I caught up with Dr. Batra just before Christmas and interviewed him about his predictions, focusing on the role of technology in the economy and history. He was gracious enough to spend a few hours with me and later offered written answers to my questions, explaining why and how he saw what no one else did. Here is an account of that interview.

Mulay: Thank you Dr. Batra for agreeing to explain the nature of your work. My first question is about the role of technology in your economic and historical analysis. I have heard from many economists that a good deal of American unemployment arises from the use of new technology that makes labor redundant. What do you think?

Batra: Let me start by thanking you for offering to air my views. Modern economists have a myopic view of technology, because they have failed to look at history. New inventions are nothing new; they have been occurring from the very birth of the American Republic. First came horse-driven carriages, then came railroads, then automobiles, and now airplanes, computers, cellphones, robotics and so on. The list of new inventions is endless. Yet for much of US history there has been full employment. So new technology is not the cause of unemployment, at least from a study of history.

Mulay: But you have to agree the use of computers etc. has sharply increased labor productivity and indeed led to some unemployment.

Batra: “Let me tell you why technology is not the culprit here. It is the government policy which is at fault. You see, there are two types of technologies: labor replacing and job creating. Computers indeed are labor replacing, but building those computers creates new and more lucrative jobs. In the past, we had foreign trade but no outsourcing, which today’s economists believe works like foreign trade. This, however, is wrong and has destroyed the positive effects of new technology.

On the one hand, new inventions make labor redundant, but they generate new products on the other. In the past, when labor became redundant from innovations, the displaced workers found high-paying jobs in industries that built new products. But now new inventions still occur in the labs of universities like MIT, but new products are produced abroad because of outsourcing. Like, Apple discovered a wonderful product as the smartphone, but its production occurs in China. So nowadays, new technologies only displace labor in America while creating jobs in other countries. Thus, the fault lies not with technology but with government policy that permits outsourcing.

Mulay: So we had full employment for much of our history, while our living standard kept rising because new products were built in the U.S., and they raised our productivity as well.

Batra: Yes, you got it.

Mulay: But outsourcing alone cannot generate so much unemployment that we still have? Our own labor department tells us that if we count the long-term unemployed and part-time workers who want to work full time then the unemployment rate is still more than 9%. Furthermore, there is tremendous poverty in America today.

Batra: Here again my answer is the same. Modern economists just don’t know economics, or else after adding $18 trillion to federal debt since 1981, you would think both unemployment and poverty would have vanished completely. 1972 is an important year in American history, because that is when the real wage peaked and has been gradually declining ever since. That is also the year when economists began to adopt deficit financing to cure any economic problem. When oil price skyrocketed in 1973, the government raised the budget deficit to fight the rising unemployment, while the Federal Reserve (the Fed) dutifully printed more money to finance the rocketing deficit. This is what deficit financing is. By 1979 inflation was so bad that joblessness soared; then the Fed cut down on money supply to bring inflation under control. This made unemployment even worse and by 1981 we had a mega recession, almost as bad as the recession of 2007. My point is that economists don’t believe in free markets anymore; so we keep hopping from one crisis to another. In the process poverty keeps rising.

Mulay: I think you are onto something. Recent budget deficits have been higher than ever since 2008 and the Fed has continued to print money. I have heard about Helicopter Ben, as Ben Bernanke was the Fed chairman when the Great Recession hit us, and he is said to have had a helicopter printing press for money to fight unemployment. 

Batra: I have also heard about this, though it may be a joke. The private sector is the main job creator, and if this sector continues to malfunction, the government money works only as a band aid and problems fester.

Mulay: Then what is the real cause of poverty and unemployment?

Batra: The true cause is a rise in the gap between the real wage and productivity. If productivity rises faster than wages, then both unemployment and poverty go up; this is purely a matter of supply and demand. Productivity is the main source of production or supply and real wages are the main source of demand. If productivity rises faster than the real wage, supply increases faster than demand, and overproduction occurs, which in turn results in layoffs and poverty. We need to ban the export of new technology, which raises productivity, but its export through outsourcing does not create jobs in America. So this is double whammy. While productivity rises the real wage may actually fall, as has been happening since 1973.

Mulay: What do you think of Mr. Trump, the president-elect and his policies. He seems to be against the kind of outsourcing you have just described.

Batra: Mr. Trump is certainly doing the right thing in this matter. However, he also intends to raise the budget deficit sharply, and that will hurt the nation in the same way it has been hurting us ever since 1973. By the way in The New Golden Age, on page 174, I had predicted the rise of a personality like Mr. Trump to defeat the rule of money in politics, at least presidential politics.

Mulay: What? I have read that book and I know you predicted revolutions in America for 2009 and 2016. That book was written in 2006; how could you make earth-shaking prophecies ten years ago?

Batra: Mr. Obama became president in 2009 and Mr. Trump was elected in 2016. I  had selected these years as years of revolutions. Since I foresaw the start of a huge recession in 2007, it was easy to forecast its political consequences, because in every election a bad economy means a loss for the incumbent in the White House. Mr. Obama did not lose but his protégé did.

Mulay: But presidents change every four or eight years, whereas revolutions occur once in a century. How did you know that the incoming presidential changes would be revolutions?

Batra: Well, this is not the first time I predicted revolutions. I foresaw the fall of the Soviet Union in my 1978 work and the Ayatollahs replacing the Shah of Iran in my 1980 work. It is possible to forecast revolutions by examining the patterns of history that I have described in my books.

Mulay: So you also predicted the rise of Ayatollahs in Iran. Anyway, what Mr. Trump has done astonished everyone and is indeed a revolution. Did Mr. Obama achieve the same thing?

Batra: Yes, of course. First, both had an anti-establishment message that focused on the vanishing middle class. Then Mr. Obama did what no one has done in 5,000 years of recorded history. To my knowledge, he is the first black man to head a nation that arguably was, and perhaps is, the richest and militarily the most powerful. Nothing like this ever happened at any other place on earth.

Mulay: What do you foresee now?

Batra: I think Mr. Trump’s presidency would be like that of Mr. Reagan—two bad years followed by wide-spread prosperity. 2017 could open up as a bad dream resulting from a mismanaged economy since 1981. While Mr. Trump has a good policy on international commerce, his other ideas remind you of deficit financing, which to me is likely to create really bad problems for the world.

Mulay: What then is the right thing to do?

Batra: The nation, indeed the world, needs free-market reforms that I have described in detail in my new book, End Unemployment Now: How to Eliminate Joblessness, Debt and Poverty Despite Congress.

Mulay: Have you sent this book to Mr. Trump.

Batra: I have sent it to his campaign manager.

Mulay: What is her response?

Batra: No reply yet.

http://www.ebnonline.com/author.asp?section_id=3315&doc_id=282269&

PROUT e l’Ambiente

 

 prout e l’ambiente 

di Ravi Batra

Vediamo ora cosa abbia da aggiungere, al dibattito ambientalista ancora in corso, la teoria socio-economica Prout, un dibattito destinato a crescere in futuro. Il nostro ambiente, in tutto il mondo, è così profondamente contaminato, che ogni teoria relativa al benessere sociale, dovrà affrontare questa crisi.

Il Prout condivide molte idee emerse nel dibattito ambientalista, ma si differenzia per le varie soluzioni. Il concetto di progresso  di Sarkar identifica con certezza la cause basilari del degrado ambientale. Quattro anni fa Commoner identificava nell’avanzamento tecnologico la maggior causa di inquinamento. Sarkar sostiene la necessità di un equilibrato utilizzo delle risorse materiali e non materiali. La sua idea di progresso porta con sé le segueti implicazioni per un cambiamento scientifico e tecnologico.

  1. Nella visione di Sarkar, ogni scoperta scientifica o avanzamento tecnologico, che sembra rendere la vita più facile, deve per forza provocare dannose emissioni e rendere la vita più difficoltosa, nella stessa misura. I cambiamenti tecnologici sono stati classificati dagli economisti in tre categorie: a intensità di capitale, intensità di manodopera e una via di mezzo tra le due. Normalmente è la tecnologia, a intensità di capitale, che sembra rendere la vita più facile, poiché il lavoro tedioso, manuale e ripetitivo può essere ora meccanizzato. Ma la macchine usano energia e la produzione di energia inquina l’ambiente. Perciò l’uso delle macchine, porta ad un aumento dell’inquinamento. Nel caso in cui il rapporto macchina-lavoro rimanesse stabile o scendesse, i cambiamenti nella tecnologia non aumenterebbero i danni all’ambiente. Questo tipo di avanzamento tecnologico generalmente non è associato a scoperte scientifiche. E’ in genere il risultato di un miglioramento gestionale, o un aumento della divisione del lavoro, ma non dipende da nuove invenzioni o nuove strumentazioni. Possiamo perciò concludere che solo i cambiamenti tecnologici ad alta intensità di capitale danneggiano l’ambiente. Le tecnologie ad alta intensità di manodopera o neutrali non lo danneggiano.

Per qualunque tipo di industrializzazione si sia realizzata negli ultimi 200 anni, i cambiamenti tecnologici sono sempre stati ad alta intensità di capitale, e non ci si dovrebbe perciò meravigliare se gli effetti accumulatisi, dall’utilizzo delle passate invenzioni, abbiano causato un inquinamento senza precedenti.

  1. La definizione del concetto di progresso di Sarkar, è precisa e chiara. Essa implica che qualsiasi scoperta scientifica, incluse anche quelle per il controllo dell’inquinamento, creerà deleteri effetti collaterali, ciò che Mishan chiama disamenità. Le tecnologie per il controllo dell’inquinamento generano emissioni nocive esse stesse. Qui sta la gravità dei problemi ambientali. Non dovrebbero essere presi alla leggera, specialmente nei paesi dove hanno già iniziato a danneggiare la salute e l’efficienza produttiva. Negli Stati Uniti, su pressione governativa, sono stati installati in molte aziende dei filtri anti-inquinamento. Queste attrezzature, nulla da dire, eliminano il 99,8% del particolato che verrebbe rilasciato nell’aria. Ma oggi gli scienziati ci dicono che questi stessi filtri generano inquinamento. Rilasciano particelle minutissime, invisibili, elettricamente cariche che possono influenzate la piovosità.

Chi afferma che il degrado ambientale, nei paesi industrializzati, può essere risolto dalla tassazione penalizzante che influenzerà il meccanismo del mercato, sbaglia di grosso. Ci vorrà un monumentale investimento nazionale, se non internazionale, per correggere effetti dannosi accumulatesi in decine di anni di incontrollato uso, in tutto il mondo, di tecnologie ad alta intensità di capitale.

  1. Poiché ogni tecnologia ad alta intensità di capitale, provoca emissioni dannose, non può essere lasciata nelle mani dei produttori privati, perché essi si preoccupano solo del benefici effetti dei propri profitti, scartando gli insalubri effetti collaterali sul resto della società. La ricerca scientifica perciò dovrà essere gestita dal settore pubblico. I privati possono essere implicati nella ricerca, ma nessuna invenzione potrà essere tradotta in tecnologia industriale senza l’approvazione del governo che dovrà determinare quali potranno essere, a lunga scadenza, i possibili effetti collaterali.
  2. Il quarto principio del Prout sostiene la necessità di un equilibrio nell’utilizzo delle risorse dell’universo in modo tale da minimizzare l’inquinamento.

Il degrado ambientale può essere definito squilibrio nell’uti-lizzo delle risorse materiali per l’uso, di ciò che Commoner definisce, tecnologia non ecologica. Non c’è dubbio che un tale squilibrio oggi esista nel mondo. Perciò il Prout incita ad uno sforzo internazionale per la pulizia dell’ambiente. Come potrà essere realizzata? La pulizia ambientale non è un compito semplice. Qui il Prout è d’accordo con Commoner sulla necessità di nuove tecnologie. E’ vero che le nuove invenzioni generano emissioni dannose, e allora le nuove tecnologie dovranno essere progettate per eliminare sia l’inquinamento precedente sia quello nuovo. Tali tecnologie sono nelle nostre possibilità. Diamante taglia diamante. Che tecnologia tagli tecnologia.

  1. Coloro che invocano limiti allo sviluppo e alla crescita della popolazione hanno pure torto. Nell’ottica Prout, la crescita della popolazione è solo un problema marginale che nasce principalmente dalla disparità della distribuzione dei redditi tra i diversi paesi. La popolazione non è non è mai stata un problema di largo impatto. Il problema, è invece, un inadeguato utilizzo delle risorse. Maltus non potè prevedere gli sviluppi tecnologici che si sono verificati dal tempo della sua profezia della fine del mondo. Oggi gli stessi sostenitori della fine del mondo non sono in grado di vedere oltre i limiti di questo pianeta. Il loro concetto di risorse è limitato al nostro pianeta e lo storico viaggio sulla luna di alcuni americani possono dimostrarne la miopia.

Secondo il Prout i limiti ultimi delle risorse materiali sono tracciati dall’universo, non solo dalla nostra piccola Terra. Possibilmente se la terra non sarà più un pianeta ospitale per i suoi abitanti, gli esseri umani potranno migrare su altri pianeti e creare nuove civiltà. L’america era sconosciuta a gran parte del mondo fino al 1492. Ma questo non significò che sarebbe stata rimasta sconosciuta per sempre. Oggi sembra non ci sia vita su altri pianeti o siano inaccessibili, ma questa è la sfida che gli esseri umani, hanno sempre incontrato, anche in passato, nel loro incedere. L’intelletto umano ha creato le crisi ambientali, l’intelletto umano le eliminerà. Non avrà nessuna importanza se la popolazione crescerà ad un tasso elevato o meno.

In realtà è impossibile controllare la popolazione su scala mondiale. Una nazione o più nazioni possono controllare la propria popolazione, ma non tutti i paesi. Questo avviene grazie alla legge dell’evoluzione dove la materia deve trovare espressione nella vita. La popolazione continuerà a crescere. Sarà decimata momentaneamente dalle guerre, carestie e altre catastrofi e anche dalla pianificazione familiare. Ma non può rimanere sotto controllo per sempre. Tutti gli sforzi perciò di controllare la popolazione saranno destinati a fallire e questo è più evidente oggi di ieri. La crescita della popolazione è in qualche modo una benedizione. Senza una grossa popolazione le nuove tecnologie non avrebbero mai potuto essere operative. Nessuno può incolpare la scienza, per quanti errori essa abbia fatto, per l’aumentata capacità di approvvigionamento nel campo alimentare, nel passato insicura e dipendente dalle condizioni naturali. Allo stesso tempo con problemi di approvvigionamento di una vasta popolazione, non si sarebbero allargati gli orizzonti mentali come lo sono oggi. Nel passato la minore popolazione era organizzata in villaggi. Con il suo aumento si sono create le città stato, le province e infine le nazioni. Perciò l’aumento della popolazione ha espanso i contatti umani dalla città alle nazioni. La mente umana e le istituzioni, qualunque siano le loro contraddizioni, sono diventate lentamente più lungimiranti e ampie. La crescita della popolazione, in altre parole, non è necessariamente sempre deleteria. In India la gente tende a scaricare tutti i loro problemi sull’eccessiva crescita della popolazione. Ciò serve solamente a nascondere il vero problema della povertà del paese. Il Giappone ha una popolazione maggiore e minori risorse per chilometro quadrato dell’india. Ciononostante il Giappone negli ultimi quarant’anni ha creato un miracolo economico. L’Europa, anch’essa densamente popolata, è comunque più ricca dell’India. La popolazione è raramente causa della povertà. La corruzione e le deficitarie politiche economiche creano più fame e sfollati, del numero di abitanti che insistono sul territorio. In ogni caso la povertà stessa è la causa di un alto tasso di crescita della popolazione, che diminuirà se il paese prospera attraverso delle politiche economiche adeguate.

Per concludere la nostra discussione, il Prout incoraggia le scoperte scientifiche, ma devono essere tali da poter controllare i propri effetti dannosi. Innanzitutto, dovrà essere riconosciuto, che ogni avanzamento scientifico porta con sé degli effetti collaterali dannosi. I numeri dell’attuale popolazione mondiale sono solo un inconveniente marginale. Il problema maggiore nasce dall’uso inefficiente delle risorse mondiali. Si potrebbe obiettare sulla bontà della crescita economica continua di alcune economie sviluppate, non perché ci siano limiti alla crescita ma perché ciò ha generato materialismo, egoismo e criminalità. Riguardo ai paesi in via di sviluppo, è necessario un alto tasso di crescita per risolvere il problema della sopravvivenza della popolazione. Questo è il tema di discussione della proposta economica della teoria Prout.

 Scaricate l’opuscolo PROUT e l’Ambiente che comprende: 

La nostra visione del Sistema Politico Italiano

 La nostra visione del Sistema Politico Italiano 


Poiché l’attuale liberismo non ha portato benessere all’intera società umana, è andato a vantaggio di pochi e contro i valori umani cardinali dell’esistenza, possiamo ben dire che “il Capitalismo non è in grado di risolvere i problemi umani” e quindi “il Capitalismo deve finire”.


Tarcisio Bonotto – 02/12/2016

Si dice che la politica del ‘NO’ non paga.

‘NO’ al nucleare, ‘NO’ alla privatizzazione dell’acqua, ‘NO’ alla Globalizzazione, ‘NO’ alla legge elettorale, ‘NO’ alla riforma Costituzionale … hanno creato forti movimenti ma prodotto poche soluzioni alternative allo status quo, che dovrebbe essere necessariamente migliorato.

La Globalizzazione ce la siamo vissuta tutta, l’acqua è per decreto un bene commerciale, il fotovoltaico, come piccola alternativa al nucleare è andato alla ribalta solo qualche anno fa…

Certo, dire ‘NO’ ad una certa visione politico-sociale ed economica può essere un primo passo importante, per arginare la deriva e lo sfruttamento della classe liberista. Dopo il ‘NO’ e l’eventuale protesta, la domanda che viene spontanea è: “quale alternativa possibile abbiamo se non vogliamo questa minestra?”

Poiché l’attuale liberismo non ha portato benessere all’intera società umana, ma è andato a vantaggio di pochi e contro i valori umani cardinali dell’esistenza, possiamo ben dire che “il Capitalismo deve finire”.
 globalizzazione economica 

Per la globalizzazione economica avevamo proposto dopo il G8 di Genova e di Praga:

  • La formazione di Comunità Economiche tra paesi omogenei, in sviluppo e potenzialità economiche (come ASEAN, non come il NAFTA)
  • La formazione di zone-socio-economiche autosufficienti nelle quali la popolazione si riconosca per legami comuni
  • L’autosufficienza di ogni paese, di contro alla liberalizzazione selvaggia e il libero movimento di merci, persone, capitali e finanza tra paesi non omogenei.

In effetti è impossibile competere con la Cina dove il livello di retribuzione è circa 20 volte inferiore a quello italiano. Per questa ragione le Comunità Economiche vanno create tra paesi omogenei.

La Globalizzazione ci ha trovati impreparati, non strutturati a sufficienza e ciò ha peggiorato la nostra situazione economico-produttiva: quasi 4 milioni di disoccupati e 870.000 aziende chiuse.

Ma passiamo alla nostra proposta di Riforma Costituzionale e Legge Elettorale.

 proposta di modifica della Costituzione 

La nostra proposta per la modifica della Costituzione, un disegno a livello internazionale, si snoda in 13 punti chiave e una Magna Carta essenziale.

Tra i tredici punti leggibili nel nostro sito al link: Sistema Politico, troviamo interessanti i seguenti:

  1. Il Parlamento nel ruolo di assemblea costituente. Il Parlamento svolgerà il ruolo di assemblea costituente solo con una maggioranza di 7/8 dei suoi membri, in quanto la modifica della costituzione, a intervalli regolari riduce lo status della costituzione.
  2. Tutte le lingue vive di un paese devono avere pari dignità di fronte allo Stato o al governo.
  3. Parità di diritti. Tutti i cittadini devono avere pari diritti di fronte alla legge. Devono essere prese in considerazione in modo uguale per tutti i cittadini, le necessità materiali, in modo che tutti i cittadini possano ottenere equilibrio e bilanciamento nella vita collettiva.
  4. Comitato di Revisione. Per controllare il progresso economico e lo sviluppo delle diverse parti del paese, dovrebbe essere costituito, dal presidente, un comitato di revisione di alto livello. Se c’è una qualche diversità tra il governo e il Comitato, il presidente deve agire secondo i consigli del parlamento. E se non vi è alcuna differenza tra il parlamento e il Comitato, il presidente dovrebbe chiedere consiglio dalla corte suprema del paese e agire secondo il loro parere ufficiale, secondo le disposizioni della Costituzione.
  5. Causa contro il primo ministro o il presidente. Un caso giudiziario può essere depositato presso la Corte Suprema contro qualsiasi persona del paese inclusi il primo ministro e il presidente, perché ogni cittadino del paese è uguale davanti alla Costituzione.
  6. Diritto di autodeterminazione e di plebiscito. Il diritto di autodeterminazione di una parte del paese può essere riconosciuta solo sulla base di un referendum tenutosi in quella zona con il permesso del parlamento in assetto di assemblea costituente. Se il referendum si potrà tenere, dovrà essere tenuto sotto lo stretto controllo e la supervisione del governo centrale e del capo della Commissario Elettorale del paese.
  7. Deve essere garantita l’istruzione primaria per tutti e l’istruzione dovrebbe essere libera da ogni interferenza politica.
  8. La Legge e la Costituzione dovrebbero coincidere. La legge e la Costituzione dovrebbero essere le stesse per tutto il paese, come ogni individuo è uguale di fronte alla legge e davanti alla costituzione. Secondo la Costituzione, ogni parte del paese potrà godere dello stesso potere. Ad esempio, non dovrebbero essere consentiti diritti speciali o facilitazioni per il Kashmir. Oggi un Kashmiri può andare in Bengala ad acquistare dei terreni, una casa, ecc., ma un bengalese non può godere di tali privilegi in Kashmir. Questo tipo di discriminazione deve finire.

Possiamo aggiungere per l’Italia che non devono esistere Regioni a statuto speciale.

La formazione di un Governo Mondiale richiederà una Costituzione Mondiale. In tale costituzione dovrebbe essere inclusa una Carta dei Principi (o Bill of Rights) che comprenda almeno le seguenti quattro aree.

  1. Prima: dovrebbe essere garantita completa sicurezza a tutte le piante e gli animali del pianeta.
  2. Seconda: ogni paese deve garantire il potere d’acquisto a tutti i suoi cittadini.
  3. Terza: la Costituzione deve garantire quattro diritti fondamentali –
    1. Libertà di pratica spirituale
    2. Rispetto delle tradizioni culturali
    3. Istruzione
    4. Espressione delle lingue indigene.
  4. Quarta: se la pratica di uno qualsiasi di questi diritti confligge con i valori umani cardinali, allora tale pratica deve essere immediatamente fermata. Cioè, i valori umani cardinali devono avere la precedenza su tutti gli altri diritti.

Tutte le costituzioni del mondo soffrono di numerosi difetti. I punti di cui sopra possono essere adottati, dagli estensori delle diverse Costituzioni, per superare tali difetti.

 

 legge elettorale 

 Il Suffragio Universale, il diritto di voto a tutti i cittadini che abbiano compiuto il 18° anno di età, sebbene una conquista sociale di non poco conto, nasconde tuttavia dei problemi che possono inficiare e indebolire la Democrazia. Infatti se i/le votanti non hanno sviluppato una coscienza socio-economico-politica adeguata rischiano di dare il voto a persone incompetenti, e mosse da interessi individuali o di gruppo, che minano alla radice i principi stessi del vivere democratico. 

 

 il collegio elettorale 

Il collegio elettorale viene formato da tutti i cittadini che hanno sviluppato una COSCIENZA SOCIO-ECONOMICO-POLITICA adeguata per decidere la validità delle proposte di qualsiasi candidato. La Democrazia viene indebolita se a votare sono persone senza alcuna conoscenza dell’impianto sociale, economico, politico e culturale del paese.

Da questo punto di vista si propone che ogni elettore/trice debba essere sottoposto/a ad un esame adeguato per testare la propria conoscenza dei fattori civici di base, economici, e poter diventare un/a coscienzioso/a votante.

Il Suffragio Universale è stata una grande conquista della nostra società, ma per ciò che è emerso in questi ultimi anni (compravendita dei voti, spirito di appartenenza e interessi privati…), il sistema amministrativo si è sfaldato e la corruzione è diventata di casa, potrebbe essere modificato.

“Il diritto di voto deve essere conferito a persone istruite che hanno coscienza politica e consapevolezza dei problemi della gente. L’età non dovrebbe essere il criterio di diritto di voto. Se il diritto di voto è dato a persone analfabete, vi è la possibilità che siano eletti dei rappresentanti antisociali e incompetenti”. (P.R. Sarkar)

Per questo motivo dovremmo ripristinare l’Educazione Civica nelle scuole, e istituire come per il patentino del motorino o la patente automobilistica, un esame per chi desidera partecipare al collegio elettorale della propria area.

 

 sistema selecto-elettorale 

Si intende un sistema in cui vengono eletti dai collegi elettorali tutti i rappresentanti dal livello Comunale al livello Parlamentare, in un’unica elezione.

 facciamo un esempio per l’Italia 

Una premessa: tenendo conto che è necessario accorpare i comuni più piccoli fino a formare un’associazione di circa 5.000 persone, unità minima per la pianificazione economica, tuttavia per semplicità tralasciamo questa nota.

I collegi elettorali eleggono tutti i rappresentanti istituzionali dal livello comunale al livello parlamentare: in tutto ad es. 123.480 rappresentanti.

selecto-elettorale

  • 480 eletti selezioneranno il primo livello di Amministrazione: i Sindaci
  • L’insieme dei sindaci e i rimanenti selezioneranno i rappresentanti delle Provincie.
  • L’insieme dei rappresentanti delle Provincie e i rimanenti selezioneranno i rappresentanti delle Regioni.
  • I Rappresentanti delle Regioni e i Rimanenti selezioneranno i rappresentanti della Camera e del Senato.

Il Primo Ministro viene eletto dal Parlamento e il Presidente del paese dalla popolazione.

Nel sistema politico proutista sono presenti le Province, se necessario o i distretti (area geografica con circa 100.000 abitanti), sempre se necessario.

 parlamento 

 le funzioni di Camera e Senato sono distinte 

La Camera ha funzioni Analitiche delle problematiche delle aree interessate dai Collegi Elettorali, mentre il Senato ha una funzione Sintetica: vale a dire valutando in ragione di priorità, necessità, urgenza, fattibilità e obiettivi di sviluppo socio-economico, deciderà quali leggi vadano approvate, come unico organo deputato alla loro emanazione.

 

 rapporto stato-regioni-comuni 

 le tre strutture statali 

(da ‘Il Governo Mondiale’ – Edizioni IRP-Istitutodi Ricerca Prout)

Il Governo Mondiale avrà tre rami – Legislativo, Esecutivo e Giudiziario, con una divisione chiara di potere tra di essi. All’inizio il Governo Mondiale dovrebbe funzionare come un organismo legislativo, mentre l’amministrazione effettiva degli affari giornalieri sarà lasciata all’amministrazione dei governi nazionali e regionali.

L’Organismo Legislativo a livello mondiale e nazionale (federale)  dovrebbe essere di tipo bicamerale, con un Camera Alta e un Camera Bassa. Membri della Camera Bassa saranno eletti in proporzione alla popolazione e quelli della Camera Alta saranno un numero fisso di rappresentanti per ogni Paese. Di conseguenza, un Paese come Cina potrà avere più rappresentanti nella Camera Bassa, ma nella Camera Alta ciascun Paese avrà uguale rappresentanza.

A livello nazionale il PROUT propone una federazione di stati con una forma di repubblica presidenziale.

 divisione e distribuzione dei poteri 

Tutti i poteri di ciascun livello di governo saranno suddivisi e distribuiti dalla costituzione mondiale o da una delibera organica del Consiglio Mondiale. Il Governo Mondiale rimarrà responsabile della legislazione, delle relazioni internazionali, della salvaguardia dei diritti umani, della giustizia sociale ed economica, della valuta mondiale e del funzionamento della Banca Mondiale. Il Governo Mondiale dovrebbe avere a sua disposizione una milizia mondiale permanente senza alcun obbligo verso una qualsiasi nazione.

Possono rimanere sotto la responsabilità dei governi nazionali: difesa nazionale, affari esteri, valuta, ferrovie, poste e telegrafi, questioni di carattere internazionale come la rettifica dei confini, l’irrigazione e le grandi installazioni di generazione elettrica.

I governi regionali (o federali) rimarranno responsabili di agricoltura, industria, istruzione, infrastrutture, inclusa l’energia, strade, installazioni mediche, leggi e ordine pubblico ecc.

L’autogoverno locale sarà responsabile del welfare sociale, dell’approvvigionamento dell’acqua, dell’igiene, abitazioni, protezione ambientale, la protezione della flora e della fauna ecc.

L’allocazione del reddito e la politica della tassazione può essere decisa di conseguenza.

I diversi livelli di governo dovrebbero avere giurisdizioni chiare, demarcazioni di responsabilità e poteri, e un sistema adeguato di coordinamento.

E’ da notare che la divisione di poteri e funzioni in qualsiasi federazione non può essere qui elencata precisamente e potrebbe essere distribuita tra diversi livelli di governo. Per motivi di sicurezza nelle contingenze future, tutte le costituzioni della federazione dovrebbero assegnare poteri non elencati o residui al governo nazionale o al governo statale. Negli stati che hanno forti tendenze centrifughe come gli Stati Uniti, i poteri residui dovrebbero essere assegnati ai governi statali, mentre negli stati come il Canada e l’India, in cui le forze centripete sono più forti, tali poteri dovrebbero essere assegnati al governo centrale.

Su questioni funzionali, oltre alle funzioni nazionali e statali specifiche è generalmente prevista nella costituzione una lista di poteri che Governo Mondiale possono essere assegnati sia ai governi nazionali che statali, per esercitare la propria autorità legislativa su questioni specifiche, purché non violino le leggi federali.

 supremazia della Costituzione 

La costituzione è la fonte del potere e delle direttive funzionali per tutti i livelli di governo. Tutte le leggi approvate dai governi nazionali o statali non devono violare la costituzione mondiale. La costituzione dovrebbe essere chiara e rigida. Dovrebbero essere apportati emendamenti solo per affrontare le mutate circostanze, tenendo in considerazione il benessere generale e la razionalità delle relazioni fra gruppi e nazioni.

 

 

Post-terremoto: “Prima le fabbriche, poi le case e poi le chiese”

 post-terremoto: “prima le fabbriche, poi le case e poi le chiese” 

friuli_ricos_pDopo il terremoto del Friuli del 6 maggio 1976, di 6,5 gradi della scala Richter, mons. Alfredo Battisti, arcivescovo di Udine, dichiarò il 12 maggio: “Prima le fabbriche, poi le case e poi le chiese”.

Oggi, dopo il terremoto di Amatrice e di Norcia, impressiona l’insistenza con cui i mezzi di comunicazione sottolineano la perdita del patrimonio culturale e artistico, delle case distrutte, trascurando i problemi primari dei produttori agricoli e artigiano-industriali.

Certo per l’Italia le opere d’arte, le chiese, i musei sono un vanto, una risorsa turistico-culturale di estremo valore per la civiltà, ma c’è da sottolineare come sia l’economia produttiva, in ultima analisi, che può dare vita e sostenere sia le comunità, sia la scuola, i servizi e le opere d’arte etc.

Nella zona del cratere del terremoto attorno a Norcia-Amatrice ci sono 40.000 occupati in attività produttive. Se questi non lavorano sono 40.000 cassa-integrati da pagare, ma senza un futuro per quelle aree. Non è quindi il primo dovere di uno stato di ripristinare il lavoro in modo che parte della popolazione possa essere autosufficiente?

Sembra che viviamo nella speranza che l’arte, la sola gastronomia, il turismo possano sostenere un paese intero, mentre il debito pubblico sta aumentando a vista d’occhio, il disavanzo commerciale è in rosso, le aziende continuano a chiudere, l’agricoltura è a pezzi e dall’altra il nostro paese è diventato terra di conquista di francesi, tedeschi, che acquistano aziende decotte ma potenzialmente preziose. Non di solo turismo ed edilizia vive un paese: è necessaria la manifattura. L’apertura indiscriminata dei mercati l’ha distrutta, ma perché non ci siamo opposti e abbiamo deciso di salvaguardare la produzione italiana? Nulla, i nostri politici hanno accettato anche questa deriva come ineluttabile.

Abbiamo buttato alle ortiche la speranza di riprendere una vita dignitosa, e non lottiamo per il diritto di ripristinare l’equilibrio economico. Come mai ripetiamo spesso: “E’ perché lo vuole l’Europa!”, “E’ colpa della Globalizzazione!”, “E’ colpa del commercio internazionale e dei poteri forti”. Ma abbiamo mai provato a far sentire la nostra voce, delle proposte, un progetto per la ripartenza? O per lo meno protestare?

Abbiamo subito supini tutto ciò che ci veniva a mala pena suggerito e bisbigliato dalla UE: abbiamo inserito il limite del 3%, rapporto tra Debito e PIL in Costituzione! Abbiamo privatizzato l’acqua perché l’Europa si diceva ce lo impone, ma l’aveva solo suggerito! Abbiamo accettato le “quote latte”, a seguito di un errore matematico clamoroso del Ministero delle Politiche Agricole, e non le abbiamo volute pagare dopo che abbiamo firmato!. Non abbiamo lottato e piantato i pugni in Europa per cambiare questo stato di cose e diventare autosufficienti nella produzione latto-casearia, per mantenere i posti di lavoro? No, abbiamo perso 270.000 aziende agricole dal 2001!

Siamo fatalisti o non abbiamo il coraggio di lottare per i diritti individuali e collettivi? Non passa giorno in cui non ci siano notizie di indagati per corruzione negli appalti. Indagati si, ma mai che restituiscano i soldi rubati e sperperati! Siamo condannati a questo fato? Non ci gira per la testa che sia ora di dire basta ed essere i primi a suonare le campane per un nuovo inizio con ideali, valori e principi improntati al benessere collettivo, nella convinzione che il benessere individuale sta nel benessere collettivo e viceversa?

Vista l’esperienza del passato nella ricostruzione gestita dallo stato, spesso non andata a buon fine, la proposta è di assegnare alle famiglie i fondi per la ricostruzione della propria azienda e/o abitazione, lasciando il patrimonio pubblico e artistico allo stato. Dove in Italia l’accordo per la ricostruzione (azienda o abitazione) era tra la famiglia e l’impresa edile, la realizzazione è stata efficace, meno sprechi e tempi certi.

Allo stato va la coordinazione e gestione dei  luoghi e misure per la ripartenza dei paesi e cittadine, e la salvaguardia del patrimonio artistico, culturale.

Quindi consci di quanto l’economia giochi un ruolo importante nell’approvvigionamento delle necessità basilari per tutti, senza attendere ulteriori promesse dei politici di turno, affermiamo convinti che il programma di ricostruzione debba tenere conto della scaletta suggerita da mons. Alfredo Battisti, “Prima le fabbriche, poi le case e poi le chiese”. E l’esempio migliore della ricostruzione è il modello Friuli dove il potere dato ai sindaci è stato il motore e volano della rinascita locale.

Come diceva il grande artista italiano Ettore Petrolini: “Roma rinascerà, più bella e più superba che pria!”. Così possiamo “ricostruire l’Italia più grande e più bella che pria”. la teoria economica Prout può indicarne la strada.

Certo in questa battaglia dobbiamo dirci ‘devo essere il primo’, non c’è altra soluzione.

WTO e Vantaggio Comparato

di Tarcisio Bonotto


Il principio del Vantaggio Comparato dell’economista David Ricardo, di 200 anni fa, è alla base delle politiche economiche del WTO. Il WTO inneggia a tale principio per la massima liberalizzazione del commercio internazionale, (TTIP e TPP compresi) attraverso il quale sono collassate molte economie di paesi in via di sviluppo e ricche. In effetti i vantaggi sembrano essere solo a favore delle multinazionali e banche internazionali. Il TTIP-CETA-TPP sembrano infatti l’estensione della trama del WTO imbastita per l’economia mondiale.


Ho cercato di addentrarmi nei meandri dei ‘principi e dei valori’ che hanno spinto il WTO a redigere 27.000 pagine di trattati e regolamenti sul commercio internazionale, dando inizio alla cosiddetta globalizzazione economica.

Per la semplice ragione di poter comprendere i motivi per i quali sia aumentata la forbice tra ricchi e poveri a livello mondiale, perché sia aumentata la disoccupazione locale e perché le promesse di un abbassamento dei prezzi, di moltissimi prodotti e un innalzamento del tenore di vita per tutti, paesi poveri compresi, non siano state mantenute.

Sono molti i paesi ad aver firmato le regole WTO nei suoi tre trattati principali TRIM, TRIP, GATT, nella maggior parte dei casi senza averle lette in toto, o averne compreso appieno l’impatto sociale ed economico per i singoli paesi. Accettate come ‘atto dovuto’ affermava l’On. Fassino, firmatario per l’Italia. Accettate senza dibattito, solo perché redatte da autorità USA e da un numero spropositato di multinazionali, o firmate da importanti paesi industrializzati, o perché ormai era già stato avviato il processo di globalizzazione e non si poteva rimanerne fuori?

Perché il libero commercio suggerito dal WTO? Uno dei ‘principi’ basilari del WTO, che trovate nelle pagine web del sito www.wto.org, è descritto come ‘vantaggio assoluto e vantaggio comparato’ per i paesi che decidono di scambiarsi le rispettive merci. In generale, secondo il WTO, il libero mercato dovrebbe portare automaticamente ad un arricchimento di tutti i paesi. Ma vediamone i contorni.

In particolare, il WTO propone la teoria di David Ricardo sul Vantaggio assoluto e comparato.

“Supponiamo che il paese A produce automobili meglio del paese B e che il paese B produca pane meglio del paese A. E’ ovvio (gli accademici direbbero ‘elementare’) che entrambi ne beneficerebbero se il paese A, specializzato in automobili e il paese B, specializzato in pane, si scambiassero i rispettivi prodotti. Questo è il caso del vantaggio assoluto.

Ma se un paese non è in grado di produrre bene nulla? Il commercio cancellerà tutti i produttori locali? La risposta secondo Ricardo è no e la ragione è nel principio del vantaggio comparato.

E dice che sia il paese A che B, possono ancora beneficiare entrambi anche se il paese A è migliore di B nel produrre tutto. Se il paese A è migliore nel produrre automobili e leggermente migliore nel produrre pane del paese B, il paese A deve continuare ad investire nella sua specialità, automobili, ed esportare nel paese B, il paese B deve investire nella sua specialità, pane, ed esportare nel paese A anche se non è così efficiente come A. Entrambi beneficeranno da questo scambio commerciale. Un paese non deve essere per forza il migliore nelle diverse produzioni per guadagnare dal commercio. Questo è definito come vantaggio comparato. (Allegato B)

Questa teoria è dell’economista classico David Ricardo. Una delle più comprese dagli economisti. Una delle meno comprese dalla gente comune perché questo concetto è scambiato con il ‘vantaggio assoluto’.

Si dice che qualche paese (paesi poveri – ndt.), ad esempio, non possa avere alcun vantaggio comparato in alcun settore. Questo è virtualmente impossibile”. (Affermano al WTO).

Considerazioni

Non è sempre vero che il vantaggio assoluto sia effettivo per entrambi i paesi. Nel caso in cui ciascun paese non produca i relativi prodotti, tutto torna. Un esempio il Mango o il Licci non si riesce a produrli in Italia e li importiamo. Esportiamo Alta Moda italiana, perché altri paesi non riescono, per ora, a crearla.

La tendenza naturale, comunque, è di produrre in loco tutto ciò di cui si abbisogna e che si può produrre. Esempio: Il riso Carnaroli di Verona, oggi non si esporta più in Giappone perché lì viene coltivato localmente. Così pure il Vialone Nano, coltivato in California.

Oltre a ciò i prodotti attualmente scambiati sono di nicchia e non risolvono in toto i problemi economici di un paese.

Molta della veridicità della proposizione di Ricardo, dipende dal livello di sviluppo del singolo paese. Dove è necessaria una produzione ad alta intensità di manodopera è di beneficio per l’economia locale produrre anche ciò che si produce in modo meno efficiente di altri paesi, per garantire una capacità di acquisto adeguata, l’utilizzazione massima delle risorse locali e il lavoro. Un esempio: il Burkina Faso. Si fabbricano aratri di legno per le coltivazioni locali. Sarebbe più efficente l’uso di un trattore, ma in quale contesto si troverebbe tale trattore? Rifornimento, riparazioni, educazione all’uso sono tali da richiederne la presenza? La produzione locale di attrezzi agricoli crea un indotto virtuoso, un utilizzo comprensibile, una maggiore fiducia nella bontà ed equilibrio del sistema.

Per il vantaggio comparato, l’affermazione è ancora più dissonante.

Supponiamo che nel paese B, produttore di pane, vi sia un minimo livello di produzione agricola. Se questo paese è meno efficiente nella produzione di automobili o trattori o attrezzature, dovrebbe smettere tali produzioni? Diremo di no, per il semplice motivo che il paese rimarrebbe agricolo e non potrebbe mai industrializzarsi. Il valore aggiunto di un’automobile del paese A è molto più alto rispetto al valore aggiunto del pane scambiato dal paese B? Ma sta di fatto che i prodotti agricoli dei paesi poveri non possono essere scambiati con i paesi ricchi e che i prezzi sono fissati dai paesi ricchi (proposta NAMA).

Certamente l’Italia è tra i migliori paesi nella produzione di moda, mentre la Germania è specializzata nella produzione di prodotti tecnologici. L’import/export, limitatamente a questi prodotti specialistici, è avvenuto anche prima dell’avvento dei trattati di libero scambio del WTO. La stessa cosa vale per le Ferrari italiane, che esportiamo. Questo esempio di vantaggio assoluto, ci dice: ciò che non è possibile o non si è in grado di produrre in loco può essere importato e fin qui nulla di male.

Quello che fanno discendere invece, dal concetto di ‘vantaggio comparato’, al WTO, è che si può importare di tutto, quindi commercio libero senza restrizioni, per ottenere comunque dei vantaggi per tutti i paesi. Una forzatura che ha in sé il germe della dipendenza economica per moltissimi paesi, compreso il nostro, ma soprattutto per quelli in via di sviluppo.

Oggi lo scambio di prodotti viene sospinto più dall’enorme differenza nei costi di produzione, molto bassi nei paesi in via di sviluppo, che da questione di efficienza produttiva ai medesimi costi.

Ricardo non faceva menzione dei prezzi dei prodotti commerciati, comunque si potrebbe stimare che parlasse di vantaggi tra due paesi a prezzi di scambio simili. Ma il liberismo economico ci dice che tutto può essere importato, non ci si limita ai prodotti specialistici, e quello che conta sono i minori costi di produzione, come ‘vantaggio comparativo’. Ma tale vantaggio diventa solo ‘virtuale’ per l’acquirente finale e molto importante per le multinazionali che vendono.

Questo aspetto fiabesco, raccontato ad hoc dai poteri economici internazionali, ricorda un detto dell’India: “i capitalisti vogliono mungere la mucca senza darle nulla da mangiare…”

I pomodori prodotti in Italia sono migliori di quelli prodotti in Cina, perché la produzione è controllata da leggi molto severe rispetto a quelle cinesi, perché non esportiamo inostri pomodori in Cina mentre sono quelli cinesi che invadono il mercato italiano? Quale vantaggio comparato abbiamo da questo scambio? I produttori di pomodoro italiani non producono più, aumenta la disoccupazione del settore, le industrie non lavorano più i pomodori. Lo svantaggio evidente è lo smantellamento di un settore dell’agro-economia che in Italia produceva reddito e occupazione. Quali vantaggi comparati? Chi importa pomodoro dalla Cina, si arricchisce enormemente. I prezzi di vendita al pubblico non sono molto diversi dai prezzi dei prodotti locali. Si sono rimossi centinaia di posti di lavoro e si è aumentato l’arricchimento di poche persone.

In questo mercato aperto vi è qualche cosa che ci sfugge. Quale vantaggio comparato possiamo avere dall’importazione di frutta e verdura dalla Cina? Fino ad ora si sono viste solo preoccupazioni: la CIA (Confederazione Italiana Agricoltura) afferma: Un milione di aziende agricole a rischio, per le importazioni dall’estero”. Settore tessile: 80.000 posti di lavoro a rischio. Settore metalmeccanico: 30.000 posti di lavoro in bilico…

Se questo è il risultato del vantaggio comparato, o il WTO non ha preso in considerazione tutti i parametri necessari perché vi siano vantaggi comparati per tutti, o eleggono Ricardo a loro baluardo, portavoce di un concetto vecchio, forse applicabile nel suo tempo, per proprie finalità: il libero mercato favorisce l’apertura di nuovi mercati per i poteri economici e finanziari forti. Nulla a che fare, sembra, con una politica di sviluppo equilibrato sia dei paesi poveri che industrializzati, e soprattutto di garanzia delle necessità basilari per tutti.
Il concetto del ‘libero scambio’ senza restrizioni avanzato dal WTO non dovrebbe discendere dal concetto del vantaggio comparativo di Ricardo, non si riesce in effetti, con questo, a giustificarlo.

Inoltre: questa semplice teoria del vantaggio comparativo, delineata più sopra, richiede diverse importanti assunzioni, per diventare vantaggiosa per i paesi in questione:

  • Che non ci sia alcun costo di trasportoInvece c’è e incide sia sull’ambiente che sui prezzi
  • I Costi sono continui e non ci sono economie di scala
    Ci sono non solo economie di scala ma soprattutto costi di produzione molto diversi
  • Ci sono solamente due economie che producono due beni Non siamo in questa situazione teorica
  • La teoria presume che i prodotti negoziati siano omogenei (cioè identici)Non è questo in caso
  • Si presume che i fattori di produzione siano perfettamente mobili
    Terra, (fertilità, piovosità etc) – lavoratori (capacità, qualità etc) non sono perfettamente mobili
  • Non ci sono tariffe o le altre barriere doganaliSono state tolte dal WTO, perciò coincide
  • C’è conoscenza perfetta, cosicchè tutti gli acquirenti e venditori sanno dove trovare i beni più convenienti a livello internazionaleNon sempre è vero, anzi non è normale ricercare sempre a livello mondiale il prezzo più conveniente, ci sono problemi di approvvigionamento, conflitti sociali, tempi di fornitura etc che ne impediscono il corretto espletamento (da http://iang.org/free_banking/david.html “La teoria del vantaggio comparativo”)

 

Detto questo possiamo prevedere che il rilancio del capitalismo mondiale attraverso i trattati di globalizzazione, non sia altro che questo: vantaggi solo per i poteri economici forti, multinazionali e grosse aziende nazionali, distruzione della struttura economico-finanziario-produttiva dei singoli paesi, aumento della disoccupazione locale.

Quindi globalizzazione dei vantaggi? No. Krtashivananda definisce questo evento globale una cospirazione delle multinazionali. Una cospirazione dei gestori della dissacrante alleanza WTO-FMI-BM.

Una cospirazione contro l’umanità, contro la gente che muore di fame nei paesi in via di sviluppo attanagliata dal debito e dalle calamità naturali. Con questo non affermiamo che la globalizzazione non sia un evento necessario, ma in una globalizzazione per tutti, le sue regole e le sue metodologie, dovrebbero essere totalmente in contraddizione con quelle attuali del WTO. Per semplificare, ora, le definiamo in due punti: Aree Socio-Economiche Autosufficienti, e applicazione della Democrazia Economica.

Se guardiamo all’allegato C – David Ricardo e Vantaggio Comparativo – potremmo ricavare dall’analisi delle assunzioni o requisiti per la veridicità della teoria, che le condizioni espresse non esistono sul campo. Si può dedurre che la teoria del vantaggio comparativo fatta propria dal WTO, non porta vantaggi a nessun paese se non a quello che ha la possibilità di esportare di più. Fatto riconosciuto che i fatturati di molte multinazionali superano di gran lunga i budget nazionale di molti paesi e poiché le multinazionali dettano le regole del commercio internazionale, non si può parlare di benefici evidenti per i singoli paesi interessati.

Cambieremmo così volentieri, i principi del commercio internazionale, del libero scambio, con alcuni fondamenti tratti dalla teoria economica PROUT, tra i quali elenchiamo:

  • Ristrutturazione dei paesi in aree socio-economiche che abbiano omogeneità interna.
    Spieghiamo: Gli inglesi hanno creato l’IRAQ, che comprende 3 etnie: Shiiti, Sunniti e Curdi. Questo causa all’nterno del paese profondi conflitti. La proposta è di includere gli shiiti in un proprio territorio, con l’Iran ad esempio, creare dei paesi in cui vi sia omogeneità etnica… L’Alto Adige è stato annesso all’italia, prima apparteneva all’Austria. La creazione di zone socio-economiche omogenee è il primo passo per la creazione di unità sociale e amministrabilità politica.
  • Creazione di Comunità Economiche omogenee: formate da paesi con simili livello di sviluppo, di potenzialità economiche, come la UE (a 15) ASEAN, etc.
  • Ogni area socio-economica deve tendere alla autosufficienza economica
  • Libero scambio tra zone-socio-economiche omogenee che si sono associate a formare una ZSE più vasta.

Verona – 2006

Un’Europa di Zone Socio-Economiche Autosufficienti?

 un’Europa di zone-socio-economiche autosufficienti 


L’Europa come unione di Zone-Socio-Economiche Autosufficienti e sviluppate allo stesso livello? Che sia necessario per questo una Ital-EXIT, per ripartire con il piede giusto?

Se l’unione fa la forza è anche vero che se non vi è un obiettivo comune condiviso, e soprattutto una Costituzione, Codice Penale e Codice Civile, e procedimenti Amministrativi comuni, come afferma P.R. Sarkar nella sua teoria economica PROUT, il castello di sabbia così sviluppato per l’Unione di Paesi, non reggerà alle tempeste e mareggiate del tempo. Oggi “i grandi animali e i piccoli stati non possono più sopravvivere”, afferma ancora Sarkar, per cui sarebbe necessario attrezzarsi in diverso modo.

L’idea di Europa è buona, diceva un britannico intervistato prima del voto, ma ciò che non va bene è Bruxelles, cioè la sua amministrazione.

In questa idea è condensato il problema di un’organizzazione tra gli stati, che all’apparenza e secondo i manager di Bruxelles ‘sono tutti uguali’, ‘tutti sullo stesso piano per capacità economica e forza strutturale’. Ma non è vero. La scure delle regole europee, il 3% rapporto deficit-PIL, Libera circolazione delle merci… , si è abbattuta su paesi preparati, meno forti o debolissimi, allo stesso modo. Se questa idea, premessa di tutta l’azione e progettualità europea fosse sbagliata, e lo vediamo, immaginiamoci le conseguenze nefaste per i cittadini europei.

 Considerare tutti gli stati sullo stesso piano è un primo problema irrisolto della UE 

Vi è in Europa una grande varietà di organizzazioni statali, di Codici Civili, Penali, Costituzioni, livelli di sviluppo economico, capacità di acquisto, livelli di vita e retributivi. Facciamo un esempio, Estonia, Lettonia e Lituania al momento dell’ingresso in UE avevano un salario medio di 250 euro pro-capite, in Italia circa 1.000 euro. Questa differenza potrebbe non significare nulla agli occhi dei funzionari UE, ma dal punto di vista pratico ha tutte le ragioni per creare scompensi rovinosi nell’equilibrio anche precario interno.

europa-differenteSe un lavoratore estone viene in Italia, lavora nell’edilizia e costa leggermente meno di un italiano. Incassa emolumenti mensili circa 4 volte superiori al suo salario medio e l’italiano resta senza lavoro, a causa dell’offerta a più buon mercato. L’estone porta all’estero valuta italiana e se l’operazione si moltiplica per le decine di migliaia di operatori esteri, la cifra dell’esportazione di valuta verso l’estero sale di molto e gli investimenti interni calano. Doppia fregatura.

Abbiamo paesi deboli per lo scarso sviluppo industriale, agricolo, del servizi, del settore educativo, altri più o meno avanzati e altri forti in alcuni settori.

Un esempio la Grecia dove non è sviluppata l’agricoltura in modo integrato e le industrie mancano del tutto ad eccezione della cantieristica e poche altre. Il sistema di tassazione non è sviluppato e il paese, così debole e non strutturato, una volta sottoposto alle regole europee è praticamente collassato.

La Germania è forte dal punto di vista agricolo e industriale, ma soprattutto sa fare i propri affari, cogliendo con una certa caparbietà le migliori occasioni sia nel campo agricolo che industriale.

L’Italia era pronta per entrare nella UE? Il Meccanismo Europeo di Stabilità MES, una specie di tritacarne che mette a nudo debolezze strutturali di ogni paese, è stato un banco di prova temporaneo. L’Italia nel periodo di adesione al MES, ha visto la propria produzione industriale calare ai minimi storici. Una volta uscita dal MES si è ripresa ai valori standard.

MES-Ungheria

A questo proposito la produzione industriale dell’Ungheria, una volta entrata nel MES UE, ha cominciato a calare fino a diventare negativa. Nel momento in cui si è svincolata dal Meccanismo ES, la sua produzione è salita in un anno del 5-7%.

 Povertà ed EURO 

L’Italia, dall’entrata in vigore dell’Euro nel 2001, della globalizzazione nel 2004 e con l’avvento della crisi del 2008, che l’ha trovata indebolita, ha perso 600.000 aziende produttive e commerciali e 270.000 aziende agricole. Il cambio Lira/Euro, accettato da Prodi, è stato tragico, quasi due mila lire per 1 Euro, mentre il Marco è stato cambiato 1 a 1. Abbiamo perso da subito quasi il 50% del potere di acquisto. Oggi ci troviamo a non potere più far fronte alle spese familiari correnti, molti non arrivano a fine mese, i poveri sono aumentati alla cifra di 14 milioni.

 Produzione Industriale e agricoltura 

La nostra struttura produttiva industriale e agricola è stata quasi del tutto demolita, per la concorrenza SLEALE di molti paesi a seguito della globalizzazione. Molte aziende ancora chiudono, il prezzo delle materie prime crolla, la grande distribuzione si prende anche l’80% del prezzo finale dei prodotti. Il lavoro latita.

Ci si chiede a che cosa serve aderire a questo sistema europeo, se questa UE non è stata in grado di risolvere i problemi dei singoli stati e delle singole popolazioni, ma passando sopra alle più disparate necessità, come uno schiacciasassi, non è riuscita a risolvere i problemi di quasi nessun paese. In effetti il paese più forte mangia ancora il più debole e l’abbiamo visto nel singolar tenzone tra Germania e Grecia.

Questa Europa così, non s’ha da fare…

 

 La nostra idea di Europa 

 Europa, unione di paesi sviluppati e forti allo stesso livello di sviluppo socio-economico 

Solo a queste condizioni, essendo tutti forti, nessuno sfrutta o sopprime più l’altro. Un’Europa di PARI. Se questa fosse la vocazione dello statuto e delle azioni della UE allora li sposeremo in pieno. Monti invece ha voluto “ammazzare la domanda interna, in attesa delle locomotiva tedesca”. Non possiamo accettare una tale dipendenza, nonostante la legge di Ricardo del “vantaggio competitivo” teoricamente lo affermi, ma praticamente abbia fallito in ogni dove.

Obiettivo primario del sistema economico di un paese, dovrebbe essere la “garanzia delle necessità basilari all’esistenza” per ogni cittadino.

Economia, scienza, educazione, etc. sono al servizio dello sviluppo umano, non al servizio di interessi di pochi. L’Autosufficienza economica è il presupposto per la piena occupazione necessaria per ottenere un potere di acquisto sufficiente. Qui le Multinazionali e i lobbisti di Bruxelles avrebbero poco spazio. In Italia in particolare la manifattura, una rivoluzione industriale e una riforma agricola potrebbero essere necessarie per favorire una ripresa sostanziale. Dobbiamo scegliere.

 Ma come fare per far sviluppare ogni paese allo stesso livello, prima di aderire ad una unione di paesi? 

Lo spirito del nazionalismo, afferma P.R. Sarkar, sta gradualmente scomparendo dall’orizzonte mentale e le popolazioni di tutto il mondo si sentono unite in una unica grande famiglia umana.

Restano comunque problemi di sviluppo locali che abbisognano di un approccio locale, a fronte di un ideale pur universale.

Un progetto di sviluppo richiede una popolazione unita, con obiettivi comuni. L’unità della popolazione si può realizzare attraverso un sentimento comune, che di solito si sviluppo da diversi fattori: medesime potenzialità economiche, medesimo sistema di sviluppo, medesima lingua, religione, etnia, storia, letteratura, territorio,…

Solo una popolazione unita può realizzare un progetto di sviluppo comune, forze centrifughe invece possono impedire la realizzazione di tale progetto.

La divisione politica degli stati e delle nazioni oggi non ha più senso.

Sarkar propone invece la costituzione di Zone Socio-Economiche Autosufficienti che tengano conto di questi fattori. Facciamo un esempio. L’Italia potrebbe diventare una zona socio-economica autosufficiente ad eccezione di Sicilia e Sardegna che sarebbero a loro volta altre ZSEA confederate all’Italia. Se zone socio economiche autosufficienti non verrebbero più sfruttate dal “Nord”… e potrebbero crescere con le proprie gambe, … in un coordinamento solidale tra le aree federate.

Così ogni paese europeo, potrebbe strutturarsi come Zona Socio-Economica Autosufficiente. Quando ogni paese si sarà sviluppato allo stesso livello di performances socio-economiche allora si potrà unire agli altri senza avere i problemi presenti nella UE di oggi, dove il pesce più grosso mangia ancora il pesce più piccolo. Serve un piano di intervento di sviluppo progressivo ed equilibrato tra industria, agricoltura, educazione, ricerca, infrastrutture, etc.

 L’Italia potrebbe diventare una PROVINCIA dell’Europa 

Ci si domanda pure: che siano in parte i fondamenti culturali di ogni paese a modellare il loro sviluppo e a creare barriere tra i popoli? Quale valenza hanno i principi religiosi in questa trasformazione? La Germania è Calvinista dove un povero è tale perché ha peccato. Il Regno Unito è a maggioranza Calvinista, il che significa che se una persona ha successo economico è perché è benvoluta da Dio. L’Italia è Cattolica e se ricevi un ceffone su una guancia dovresti rivolgere anche l’altra.

Beh! Allora se questi sono i fatti, per avere un sistema economico realmente comune dovremmo avere anche una visione della vita e un ideale costruttivo comuni. Che ne dite?

Tarcisio Bonotto
IRP-Istituto di Ricerca PROUT
Verona

Riforma dello Statuto delle Cooperative Italiane

 Riforma dello Statuto delle Cooperative LAVORO_OLIO

 

Un progetto per ripristinare il corretto funzionamento del sistema cooperativo italiano e portare nuovo dinamismo alla vera cooperazione tra liberi cittadini, facenti parte di un’unica comunità.

 


 preambolo: cooperazione e cooperative 


Il concetto di cooperazione tra esseri umani iniziò molto presto nella storia: da quando,  per difendersi contro i pericoli della natura, per cacciare e procurarsi il cibo le persone di quel lontano periodo dovettero associarsi ed usare tecniche di azione di gruppo, coordinate e dirette verso un preciso scopo.

La cooperazione oggi lascia molto a desiderare. Viviamo in periodo storico oscuro, più simile ad una giungla che ad un a società di esseri evoluti.

Molti valori sono stati persi a causa del materialismo dirompente, della superficialità, dell’egoismo. Gli esseri umani vedono in un loro simile più un pericolo o un competitore che non un compagno di cammino verso maggior consapevolezza e conoscenza.

C’é  la necessità di recuperare  i valori sui quali dovrebbe basarsi una società civile, responsabile, matura ed equa, che garantisca a tutti indistintamente l’esistenza a livello fisico e lo sviluppo a livello mentale e spirituale, fornendo un ambiente socio-economico-culturale in cui le potenzialità di tutti i membri della società possano esprimersi al meglio.

Scuola, famiglia, ambiente di lavoro dovrebbero suggerire ed ispirare alla cooperazione, alla solidarietà sociale, alla coesione tra individui.

Per quanto riguarda il settore dell’economia e del lavoro queste esigenze formative possono venire coperte da un sistema cooperativistico in molti settori dell’economia: non solo quello agricolo o industriale, ma anche quello della distribuzione, dei servizi, del credito, della ricerca, scuola, università.

Purtroppo a tutt’oggi il sistema della cooperazione si basa su leggi (legge Basevi) del 1947, con poche modifiche successive, rivelandosi in pratica assolutamente inefficace.

Molti sono i problemi, ad iniziare dallo schema di statuto, dalla gestione spesso subordinata, dalle falle nella legislazione che permettono ogni tipo di frode e mistificazione.

Per questo, avendo come obiettivo della regolamentazione cooperativistica la formazione sociale, l’educazione alla partecipazione, alla responsabilità ed alla mutualità, abbiamo cercato di tracciare alcune linee guida per cambiare le leggi oppure, in caso ciò sia troppo complesso od ostacolato, per creare una nuova tipologia di impresa, cui abbiamo dato il nome di Società Cooperativa a Responsabilità Collettiva, – SCARC.

Per orientarci abbiamo esaminato un esempio funzionante di sistema economico basato sulla cooperazione: le Cooperative Mondragon. Le leggi andranno poi integrate con un programma per recuperare le aziende in difficoltà, trasformandole in cooperative di lavoratori, come si sta già facendo in alcuni casi.

Di seguito sono tracciate le linee guida generali su cui impostare delle proposte di legge e delle azioni pratiche.

 


 Proposta 


Proposta legislativa di Nuova Definizione di tipologia di società cooperativa denominata

SOCIETA A RESPONSABILITA COLLETTIVA (SARC)


  premessa  

Il Decreto Legislativo del Capo Provvisorio dello Stato 14 dicembre 1947, n. 1577 (più noto come “Legge Basevi”, dal nome di Alberto Basevi, figura storica del movimento cooperativo che si adoperò per il riconoscimento giuridico e costituzionale della cooperazione) è la legge che definisce (art. 26) la tipologia di società cooperativa rispondente al riconoscimento della “funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata“, contenuto nell’art. 45 della Costituzione. Da sottolineare la sostanziale coincidenza fra l’ispirazione della “Basevi” e quella dell’art. 45, elaborati nello stesso arco di tempo.

La “Legge Basevi”, non affronta il problema di una definizione nuova e univoca della società cooperativa sul terreno civilistico. I “requisiti mutualistici” definiti dall’art. 26, infatti, sono prescritti solo “agli effetti tributari”.

1947 – DLG 1577/47 Legge Basevi (DLG 1577/47) Decreto legislativo (DLGS) – Cooperative Sociali

(Requisiti mutualistici)

Art. 26. Agli effetti tributari si presume la sussistenza dei requisiti mutualistici quando negli statuti delle cooperative siano contenute le seguenti clausole:

  • divieto di distribuzione dei dividendi superiori alla ragione dell’interesse legale ragguagliato al capitale effettivamente versato;
  • divieto di distribuzione delle riserve fra i soci durante la vita sociale;
  • devoluzione, in caso di scioglimento della società, dell’intero patrimonio sociale – dedotto soltanto il capitale versato e i dividendi eventualmente maturati – a scopi di pubblica utilità conformi allo spirito mutualistico. In caso di controversia decide il Ministro per il lavoro e la previdenza sociale, d’intesa con quelli per le finanze e per il tesoro, udita la Commissione centrale per le cooperative.

(http://www.uil.it/cooperazione/Legge%20Basevi.pdf)

 

 Con questa proposta desideriamo definire sul terreno civilistico una nuova tipologia di società cooperativa 

Questa società cooperativa a responsabilità collettiva SCARC, ha finalità imprenditoriali fondate sulla attività collettiva dei soci lavoratori/trici, sulla co-operazione coordinata e non subordinata, lo sviluppo delle capacità individuali e la coesione sociale, l’efficienza produttiva e come obiettivo ultimo la necessità di raggiungere il 100% di occupazione per la popolazione locale.

Si intende per popolazione locale: “coloro che hanno fuso gli interessi socio-economici individuali con gli interessi socio-economici dell’area socio-economica in cui vivono”.

Persone perciò che vivono nella zona-socio-economica in questione ma che portano i capitali al di fuori di essa, oppure investono tali capitali al di fuori della medesima non sono considerati parte della popolazione locale e per questa ragione non hanno diritto di interferire nell’economia locale.

In questo tipo di cooperativa è possibile la distribuzione degli utili ai soci, l’allocazione di parte degli utili della cooperativa a fini sociali, e nella ricerca.

Si vuole con questa proposta oltrepassare le limitazioni di un sistema cooperativo improntato al mero concetto della mutualità tra i soci (più per fiscali che strutturali), al divieto di dividere parte degli utili. Infatti la proposta cooperativa Basevi sembra nascere più dalla preoccupazione, sorta subito dopo la II Guerra Mondiale, che i cittadini volessero arricchirsi a tutti i costi… che da un reale sentimento di cooperazione collettiva per lo sviluppo economico.

Un vero sistema cooperativo potrebbe sostituire le attuali azienda private che operano soprattutto nel campo dell’approvvigionamento delle Minime Necessità, e diventare la spina dorsale dell’economia. In questo quadro vi sono circa 40 studi che attestano come le vere cooperative siano più efficienti delle relative aziende private sia in termini di remunerazione, sia di stabilità del posto di lavoro, di efficienza produttiva e di reinvestimento degli utili.

 

 la SCARC adotta questi principi e valori aziendali 

  • Ammissione Aperta a Tutti/e

La cooperativa SARC è aperta a tutti gli uomini e le donne che accettano i seguenti principi di base senza alcun tipo di discriminazione:

  • Organizzazione Democratica

L’uguaglianza di base dei soci lavoratori in termini di diritti di essere, possedere e sapere, implica l’accettazione di una società democraticamente organizzata sulla base della sovranità dell’Assemblea Generale, elezione degli organi di governo e collaborazione con gli organi direttivi. Una persona, un voto.

  • Sovranità del Lavoro

Il lavoro è il fattore principale di trasformazione della natura, società e degli esseri umani stessi. Di conseguenza, l’assunzione sistematica di lavoratori dipendenti è stata abbandonata, a favore dei soci, la piena sovranità è riferita al lavoro, la ricchezza creata è distribuita in termini di lavoro fornito e c’è la volontà di estendere le opzioni di lavoro disponibili a tutti i membri della società.

  • Natura strumentale e subordinata del capitale

Il Capitale è considerato uno strumento subordinato al lavoro, necessario per lo sviluppo del business. Pertanto, si è compreso che è degno di equa e adeguata remunerazione, che è limitato e non direttamente legato ai risultati economici conseguiti e alla sua disponibilità, subordinato alla continuità e allo sviluppo della cooperativa.

  • Gestione Partecipativa

Lo sviluppo costante dell’auto-gestione e, di conseguenza, di partecipazione dei soci nel settore della gestione aziendale, a sua volta, richiede lo sviluppo di meccanismi adeguati per la partecipazione, l’informazione trasparente, la consultazione e la negoziazione, l’applicazione di piani di formazione e di promozione interna.

  • Retribuzione di Solidarietà

Una retribuzione equa e sufficiente per il lavoro svolto, mirante a garantire le necessità vitali quali: alimenti, vestiario, abitazione, cure mediche ed educazione, come principio di base della gestione cooperativa, e questo sulla base della vocazione permanente di promozione sociale collettiva, secondo le reali possibilità della cooperativa, sul piano interno ed esterno.

  • Inter-cooperazione

Per l’applicazione specifica della solidarietà e come requisito per l’efficienza aziendale, dovrebbe essere evidenziato il Principio di Inter-cooperazione: tra le singole cooperative, tra i sottogruppi, le organizzazioni cooperative italiane i movimenti cooperativi Europei e del resto del mondo.

  • Trasformazione Sociale

Per garantire una trasformazione sociale equa interna e con gli altri popoli, c’è la volontà di coinvolgimento in un processo di espansione, che aiuti la ricostruzione sociale ed economica, la costruzione di una società più giusta e più libera.

  • Universalità

Sviluppo della solidarietà con tutti coloro che lavorano per la democrazia economica, nel settore dell’economia sociale, adottando gli obiettivi di pace, giustizia e di sviluppo, insiti nel Movimento Internationale Cooperativo.

  • Educazione

Per promuovere la costituzione dei principi di cui sopra, è indispensabile allocare risorse umane e finanziarie sufficienti e per le co-operative, la formazione professionale e della gioventù.

 

 valori aziendali 

  • La Co-Operativa

L’azienda è nostra, si sperimentano problemi e successi, fattori che influenzano direttamente la nostra esistenza.

  • Partecipazione

L’impegno nella gestione è l’essenza del modello della cooperazione socio-economica e coinvolge tutti nella gestione, nel capitale e nel profitto.

  • Responsabilità sociale

Implica sviluppo personale in armonia con l’azienda, il miglioramento della nostra comunità, dove si applica la solidarietà, e rispetto per l’ambiente.

  • Innovazione

Un’idea di innovazione a 360 gradi che copre la gestione, modelli, processi e prodotti. Ciò fornisce valore per la clientela e rafforza la competitività delle nostre imprese.

 

 carta dei diritti democratici dei lavoratori 

Riconosciamo che i lavoratori hanno diritti inalienabili, grazie al loro lavoro, tra i quali:

  1. diritto di possedere e controllare democraticamente il capitale.
  2. diritto di spendere il 10% del capitale per la salute, istruzione e il benessere del lavoratore e della famiglia.
  3. diritto, di reinvestire nella ricerca e sviluppo di nuove imprese il 20% del profitto.
  4. diritto, di distribuire come dividendi ai lavoratori il 70% del profitto.
  5. diritto a salari equi. Parità di orario e servizi, parità di retribuzione.
  6. diritto di limitare il tempo di impiego in amministrazione.
  7. diritto a condizioni di lavoro sane e sicure.
  8. diritto di pratiche commerciali sicure per l’ambiente.

N.B. Alcune delle proposte sono state estrapolate dallo statuto delle Cooperative Mondragon dei Paesi Baschi. Nate nel 1954 sono tutt’ora stabili e un esempio encomiabile di fare cooperazione. Anche se alcuni aspetti delle relazioni cooperative andrebbero migliorati, tuttavia rimangono un esempio di ‘vera’ cooperazione socio-economica solidale.

 

 Approfondimenti sul tema Cooperazione 


 Legge Basevi (D.Lgs.C.P.S. n. 1577/47) Provvedimenti per la cooperazione 

 Cooperative Proutiste 

 Cooperazione coordinata 

“Operare” significa realizzare qualcosa con qualsiasi mezzo o supporto”. Supponiamo che si operi su una macchina utensile. Se questo tipo di operazione viene eseguita con un impegno collettivo, allora è chiamata “cooperazione”. Si parla di cooperazione, se qualcosa è fatto con parità di dirittipari prestigio umano e parità nella legittimazione ad agire. In ogni campo della vita collettiva ci dovrebbe essere cooperazione tra i membri della società”di P.R. Sarkar


 

L’impresa agricola aggregata: una risposta ai problemi dell’agricoltura italiana

l’impresa aggregata: una risposta ai problemi dell’agricoltura italiana

Una risposta ai problemi strutturali dell’agricoltura arriva dall’aggregazione delle imprese… contenuta nel decreto legislativo n. 99 del 2004, che ha introdotto una nuova forma societaria, la società agricola,… In base alle nuove norme la società agricola può esercitare attività che vanno dalla trasformazione alla commercializzazione fino alla fornitura di servizi. 

agricoltura11

 In Italia ed Europa il 95% delle aziende agricole è molto frazionato e occupano un’area da 1 ettaro a 10 ettari complessivi. Troppo poco per essere remunerative, sostenibili e produttive secondo le necessità dei nostri giorni. Per la loro dimensione ridotta infatti non riescono a meccanizzarsi e sono fagocitate da poteri economici forti che spesso nulla hanno a che fare con l’agricoltura. (IRP)


 Alcune note introduttive 

Il sistema agroalimentare italiano presenta alcune peculiarità riconducibili da un lato alla sua complessità, dall’altro alla sua forte eterogeneità. La complessità, che si ritrova anche nelle altre realtà europee, deriva dal forte processo di integrazione fra le diverse componenti del sistema, dall’agricoltura all’industria di trasformazione, alla grande distribuzione, fino ai rapporti con il consumo finale e la sicurezza alimentare, ma anche dall’affermarsi di collegamenti sempre più stretti con gli altri paesi, in particolare europei, con un notevole incremento degli scambi di beni agricoli e alimentari, che hanno reso la realtà italiana sempre più aperta verso l’esterno.

La forte eterogeneità deriva dalle profonde differenziazioni struttali e territoriali, esistenti nella realtà italiana, che si riflettono in misura rilevante sulle interrelazioni prima accennate. Le differenziazioni riguardano le strutture, i livelli di trasformazione incorporati nei beni alimentari che comportano organizzazioni differenti, le diverse modalità con cui le imprese e territori si rapportano alla distribuzione e ai rilevanti mutamenti della domanda alimentare. Eterogeneità e complessità possono rappresentare un punto di forza o un punto di debolezza nella ricerca di nuove competitività del sistema agroalimentare italiano nel nuovo scenario dell’Unione Europea allargata, ma dipendono in misura sostanziale dalle politiche adottate ai differenti livelli, nazionale, regionale e locale.

Un aspetto critico dell’agricoltura italiana è senz’altro quello relativo al mancato ammodernamento delle strutture aziendali nel corso degli ultimi decenni. Il numero delle imprese agricole è assai più limitato rispetto all’universo aziendale censito, ma permane comunque una loro limitata dimensione fisica ed economica e ciò può avere importanti riflessi nella ricerca di nuove opportunità competitive per l’agricoltura italiana. Soltanto le imprese di più grandi dimensioni hanno e avranno infatti la capacità di adottare innovazioni tecnologiche, di inserirsi nelle filiere agroalimentari e di attuare efficienti strategie produttive, con una progressiva diminuzione dei costi di transazione interni, nonché di fronteggiare efficacemente le ripercussioni delle politiche comunitarie.
Le cause del mancato ammodernamento strutturale sono molteplici: dalle norme relative alla successione ereditaria che non tengono conto della specificità dell’azienda/impresa agricola, alle quotazioni elevate dei terreni nel mercato fondiario, che impediscono l’ampliamento delle superfici attraverso l’affitto o l’acquisto. Ma il mancato ammodernamento va anche ricercato nel forte impatto delle politiche comunitarie protezionistiche, che spesso hanno piuttosto prodotto la ricerca di flessibilità nell’utilizzazione del capitale umano (pluriattività) e nella organizzazione dei processi produttivi (contoterzismo).

Non esistono analisi approfondite delle tipologie aziendali esistenti nell’agricoltura italiana in base ai dati censuari del 2000, a parte i lavori di Russo, Sabbatini (2005) e di Sotte (2006), in Agriregionieuropa n.5 [link], rispetto al dettaglio raggiunto nei decenni precedenti (Fabiani, Gorgoni, 1973; Fabiani, Scarano, 1995, Fanfani, 1986, Montresor, 2000).

Ciò rappresenta una grave lacuna, in quanto poco sappiamo delle loro nuove peculiarità e vulnerabilità, degli effetti derivanti dalla diminuzione delle politiche di protezione e dall’andamento dei mercati, con ripercussioni sui loro redditi e in alcuni casi sulla loro persistenza. Dalle indagini condotte sulla presenza di giovani conduttori (Sotte, Carbone, Corsi in Agriregionieuropa, n.2, 2005 [link]) risulta che l’impresa agricola italiana, di dimensioni fisiche ed economiche limitate e con scarsa propensione agli investimenti, è in larga prevalenza “anziana”. Più che in altri paesi europei questa situazione è frutto della mancanza di prospettive occupazionali e di reddito per i giovani, ma poco sappiamo sul potenziale ricambio generazionale nelle famiglie agricole a livello territoriale. Già negli anni Novanta il quadro della famiglia agricola metteva in evidenza la forte riduzione della sua numerosità, con adeguamento alle tendenze demografiche più generali del paese.

 Le forme di aggregazione delle imprese agricole 

Una risposta ai problemi strutturali dell’agricoltura arriva dall’aggregazione delle imprese, cioè dai nuovi strumenti di sviluppo messi a disposizione delle aziende agricole per lo sviluppo di nuove strategie orientate alla competitività.
Le fonti di queste nuove forme di aggregazione si trovano nelle importanti novità contenute nel decreto legislativo n. 99 del 2004, che ha introdotto una nuova forma societaria, la società agricola, ma anche nella riforma del diritto societario, entrata in vigore dal 2004, e nelle semplificazioni introdotte con il decreto legislativo n. 102 del 2005 per le Organizzazioni di produttori (1).

In base alle nuove norme la società agricola può esercitare non solo le attività previste dall’art. 2135 del Codice civile per l’imprenditore agricolo, ma anche, in base al decreto legislativo 228/2001, tutta una serie di attività connesse, che vanno dalla trasformazione alla commercializzazione fino alla fornitura di servizi. Nell’esercizio di queste attività l’impresa aggregata può usufruire delle agevolazioni fiscali (2), delle procedure burocratiche semplificate, degli specifici interventi di sostegno previsti per i coltivatori diretti.

Le società agricole possono infatti assumere la qualifica di imprenditore agricolo professionale, con i relativi benefici, purché, se società di persone, almeno un socio e, se società di capitali, un amministratore siano imprenditori agricoli professionali (cioè dedichino almeno il 50% del loro tempo all’azienda e ricavino almeno il 50% del suo reddito da tale attività). Le società possono essere di persone (semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice); di capitali (per azioni, a responsabilità limitata, accomandita per azioni), cooperative (a mutualità prevalente o meno) (3), consorzi (con attività esterna e interna).

L’aggregazione delle imprese può avvenire attraverso due modalità. La prima è quella che prevede forme di collaborazione, senza la perdita di identità, da parte delle singole imprese che decidono di adottare strategie comuni per l’utilizzo dei fattori produttivi o per singole fasi produttive o per l’accesso al mercato o, infine, per la condivisione di alcune idee imprenditoriali. La seconda modalità è quella che si concretizza nella nascita di un nuovo soggetto, senza ripercussioni sugli aspetti di carattere patrimoniale; si tratta di un’impresa di maggiori dimensioni che consente una migliore efficienza nell’utilizzo dei fattori produttivi e una maggiore redditività rispetto alle singole imprese aggregate.

Una recente indagine, condotta a livello nazionale, dalla società Agri2000 (4) ha messo in luce le principali peculiarità delle imprese aggregate presenti nella realtà italiana. Si tratta di imprese diffuse in larga parte nelle regioni settentrionali, che operano prevalentemente nella commercializzazione diretta dei prodotti (35% delle unità rilevate), seguita dalla gestione di terreni e di allevamenti (25%) e dalla trasformazione (15%); altre attività sono la gestione dei servizi, della manodopera, l’acquisto e la gestione comune dei mezzi tecnici, nonché la valorizzazione dei prodotti.

Sotto un profilo settoriale, i comparti più coinvolti sono quello zootecnico, seguito da quello ortofrutticolo. Le modalità di aggregazione sono le più diversificate, anche se la maggior parte delle aggregazioni predilige la forma cooperativa (40% dei casi), soprattutto nella forma di piccola società cooperativa, e la società semplice (20%). Minore diffusione hanno invece le società di capitali e le associazioni, in genere per la valorizzazione dei prodotti, le società di persone e gli accordi scritti.

 Le opportunità ed i limiti dei nuovi strumenti di aggregazione 

agricoltura33Le opportunità offerte da questi nuovi strumenti di aggregazione delle strutture agricole sono numerosi; essi consentono infatti:

  • il raggiungimento di maggiori economie di scala, superando i limiti della singola azienda, con conseguente diminuzione dei costi di produzione;
  • una maggiore possibilità di accesso al credito, facilitando gli investimenti aziendali e le innovazioni tecnologiche, aspetti cruciali nell’attuale fase dello sviluppo;
  • un incremento della specializzazione in determinate produzioni e in determinati processi produttivi per le singole unità e, al tempo stesso, un aumento della diversificazione delle produzioni e dei servizi (prodotti di qualità, agriturismo, il che comporta una maggiore flessibilità produttiva dell’impresa aggregata, fondamentale importanza per fronteggiare la concorrenza in un mercato sempre più aperto;
  • l’incremento della redditività agricola, soprattutto nel caso della vendita diretta, in quanto il maggiore valore aggiunto viene trattenuto dalla componente agricola, a scapito degli operatori a valle della filiera.

 

 I limiti sono essenzialmente di due ordini 

Il primo è intrinseco agli strumenti adottati. L’aggregazione può infatti non assumere caratteri di stabilità nel tempo, in quanto si basa sulla fiducia e sulla costruzione del consenso da parte dei singoli imprenditori, che possono venire meno in un arco temporale di medio o lungo periodo. Le strategie adottate possono essere così, per alcuni aspetti, riduttive rispetto alle potenzialità, ma ciò dipende anche dalla scelta della forma societaria prescelta.
Il secondo limite è di carattere più generale. Questo nuovo quadro normativo si rivolge alle imprese che presentano aspetti potenziali di vitalità. Queste potenzialità si trovano nelle aziende con giovani conduttori o in cui vi sia un ricambio generazionale e le strategie imprenditoriali siano rivolte alla permanenza nel settore agricolo. In base alle considerazioni svolte in precedenza, poco sappiamo delle realtà presenti nei differenti contesti territoriali e ciò può ostacolare l’adozione delle opportune misure di supporto a livello locale e regionale.
Non solo nella fase della sua creazione, ma anche nella gestione, l’impresa aggregata necessita di un’azione incisiva da parte delle istituzioni locali per servizi sia di carattere generale (ad esempio la formazione del capitale umano), sia più specifici (supporto tecnico). La scelta di operare insieme implica una dettagliata indagine delle caratteristiche strutturali delle aziende coinvolte ed una verifica puntuale delle potenzialità delle strategie adottate, nonché un’attenzione particolare alla modalità di aggregazione prescelte. L’aggregazione delle imprese rischia dunque di non essere utilizzata nelle aree più deboli del paese, con minore densità istituzionale, in cui un’ampia quota di territorio deve raggiungere adeguate condizioni di vita economica, sociale e ambientale.

Nonostante questi limiti, l’impresa aggregata può rappresentare una risposta ai problemi dell’agricoltura italiana.

Non a caso questo strumento è stato posto al centro dell’attenzione nei Piani di Sviluppo Rurale (ne sono esempi Emilia-Romagna e Veneto), gli interventi dovranno essere i più flessibili, in modo da adattarsi al mosaico delle situazioni presenti. Questo percorso rinvia alla necessità in precedenza accennata: gli economisti agrari debbono riprendere le indagini sulle differenti tipologie esistenti, per comprenderne le differenti capacità di risposta alle molte funzioni che la società rivolge al settore primario.

Note

(1) Questo provvedimento ha ridotto a 5 il numero minimo di produttori e il volume di produzione dei soci che può essere commercializzato direttamente, pari a 3 milioni di Euro.
(2) Le attività connesse sono soggette a tassazione come redditi agrari, non più come redditi di impresa. Per i servizi svolti in altre aziende con mezzi provenienti dall’impresa agricola è previsto un regime forfetario di tassazione.
(3) Le cooperative sono a mutualità prevalente quando o le attività svolte (vendita di beni e di servizi) o le prestazioni di lavoro dei soci o gli apporti di beni e di servi sono prevalenti. Nel caso della cooperativa agricola la prevalenza fa riferimento anche alla quantità dei beni conferiti, anziché al valore degli stessi.
(4) Agri2000 e’ una società di servizi, ricerca e sperimentazione per il settore agroalimentare e per l’ambiente: http://www.agri2000.it/

Riferimenti bibliografici

  • Corsi A., Carbone A., Sotte F., “Giovani e impresa in agricoltura”, Agriregionieuropa, n. 2., 2005 [link]
  • Fabiani G., Gorgoni M., “Un’analisi delle strutture dell’agricoltura italiana”, Rivista di Economia Agraria, n. 6, 1973
  • Fabiani G., Scarano G., “Una stratificazione socio-economica delle aziende agricole: pluralismo funzionale e sviluppo territoriale”,La Questione Agraria, n. 59, 1995
  • Fanfani R., “Le aziende agrarie negli ultimi cinquanta anni”, in La Questione Agraria, n. 23, 1986
  • Montresor E., “L’articolazione territoriale nell’agricoltura italiana”, in Fanfani R., Montresor E. (eds), La struttura sociale dell’agricoltura italiana verso il 2000, Franco Angeli, Milano, 2000
  • Russo C., Sabbatini M., “Analisi esplorativa delle differenziazioni strategiche nelle aziende agricole”, Rivista di Economia Agraria, n. 4, 2005
  • Sotte F., “Quante sono le imprese agricole in Italia”, Agriregionieuropa, n. 5, 2006 [link]
Università di Verona, Dipartimento di Economie, Società e Istituzioni

Costituzione Italiana: qualche ritocco per un’esistenza dignitosa

di Tarcisio Bonotto, Franco Bressanin

Art.36-costituzioPrendo l’occasione del bell’articolo di Luigi Pecchioli su www.scenarieconomici.it, ‘La Costituzione Economica’ per integrarne alcuni aspetti e prospettare un possibile scenario di sviluppo.

Anche se la Costituzione Italiana è una tra le più copiate al mondo, certamente dopo molti anni dalla sua nascita, può necessitare di qualche ritocco per adattarsi ai tempi.

In particolare l’articolo 36, che attesta:

“Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”, dovrebbe spiegare due assunti:

  • la proporzione della retribuzione rispetto alla qualità del lavoro, quindi il metodo per determinare un diverso livello retributivo per le varie professioni e lavori, e
  • quali elementi possano assicurare una vita dignitosa e libera.

Oggi c’è infatti la necessità di specificare tali concetti stabilendo “che cosa debba essere garantito dalla retribuzione” e di conseguenza “quale dovrebbe essere il livello retributivo”, meglio ancora “quale dovrebbe essere il livello di potere di acquisto”, per permettere che ciò avvenga. Non possiamo lasciare alla trattativa privata o sindacale e governativa, con parametri aleatori, la decisione del livello salariale o al puro calcolo matematico senza avere precisi obiettivi sociali e umanistici.

Nel periodo in cui la retribuzione dei lavoratori era regolata dalla Scala Mobile[1], che legava il salario all’indice dei prezzi al consumo, il livello di vita medio, in un periodo di boom economico, era migliorato.

Se dovessimo determinare ciò che serve per una vita libera dalla povertà e dall’indigenza, e perciò dignitosa, scopriamo che la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948, Art. 25 e 26, e la teoria economica PROUT, elencano in maniera puntuale, le cosiddette Minime Necessità (i bisogni primari): alimenti, vestiario, abitazione, cure mediche e istruzione. Queste dovrebbero essere garantite, dal Governo in carica.

La teoria PROUT, del 1967, in effetti avvalla la proposta della Dichiarazione del 1948, ma oltre a elencare le Necessità Basilari, come diritti fondamentali per la sopravvivenza e il proprio sviluppo, propone un metodo per la loro attuazione: un Sistema Economico Collettivo (non statale), non privatistico, né statale ma a gestione collettiva. In effetti la dichiarazione è rimasta tale in un’ambiente capitalistico che non potrà mai realizzarla perché fondato sul profitto e sul concetto di arricchimento personale attraverso lo sfruttamento degli altri.

Sarkar, autore del Prout, afferma che tali minime necessità dovrebbero essere inserite nella Costituzione e potranno così obbligare il Governo a garantirle ai propri cittadini attraverso un lavoro o per coloro che non possono lavorare, attraverso una rendita o altri strumenti, pena la sua decadenza. Per avere garantiti tali diritti, dovrebbe essere disponibile un lavoro, ciò che la Costituzione attuale afferma essere il fondamento della Repubblica.

Per avere la massima occupazione l’economia dovrà essere necessariamente AUTOSUFFICIENTE, per lo meno nella produzione e distribuzione delle Minime Necessità. Un’autosufficienza aperta al commercio internazionale, ma non distrutta dalle regole internazionali.

Autosufficienza significa che si dovrà produrre in loco tutto ciò di cui si necessita e si può produrre, al massimo grado. Antitetica alla Globalizzazione. Oggi importiamo di tutto e le nostre produzioni vengono distrutte. Non è vero che i prodotti importati costano meno, è un mito che è necessario sfatare. Nei prodotti importati infatti non mai incluso il prezzo della disoccupazione locale che quesi creano, dei conflitti sociali che generano, dei morti per indigenza.

Un’economia Autosufficiente dovrà svilupparsi in maniera equilibrata nei suoi vari settori, agricoltura, agro e agrico industrie, industrie non agricole, commercio e servizi. Oggi i servizi occupano il 62% della popolazione, industria il 29% e l’agricoltura solo il 3,8%, troppo poco per avere i conti in regola. Secondo il PROUT dall’agricoltura dovrebbe dipendere circa il 30-40% della popolazione, agro e agrico-industria il 20-30%, industria non agricola 20%, commercio 10% e servizi 10%

Un secondo aspetto importate è il rapporto salari/produttività. Per eliminare la disoccupazione, la povertà e le bolle speculative l’economista Ravi Batra, afferma:

  • i salari devono seguire di pari passo la produttività aziendale
  • salari elevati mantengono i posti di lavoro e possono perciò garantire le necessità basilari. (http://irprout.it/?p=2450).

Il sistema di lavoro, per essere maggiormente efficiente, dovrebbe essere improntato alla COOPERAZIONE COORDINATA, non SUBORDINATA come nel presente sistema economico, per attivare tutte le energie della popolazione lavoratrice e non tarparle in un rapporto tra imprenditori, lavoratori, sindacati e governo di natura conflittuale e antitetico.

Dove questa cooperazione coordinata e condivisa è presente vi è più elevata produttività, solidarietà, coesione sociale, e migliore distribuzione della ricchezza.

In conclusione, dovremmo poter inserire nell’Art. 36 della Costituzione italiana, una specifica:

  • “E’ necessario garantire a tutti le minime necessità per l’esistenza in particolare: alimenti, vestiario, abitazione, cure mediche, istruzione, come diritto di nascita. Inclusi, in una società avanzata, trasporti e comunicazioni.
  • Il potere di acquisto è il metro di misura del benessere della popolazione e deve essere tale da garantire le minime necessità.
  • I livelli salariali devono andare di pari passo con la produttività, per mantenere occupazione, eliminare la povertà e assicurare la garanzia delle necessità basilari. Il Gap-Salariale dovrebbe essere tale da mantenere l’equilibrio tra Domanda-Offerta.”

 “La nostra conclusione principale è che l’aumento del differenziale salario-produttività, a causa delle politiche del governo, è la causa primaria, se non l’unica, delle recessioni, della disoccupazione, degli enormi profitti e, di conseguenza, dell’eccessiva concentrazione della ricchezza”. Ravi Batra

Vedi Riforme Costituzionali: http://irprout.it/?page_id=333

Gap-Salariale – Una Rivoluzione in Macroeconomia: http://irprout.it/?p=2450

[1] La scala mobile è uno strumento economico di politica dei salari volto ad indicizzare automaticamente i salari in funzione degli aumenti dei prezzi, al fine di contrastare la diminuzione del potere d’acquisto dovuto all’aumento del costo della vita, secondo quanto valutato con un apposito indice dei prezzi al consumo (wikipedia)